I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

NEWS

Le vostre notizie >> Raduno exallievi salesiani dell’Istituto San Benedetto di Parma

L'Unione Ex Allievi dell'Istituto Salesiano San Benedetto di Parma ha vissuto il tradizionale incontro autunnale domenica 9 ottobre 2016.
La giornata ha visto come meta Fontanellato, paese della provincia parmense, noto per la presenza del Santuario Mariano della Beata Vergine del Santo Rosario, oltre che essere un antico borgo edificato attorno allo storico maniero circondato da un ampio fossato di acqua corrente, unicità questa che lo contraddistingue come pochi in Italia.
Dopo il ritrovo dei presenti é seguita la visita al castello, per anni dimora dei Sanvitale, che ha mantenuto ancora pressoché intatte le sue caratteristiche originarie strutturali anche nella parte interna con sale affrescate, arredi e suppellettili risalenti all'epoca della nobile famiglia.
La mattinata è culminata con la Santa Messa, concelebrata presso il Santuario, alla presenza di don Massimo Massironi, Direttore della Casa Salesiana di Parma e di don William Vago, salesiano da anni membro del medesimo istituto. Importante ricordare che l'Istituto di Parma fu l'ultimo sogno di don Bosco, l'ultima opera da lui voluta e la prima realizzata dal suo successore don Michele Rua nel 1888.
Alla S. Messa hanno preso parte anche alcuni dei Padri Domenicani ai quali è affidata la cura pastorale del Santuario.
La celebrazione eucaristica è stata animata dal Padre Priore Domenicano, Fra' Davide Traina, originario di Torino e pure lui ex allievo salesiano dell'Istituto di Valdocco. Fra' Davide al termine, illustrando la storia del Santuario, meta di tanti pellegrini che giungono anche da molto lontano, ha sottolineato come proprio 400 anni fa, il 9 ottobre 1616 veniva esposta alla venerazione dei fedeli la sacra effige della Beata Vergine del Santo Rosario, che oggi come allora, dispensa numerose grazie celesti a coloro i quali ricorrono a lei con preghiera e devozione.
Al termine i convenuti si sono radunati in un noto locale della zona dove, in serena allegria, hanno condiviso l'agape fraterna.
Raffaele Boselli