I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

NEWS

Recensioni

N. 20 record trovati

163.jpg

DON BOSCO
Grande protagonista del secolo XIX

Opuscolo

Severino Manfrin

Comunità Pastorale
Cusano Milanino MI - 2013

Una avvincente rievocazione storico-episodica di fatti accaduti e vissuti da Don Bosco, sacerdote Piemontese, nel periodo del Risorgimento e dell'Unità d'Italia.
Per il suo erigendo "Oratorio" ebbe da superare grandi difficoltà.
Di lui, uno dei "grandi protagonisti" del secolo XIX, la storia può gloriarsi, riconoscendogli il dovuto tributo.
I perfezionisti della storia e della cronologia storceranno un poco il capo di fronte alla scioltezza del racconto, ispirato da letture di tanti anni fa, oggi comprensibilmente superate da una storiografia più accurata e documentata. La grinta e l'entusiasmo che trasudano da queste pagine spingono a passare oltre e a guardare alla sostanza: Don Bosco e la sua poliedrica personalità. La santità, le pedagogia, il coraggio, la meravigliosa intesa con la sua Mamma Margherita, la tenacia nel raggiungere lo scopo della sua missione. Tutto questo viene evidenziato e condiviso dall'affetto in alcuni tratti commoventi di Manfrin.

Severino Manfrin è un segugio di Don Bosco: innamorato della sua opera di sacerdote e di educatore, non solo dei giovani, ma anche degli adulti. In queste pagine esprime la sua riconoscenza a Don Bosco e la sua ammirazione, condividendone alcuni episodi avvincenti.

Per ulteriori informazioni contattare l'autore al n° 02/61.96.146

162.jpg

NONNI DA FAVOLA

Marianna Pacucci e Clara De Cristo

Progedit - 2013

Per fortuna esistono ancora i nonni in questo mondo complicato, dove i piccoli e gli anziani hanno il bisogno di rinnovare le radici comuni e di essere protagonisti di un rinnovato incontro fra le generazioni.
Per questo obiettivo urgono le favole. Senza di esse la vecchiaia, come l'infanzia, rischia di trasformarsi in una grande tragedia: niente sogni da sognare, niente racconti da raccontare, nulla da insegnare e nulla da imparare nel gioco continuo in cui ci si dona reciprocamente il senso della vita.
I nonni, invece, hanno ancora voglia di giocare, magari mescolando la realtà e la finzione, per custodire o recuperare la propria dignità di uomini e donne che, nella semplicità della vita quotidiana, comunque hanno cercato di costruire mediante esperienze e relazioni significative.
Le storie di questo libro non obbediscono a un'operazione nostalgica, al tentativo disperato di riportare indietro le lancette dell'orologio per riassaporare il passato; piuttosto, vogliono favorire l'esigenza di fare ancora spazio al desiderio di un futuro che mantenga intatti i colori dell'arcobaleno dopo un cielo di pioggia.
C'è bisogno di favole che possano abbellire la realtà opaca del momento, ma anche di storie che possano svelarne la bellezza nascosta. Storie che gli anziani possano raccontare ai loro coetanei, che i figli vogliano regalare ai propri genitori, che i nipoti debbano condividere con i loro nonni, ritentando la strada di una affettuosa mescolanza fra le età e le diverse esperienze di vita.
Ovunque si trovino i vecchi: in casa, in un'associazione, in parrocchia, in una casa di riposo, nell'università della terza età o in quella della strada o della piazza del paese. Nulla vieta, anzi è auspicabile che la società contemporanea torni ad occuparsi di coloro che hanno generato il presente e il futuro. Condividere favole con loro è la meravigliosa possibilità di ritrovare se stessi, elaborando insieme la speranza di un domani migliore.

Per ulteriori informazioni: Progedit - Progetti editoriali s.r.l.

154.jpg

A SPASSO CON... LA MULTIPLA

Stefano.Piter

Edizioni Progetto Cultura - 2012

Un volume dai contenuti poco classici ma molto autentici che racchiude, alcune volte in forma esplicita ed altre scrutandone la filigrana, una costante dichiarazione d'amore e di gratitudine alla Concordia calcio, perché l'autore, Stefano.Piter, oggi alla soglia dei 29 anni, da oltre vent'anni è giocatore della Concordia e da quattro è membro del Consiglio Direttivo, dopo aver assaporato pure l'esperienza di allenatore dei ragazzini.
Da ormai 5 anni Stefano "viaggia" con la multipla che non è un'automobile ma una malattia autoimmune chiamata sclerosi multipla; e portarsela a passeggio ogni giorno, inizialmente col cuore gonfio d'angoscia e di incredulità, oggi con maggiore serenità e accettazione della realtà, costituisce un inno alla vita e testimonianza della Speranza umana e cristiana.
Il diario di Stefano, capitolo per capitolo, passo dopo passo, in cui sapientamente si alternano prosa e poesia a scandire il tempo del pensiero e quello dell'emozione, è la dolorosa, ironica acquisizione della consapevolezza che la malattia non è qualcosa di "esterno", qualcosa di "altro" e di alieno dal suo corpo, dalla sua umana natura, ma null'altro se non una parte di essa, altrettanto vera, concreta, incancellabile. Ma questa consapevolezza è un punto d'arrivo sostanziale che permette di "Andare Oltre" soltanto dopo aver pagato tutto un cammino di avvicinamento segnato dallo sbigottimento e dalla incredulità, dalla rabbia, dal dolore, dalla solitudine... tappe obbligate per raggiungere la verità.

