I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL LORO RICORDO È BENEDIZIONE

P. MIKE MENDL

Padre Romeo Trottier

Morto a Sherbrooke, Quebec, il 13 settembre 2020, a 83 anni

Padre Romeo Trottier è stato salesiano per 65 anni e sacerdote per 54. Vero patriarca dei salesiani in Canada, padre Romeo è stato uno dei grandi uomini della delegazione e vice ispettoria canadese, dove ha trascorso tutta la sua vita salesiana, tranne gli studi nel New Jersey, a New York e in Italia.
«Era un esperto di spiritualità salesiana, la persona chiave nella creazione della vice ispettoria canadese nel 1988, e un modello di presenza amichevole tra i giovani anche nei suoi 80 anni», scrive p. Richard Authier, suo ex ispettore.
Soffriva di leucemia da circa due anni, ma non ha interrotto neanche per un attimo la sua attività. Padre Romeo è stato delegato ispettoriale per il Canada nel 1976 e ha servito per 12 anni, fino all'erezione della delegazione. Per molti anni, ha curato la redazione delle notizie salesiane canadesi in un paio di formati e, dopo la prematura scomparsa di padre Paul Cossette nel 2013, ha assunto anche la direzione di Carrefour Salésien, il Bollettino Salesiano Canadese.
Padre Romeo proveniva da una piccola città chiamata Proulxville, vicino a Three Rivers, Quebec, dove era nato come don Bosco nella festa dell'Assunta del 1937. Il paese era piccolo, ma i Trottier erano una grande famiglia: padre Romeo aveva sei fratelli e sei sorelle, e atterrò quasi esattamente nel mezzo del corteo familiare, come sestogenito.
Come molti dei nostri confratelli canadesi, deve la sua vocazione (dopo Dio e la famiglia) agli sforzi di reclutamento del leggendario padre Pierre Decarie. Nella primavera del 1950, padre Decarie arrivò nella scuola di Romeo per parlare ai ragazzi di don Bosco e dei Salesiani, e menzionò anche il seminario di Newton.
Romeo aveva già sostenuto l'esame di ammissione al seminario minore diocesano di Three Rivers, ma si mostrò aperto ai salesiani. I coniugi Trottier permisero a Romeo di andare a Newton. C'erano già molti canadesi che studiavano là.
Romeo non era mai stato così lontano da casa. Ma nel luglio 1950 partì in autunno per il seminario di don Bosco. Gli piacque subito la sua esperienza del primo anno, anche se doveva imparare l'inglese. Gli aspiranti canadesi frequentavano corsi separati fino a quando non erano abbastanza bravi in inglese da potersi integrare gradualmente nelle lezioni regolari.
Desideroso di “essere un buon salesiano e lavoratore nella vigna del Signore”, Romeo entrò nel Noviziato di San Giuseppe a Newton il 7 settembre 1954.
Dopo la laurea al Collegio Don Bosco nel 1958, magna cum laude, fece la professione perpetua nel 1961.
Quando fu il momento di studiare teologia, Romeo ebbe il lusso di una bella crociera attraverso l'Atlantico, all'epoca meno costosa del volo. Mentre alcuni teologi canadesi si recavano a Lione o a Castellamare, Romeo fu l'unico ad andare a Roma per un anno di preparazione agli studi.
Nel 1962 si trasferì a Torino e si iscrisse al teologato PAS della Crocetta. Purtroppo, arrivò troppo tardi per avere come insegnante il venerabile Giuseppe Quadrio, ma ricordava le preghiere dei seminaristi al capezzale del santo sacerdote la notte prima della sua morte, il 23 ottobre 1963.
Padre Romeo si spostò a Roma nella nuova Università Pontificia Salesiana nel 1965. Questo gli diede l'opportunità di assistere all'ultima sessione del Vaticano II e di partecipare alla Messa di chiusura, il 7 dicembre 1965. Ricordava vividamente la chiusura del Concilio con i suoi numerosi discorsi dellƎ dicembre. A Roma, fu ordinato il 5 marzo 1966.
Essere presente ai giorni di chiusura del Vaticano II fu per lui un'esperienza speciale, e più speciale fu un'udienza con papa Paolo VI con i neo sacerdoti. Il santo Papa disse: “Ovunque andiate, siate sacerdoti del Concilio”. Padre Romeo lo vivrà sempre come impegno della vita.
Romeo si laureò e insegnò nelle scuole superiori a Sherbrooke. Nel 1975 fu nominato direttore della comunità e della scuola, fino al 1981. Fu poi superiore con vari incarichi della delegazione canadese.
Nel 1984 è stato uno dei delegati dell'Ispettoria al CG22.
Dal 1988 al 2018 divenne delegato ispettoriale salesiano per i Cooperatori canadesi.
La sua influenza sui Cooperatori è stata enorme. Secondo Rosa D'Addario, loro ex coordinatrice: «In tutto ciò che è salesiano era sicuramente l'autorità, il più informato. Nei confronti degli altri, era incoraggiante, affettuoso, attento, un ascoltatore premuroso, con un delizioso senso dell'umorismo, caloroso, entusiasta, amichevole, disponibile, saggio, compassionevole; ti faceva sempre sentire il benvenuto e completamente a tuo agio. Ha sempre partecipato agli incontri regionali. Padre Romeo era una grande persona, e mi mancherà molto».
Ai sentimenti della signora D'Addario fa eco suor Denise Sickinger, delegata delle FMA per i Cooperatori dell'Est degli Stati Uniti: «P. Romeo è sempre stato un salesiano impegnato e zelante, un uomo gentile secondo lo stile di Francesco di Sales. Ha dato tutto se stesso alla Famiglia Salesiana, specialmente ai Cooperatori».