I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

I NOSTRI EROI

PIERLUIGI CAMERONI

Un calvario per il vescovo

Lo volevano nella carriera diplomatica, ma lui scelse di essere educatore di ragazzi poveri. Per sette anni fu vescovo, e si batté per le chiese, le scuole e le strade. Poi la croce pesantissima e per vent'anni silenzio e preghiera. La splendida figura di monsignor Cognata.

Il 22 luglio del 1972 si spense a quasi 87 anni di età monsignor Giuseppe Cognata, vescovo salesiano e fondatore della congregazione delle «Salesiane Oblate del Sacro Cuore». Scomparve con lui una figura non comune di sacerdote fedele e pastore intraprendente, che, sottoposto alle prove più sconfortanti, seppe uscirne grazie a una fede senza limiti nella Provvidenza e nei suoi disegni misteriosi, e grazie a un'umiltà disposta alle più dure rinunce.

Un annuncio pasquale
Il Rettor Maggiore dei Salesiani, don ángel Fernández Artime, sabato 18 aprile 2020 nella gioia del tempo pasquale e nella festa della Divina Misericordia, ha annunciato la seguente comunicazione pervenuta dalla Congregazione delle Cause dei Santi: «La Congregazione per la Dottrina della Fede, con Lettera del 17 febbraio c.a., ha comunicato a questo Dicastero che il Santo Padre “dopo attento e ponderato esame, ha dato il Suo augusto consenso alle richieste di religiosi e laici che impetravano l'apertura della Causa di beatificazione di S.E. monsignor Giuseppe Cognata, S.D.B., Vescovo di Bova”».
Dietro a tale provvedimento di papa Francesco c'è una storia lunga e dolorosa fatta di accuse infamanti e ingiusta condanna che portò il vescovo salesiano ad essere unito all'oblazione di Gesù, sigillando con l'offerta della sua vita la sua vocazione salesiana, il suo ministero episcopale, il suo essere fondatore.
Nato a Girgenti (Agrigento) il 14 ottobre 1885 da famiglia benestante e influente (il padre era avvocato, il nonno senatore), Giuseppe Cognata a 12 anni frequentò il collegio salesiano di Randazzo e vi maturò la sua futura vocazione. Una vocazione che venne messa alla prova dalla famiglia, non contraria alla sua scelta del sacerdozio, ma che preferiva vederlo - anziché educatore di ragazzi poveri - avviato alla carriera diplomatica a servizio della Santa Sede. Su insistenza dei genitori, frequentò il qualificato collegio Capranica, ma ne uscì deciso più di prima a farsi salesiano.
Il 5 maggio 1908 il chierico Giuseppe Cognata emetteva la professione perpetua a San Gregorio di Catania, nelle mani dell'allora Rettore Maggiore don Michele Rua, oggi Beato, e l'anno dopo, il 29 agosto 1909, riceveva ad Acireale l'ordinazione sacerdotale. Aveva conseguito brillantemente la laurea sia in Lettere sia in Filosofia ed ora andava ai giovani non solo come professore e assistente, ma come sacerdote pieno di zelo, svolgendo la sua missione in Sicilia a Bronte, nel Veneto a Este, nelle Marche a Macerata.
La Prima Guerra Mondiale vide don Cognata soldato a Palermo, Trapani, Padova. E proprio a Trapani gettò le prime basi dell'Opera salesiana che fu chiamato a dirigere alcuni anni dopo. Fu direttore di opere, ma più ancora direttore di anime. Da Trapani fu chiamato a dirigere il collegio di Randazzo (Catania), poi quello di Gualdo Tadino in Umbria e finalmente fu direttore al “Sacro Cuore” di Roma.

Vescovo e Fondatore
Pio XI nel Concistoro del 16 marzo 1933 nominò don Giuseppe Cognata vescovo di Bova, una Diocesi della Calabria particolarmente povera e disagiata. Ricevette l'ordinazione episcopale il 23 aprile successivo nella basilica del Sacro Cuore a Roma dal cardinale salesiano Augusto Hlond, Arcivescovo metropolita di Gniezno e PoznaÅ„, oggi Venerabile, consacranti il Vescovo salesiano di Sutri e Nepi Luigi Maria Olivares, anch'egli Venerabile, e monsignor Romolo Genuardi, vescovo ausiliare di Palermo. Attraverso sentieri scoscesi e mulattiere monsignor Cognata - che aveva scelto come motto episcopale l'espressione paolina «Caritas Christi urget nos» - volle visitare e confortare non solo tutti i paesetti della diocesi, ma anche i gruppi di povere famiglie sparse qua e là nei luoghi più remoti e più inaccessibili. Diede vita a una pia società di giovani generose, disposte a lavorare con coraggio e gioia nei centri più piccoli, sperduti, abbandonati. Nacque così l'8 dicembre 1933, la Congregazione delle Salesiane Oblate del Sacro Cuore.

