I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

NEWS

Le vostre notizie >> Bari, svolti laboratori di lettura animata alla Biblioteca dei Salesiani

Nelle giornate del 30 e 31 gennaio scorso, in occasione del primo anniversario dalla riapertura, la Biblioteca di quartiere “Don Bosco” del Redentore Salesiani Bari ha dato vita a laboratori di lettura animata, che hanno visto la presenza di oltre duecento alunni delle classi elementari degli IC “San Giovanni Bosco-Melo da Bari” e “Giuseppe Garibaldi”, incentrati su cinque episodi della vita di San Giovanni Bosco: il sogno dei nove anni; l'incontro con Bartolomeo Garelli, la nascita dell'Oratorio di Valdocco; la fondazione della Società Salesiana; la morte di don Bosco.
Visibilmente soddisfatti dell'esperienza e della partecipazione attiva degli alunni - che hanno omaggiato la biblioteca di due tele a colori preparate appunto per l'occasione, raffiguranti l'immagine di don Bosco - don Francesco Preite (Direttore Redentore Salesiani Bari) e don Giuseppe Ruppi (Presidente Laboratorio Don Bosco oggi) hanno ringraziato le scolaresche presenti a queste iniziative, invitando i ragazzi a familiarizzare con gli ambienti culturali dell'Opera di Bari.
In concomitanza con l'ultimo giorno del laboratorio di lettura, coinciso con la festività di San Giovanni Bosco, è intervenuto un ospite d'eccezione: don Luigi Ciotti, presidente di Libera. Lo stesso don Ciotti ha voluto complimentarsi con l'azione culturale svolta dal “Laboratorio Don Bosco oggi: Educazione-Cultura-Pastorale” in un quartiere, come il Libertà di Bari, dove la dispersione scolastica e il disagio minorile sono purtroppo evidenti piaghe sociali.
Dopo aver salutato i presenti, don Ciotti ha rimarcato la bontà educativa e pedagogica del progetto di don Bosco, sintetizzandolo in tre punti.
“Don Bosco è stata una grandissima personalità, che ha letto nella giusta direzione il cambiamento dei tempi - l'appunto di don Ciotti - A lui dobbiamo tre grandi realtà. La prima è l'Oratorio, luogo straordinario di aggregazione. Poi l'istituzione delle scuole professionali, che hanno dato sbocco lavorativo a tanti giovani, e infine la creazione della buona stampa”.