Per ulteriori informazioni: Edizioni Progetto Cultura

131.jpg

DAI PIEDI AL CUORE

una lettera d'amore lunga 42 km

Pupetta Greco

Youcanprint Self-Publishing

Anno 2013, pp. 302

La corsa è come un "credo laico" nel quale chiunque può trovare la strada per migliorarsi e cambiare abitudini.
The Golden Lion è il nome che si è dato Paolo Panunzi quando ha iniziato a correre le maratone all'età di 50 anni.
Prima d'allora era un uomo convinto e rassegnato a vivere portandosi dietro il suo peso extra large.
Fino al giorno in cui ha scoperto che in quel corpo si nascondeva l'anima e l'urlo di un "leone", da allora non si è più fermato.
Ha continuato a correre e a spogliarsi man mano di quella pesante corazza che lo teneva prigioniero.
Ad ogni tappa trova sempre ad aspettarlo la sua compagna di vita che segue e annota i suoi traguardi affinché un giorno leggendo quelle pagine, come in una lunga lettera d'amore, lui possa ritrovare l'entusiasmo che la corsa riesce a dare "Dai piedi al cuore".

Continua a credere ai tuoi sogni, hanno gambe lunghe per correre lontano dove tu vorrai. Ti hanno portato fin qui quando non credevi fosse possibile. Non smettere mai di sognare.

Per ulteriori informazioni: Youcanprint Self-Publishing

113.jpg

UNA FINESTRA SULL'ALDILÀ

Testimonianze di un'altra vita oltre la vita

Giulio Oggioni

Edizioni ISG

Anno 2013, pp. 160

L'autore Giulio Oggioni, exallievo salesiano di Milano, riporta diverse confidenze di personaggi famosi del passato (tra cui anche Don Bosco, Attilio Giordani e altre figure salesiane molto note e pie) e poi scandaglia "l'aldilà" in tutte le religioni. Pur con tante modalità diverse, c'è comunque un punto comune: quello di un'altra vita oltre la vita.
La seconda parte segue movenze autobiografiche, ricordando tanti episodi della sua vita che solo nell'età adulta ha compreso interamente.
L'ultima parte riporta numerose testimonianze di amici e conoscenti a riprova che il mondo dello spirito è ben più vasto di quello che si pensa.
Testimonianze toccanti e straordinarie che sicuramente fanno riflettere.
Il libro è rivolto a tutti ma, dato l'argomento, preferibilmente ai giovani e agli adulti.

Per ulteriori informazioni: Edizioni ISG

112.jpg

DON BOSCO MISTICO

Una vita tra cielo e terra

Cristina Siccardi

Editrice La Fontana di Siloe

Anno 2013, pp. 408

Don Bosco è uno dei santi più celebri e più fraintesi della storia della Chiesa. Anche se di certo non mancano i libri che parlano di lui, raramente la sua figura e, soprattutto, la sua spiritualità sono presentate in modo corretto e completo.
Come Cristina Siccardi dimostra attingendo alle ricchissime fonti primigenie - le più attendibili in assoluto -, egli visse sempre di «sogni», cioè fu continuamente visitato dal Divino, perché chiamato a realizzare un grande progetto nel quale la dimensione soprannaturale e quella naturale dovevano toccarsi e che avrebbe condotto i ragazzi «peggiori» a divenire degli «onesti cittadini e dei buoni cristiani» (nel senso in cui il Santo intendeva tali qualità e che il libro svela fino in fondo). Quello che emerge da queste pagine non è dunque il «santo sociale» ideologicamente impostato, non è il «manager» così in voga negli anni '70 e '80, non è il precursore della moderna psicologia, né tanto meno del Concilio Vaticano II, ma un uomo fatto di cielo e di carità, che si adopera per instaurare il Regno di Dio sulla terra. Uno straordinario sacerdote che lottò indefessamente, seguendo gli indirizzi della Tradizione e usando gli strumenti della dialettica e della carta stampata, contro errori ed eresie, contro il liberalismo e la Massoneria, difendendo con coraggio, passione e determinazione la fede cattolica e la sua Chiesa.

Per ulteriori informazioni: Editrice La Fontana di Siloe

1 - 2 - 3 - 4