I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LE CASE DI DON BOSCO

MASSIMILIANO CAVALLO

I Sale di Cuneo

Benvoluti, stimati, amati, i Salesiani a Cuneo sono un pezzo del cuore della città.

I Salesiani di Don Bosco arrivano a Cuneo nel 1928. E la storia della presenza salesiana in città si è diramata nel corso di questi oltre 90 anni di vita in tre opere fondamentali: il Convitto, l'Oratorio e la Parrocchia. Ma la storia e il carisma di don Bosco a Cuneo è cosa di lunga data: don Bosco amava Cuneo e i cuneesi, aveva molti amici qui. Ne sono testimonianza le tante visite che fece in città: l'amicizia con monsignor Clemente Manzini, Vescovo di Cuneo dal 1844 al 1865, è riconosciuta da tutti i biografi del santo. Manzini era confessore e direttore spirituale del prete santo, a cui proprio chiese consiglio per l'erezione del Seminario nel 1853, ed era uno “dei più affezionati benefattori” dell'opera di don Bosco.
Il primo gruppo dei Salesiani arriva per gestire e portare avanti il Convitto Civico, nel cuore del centro storico, affidato alla Congregazione dal Comune di Cuneo con la chiesa di Santa Chiara, piccolo gioiello del barocco piemontese. Il Convitto era aperto per tutti i giovani che studiavano in città ma che abitavano lontani, nelle tante vallate cuneesi intorno al capoluogo, all'epoca molto abitate e con tanti ragazzi e giovani. Il Convitto chiude nel 1982 perché non erano più sufficienti i numeri per tenere aperta una struttura simile. I giovani passati per il Convitto nei suoi 54 anni di vita sono stati più di 2500 e tra questi tanti “buoni cristiani e onesti cittadini” professionisti stimati, religiosi e sacerdoti, sindaci e politici, professori ed educatori.

Nato dall'alto
Ma intanto era nato l'Oratorio e la storia della sua genesi è davvero simile a quella del primo Oratorio di don Bosco. È la Provvidenza che pensa alla sua nascita avvenuta il 13 ottobre 1935. La benefattrice signorina Discalzi sogna don Bosco che la invita ad aiutare i suoi giovani di Cuneo, per cui regala il terreno che è più o meno quello di oggi: ma tutt'intorno non c'era quasi nulla di quello che c'è oggi. Un campo agricolo in mezzo ai campi, nella zona dove stavano sorgendo la nuova monumentale stazione ferroviaria dell'altipiano, ville, palazzi, caserme. Oggi è uno dei quartieri più popolosi, diversificato e servito della città. Non a caso vent'anni dopo la nascita dell'Oratorio, il Vescovo di Cuneo decise di istituire il 1° maggio del 1955 la parrocchia di San Giovanni Bosco che è diventata la seconda parrocchia per numero di abitanti della città.
Nel 1958 la comunità si arricchisce di una presenza importante, quella del carisma femminile delle opere salesiane. Le Figlie di Maria Ausiliatrice assumono la responsabilità del costruendo asilo comunale infantile Alice e Tancredi Galimberti, che è ancora oggi una delle più importanti e apprezzate scuole dell'infanzia paritarie.
Fin dalla nascita della parrocchia si forma anche il gruppo Caritas che rimane una delle realtà più attive sul territorio con l'attenzione ai poveri di ieri e di oggi. Nel corso degli anni sono cambiate pastoralmente molte cose, ma l'attenzione ai poveri da sempre ha caratterizzato la vita della parrocchia e dell'oratorio.

Sentirsi comunità
Oratorio e parrocchia, che a Cuneo si conoscono come “Sale” sono strutturalmente e non solo un tutt'uno. L'oratorio in 85 anni di vita si è ingrandito e si è modificato con cortili, campi e strutture sportive, una sala della comunità moderna e attrezzata. Anche la storica cappella dell'oratorio, nel cuore stesso dell'intera struttura, per oltre vent'anni usata come chiesa parrocchiale è stata trasformata.
Ma quello che non è cambiato negli anni è la passione educativa per i ragazzi e per i giovani che spingeva i Salesiani del 1935, con la stessa attrattiva che fece bussare alla porta dell'Oratorio quella prima mattina il bambino Luigi Mammoli (il 1° oratoriano), cercando nel quotidiano di lasciare quelle orme indelebili di bontà, generosità, allegria, ricchezza, preghiera che hanno caratterizzato tante persone che hanno speso la loro vita o anche solo il loro tempo libero, e comunque sempre il cuore, per realizzare il sogno di don Bosco anche a Cuneo.
L'Oratorio continua oggi a vivere anni di grande fervore un po' in tutti i settori. Le strutture presenti permettono di mettere in campo molte attività: l'oratorio quotidiano dalle 15 alle 19, con giochi all'aperto e con giochi di sala; attività di catechismo dalla seconda elementare alla terza media; percorsi di formazione con gli adolescenti, nei gruppi del biennio e del triennio e anche di universitari e giovani lavoratori; gruppo dei ministranti; giochi e attività per gruppi di fascia; attività sportive con la Pgsd Auxilium di calcio, pallavolo, basket, ginnastica ritmica, tennis tavolo; le attività di cinema e teatro della Sala della comunità le attività artistiche e di musica della Sale Academy; l'attività sociale con il Centro diurno aggregativo per i ragazzi e il doposcuola; la lunga attività dell'Estate ragazzi. E intanto continuano le attività e la testimonianza dei gruppi della Famiglia Salesiana; exallievi e exallieve e salesiani cooperatori. Ma c'è ancora la Filodrammatica, la più “antica” compagnia di teatro amatoriale della città, il Centro Anziani nei locali di quello che un tempo era l'oratorio femminile. E le attività formative e socio-assistenziali si sviluppano con un'attenzione particolare al territorio e al volontariato extra oratoriano, l'animazione missionaria. Un tempo erano il volontariato al Cottolengo, all'Audiofonetica, l'animazione di strada al quartiere popolare Donatello, alla prima accoglienza nelle casermette a fianco della chiesa; oggi sono il Centro diurno, la mensa dei poveri, il doposcuola. Tante attività che vengono raccontate e aggiornate sui social e sul sito www.salecuneo.it un nuovo modo di comunicare e di sentirsi comunità.

Fino all'altro mondo
Molte le vocazioni che i Salesiani hanno fatto nascere tra i giovani: sacerdoti, salesiani, missionari, suore e coadiutori. E proprio la sensibilizzazione alla realtà missionaria è sempre stata una caratteristica cuneese, accentuando il senso della solidarietà, della condivisione e della corresponsabilità. Basta citare il gruppo Compartir che continua a lavorare a fianco dei “cuneesi”, e non solo, missionari: in Bolivia prima con don Borello e don Gianni Gallo ora con don Serafino Chiesa, in Messico con don Osvaldo Gorzegno, in Congo con la dottoressa Piera Tortore, e ora anche in Cina con don Michele Ferrero, tutte vocazioni salesiane nate nei cortili di Cuneo.
I “Sale” di Cuneo sono per la città davvero un ambiente educativo come lo ha voluto e inventato don Bosco. Egli desiderava che ogni opera salesiana si distinguesse per essere una casa che accoglie, che evangelizza e che educa alla vita nei suoi più vari aspetti: dalla cultura al teatro, dalla musica allo sport e al tempo libero. Ambienti per i giovani che animano l'oratorio e lo dimensionano secondo la loro allegria, seguendo quel sistema preventivo che è un sistema d'amore a cui anche le famiglie e gli adulti che sostengono e camminano insieme a salesiani, suore ed educatori cercano di essere fedeli.