I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

NEWS

Le vostre notizie >> Exallievi uniti dopo 70 anni

Un rapporto di amicizia inossidabile, nato in tempo di guerra, si rinnova ogni anno con un incontro fraterno. Anche eventi traumatici, come possono essere le guerre, riescono talvolta a creare situazioni affettive davvero uniche.
I protagonisti sono dei compagni di scuola del Collegio Salesiano San Giovanni Evangelista di Torino nel periodo della Seconda Guerra Mondiale.
A distanza di più di settant'anni i superstiti di quella classe si incontrano ancora oggi in modo sistematico a scadenza annuale.
Infatti nel 1967, grazie all'iniziativa di alcuni di loro, fu organizzato il primo raduno degli ex compagni a Peveragno, in provincia di Cuneo, dove si era ritirato nel frattempo don Ricardino, vero figlio di Don Bosco, preparato e serio insegnante di lettere di allora, che con dedizione assoluta, in tre anni, aveva forgiato cuore e mente di quei giovani, e che tanto aveva aiutato i ragazzi a creare quel rapporto di amicizia autentica che perdura ancora oggi e che li ha legati strettamente anche ai nuovi compagni trovati negli anni successivi al ginnasio superiore e liceo classico di Valsalice e anche ai nuovi superiori, temuti ma anche amati, come don Defilippi, don Sordo, don Amerio, don Coiazzi, don Bava, don Scaramal, don Giobbio e del direttore don Marcoaldi.
Da allora, ogni anno (senza interruzioni per 49 volte), a turno ciascuno dei compagni, si è assunto il compito ed il piacere di organizzare l'incontro che via via ha visto aumentare il numero degli invitati.
I luoghi degli eventi sono stati i più disparati: da Courmayeur al lago d'Orta, dalla Sacra di San Michele a Oropa, Pinerolo, il Lago di Garda e molti altri.
E così anche quest'anno, cinquant'anni dopo il primo raduno, il 24 settembre presso il Liceo Salesiano di Valsalice gli amici si sono nuovamente rincontrati.