Nel silenzio e nella solitudine
Nel 1939 una bufera infernale si scatenò contro il Fondatore e la sua Istituzione. Il 20 dicembre 1939 la Congregazione del Sant'Uffizio, sulla base di false accuse, condannò ingiustamente monsignor Cognata alla destituzione dalla dignità episcopale. Egli allora andò lontano, vivendo per lunghi anni nel silenzio e nella solitudine, separato dalle sue figlie spirituali. Venne accolto nelle case salesiane di Trento e Rovereto fino al 1952 e poi in quella di Castello di Godego (Treviso) fino al 1972, svolgendo un assiduo e apprezzato ministero di confessore e guida spirituale.
La Croce è speranza, certezza di risurrezione e di vita. Monsignor Giuseppe Cognata nella Pasqua 1962 venne reintegrato da papa Giovanni XXIII nell'Episcopato. Partecipò così per volontà di papa Paolo VI alla seconda, alla terza e alla quarta sessione del Concilio Vaticano II. Il 6 agosto 1963 fu nominato Vescovo titolare di Farsalo. Il 29 gennaio 1972 ebbe la gioia di sapere il suo Istituto riconosciuto con il «Decreto di Lode» da parte della Santa Sede. Si spense il 22 luglio del 1972 proprio a Pellaro (Reggio Calabria), sede iniziale dell'attività missionaria delle Salesiane Oblate. Le sue spoglie riposano nella casa generalizia delle Suore Oblate a Tivoli.
Don Luigi Castano così sintetizzò il profilo spirituale di monsignor Cognata: «Gentiluomo perfetto, educatore per istinto e vocazione - proveniva dalla Congregazione salesiana - letterato e parlatore forbito, pastore e apostolo di terre e popolazioni bisognose, monsignor Cognata è anche fondatore di un Istituto religioso femminile, chiamato a raccogliere le “briciole”, o se vogliamo le spighe trascurate o abbandonate nei campi di Dio... uomo dell'umiliazione e della sofferenza; del sorriso mai smentito e della bontà e soprattutto della fiducia in Dio e del completo abbandono ai misteriosi disegni della Provvidenza, che lascia cadere in terra “il chicco di grano perché - con la sua distruzione - rechi molti frutti” (Gv 12,24)».

UNA CATENA DI SANTITÀ
Il servo di Dio monsignor Giuseppe Cognata è l'ultimo anello di quella catena di santità della nostra Famiglia Salesiana che, cominciando con il venerabile Andrea Beltrami e continuando con Augusto Czartoryski, Luigi Variara, Laura Vicuña, Eusebia Palomino, Alexandrina da Costa, Nino Baglieri, Vera Grita e i numerosi martiri, ha reso visibile e incarnato in modo speciale la dimensione oblativa del carisma salesiano: la fecondità del Da mihi animas dipende dalla radicalità del cetera tolle.

La Congregazione delle Salesiane Oblate del Sacro Cuore aspettava da tanto tempo questo lieto giorno. Che cosa rappresenta l'avvio della Causa di Beatificazione del vostro fondatore?
Quando mi è pervenuta la notizia da tanto attesa e sperata, dentro di me si sono rincorsi tanti sentimenti, emozioni e volti di sorelle che in questi lunghi anni hanno offerto, pregato e sofferto perché arrivasse questo giorno. Una sola parola sentivo insistentemente sgorgare dal mio cuore: “grazie”. Il grazie al Signore che ha illuminato le tenebre dell'errore dando splendore alla verità grazie al Santo Padre papa Francesco per il coraggio nel riconoscere l'innocenza di monsignor Cognata, dando un segno trasparente di giustizia e rispetto. Questa volta sentivo scorrere lacrime di gioia, finalmente la vita ha trionfato sulla morte.

Qual è l'attualità ecclesiale della testimonianza evangelica di monsignor Cognata?
Per me l'aspetto più bello e impegnativo che ha vissuto monsignor Cognata è quello della fiducia assoluta nell'accettazione di quanto il Signore ha permesso. Si tratta di quella docilità interiore che accoglie come privilegio l'essere associati all'opera redentrice abbracciando la croce, per assomigliare al Maestro. Croce che diventa anche possibilità di dono gioioso e serenità interiore, anche nella prova.

Per conoscere monsignor Cognata
L. Castano, Il Calvario di un vescovo, Paoline, 2009.
G. Perrone, Il Vescovo di Bova. Mons. Giuseppe Cognata (1885-1972), Pizza Editore, 2013.