I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

TEMPO DELLO SPIRITO

CARMEN LAVAL

Silvoterapia

Don Bosco ovunque è andato ha trovato o voluto una vite. Era la pianta di casa sua, della sua collina.

Esiste una medicina portentosa e assolutamente gratuita. Si chiama “silvoterapia”, guarire con gli alberi.
Ecco qualche esempio.

Il TIGLIO, un balsamo per il cuore
Ha foglie grandi a forma di cuore. Vive poco nella foresta perché cresce lentamente e gli altri suoi simili crescono più velocemente di quanto non faccia, dandogli troppa ombra. Si trova bene nei parchi, nei giardini di città vicino agli esseri umani.
È un albero venerato per il suo aspetto morbido e accogliente. È il più dolce degli alberi, un balsamo per il cuore. È un albero che ammorbidisce e abbellisce. La sua generosità riempie di bellezza e di empatia mentre inonda il mondo con la sua sottile fragranza. Contro il suo tronco, potete lasciare a lui la vostra rabbia e il vostro risentimento. Riequilibra l'energia del cuore, infondendovi fiducia e pace. È come una mamma: ti accoglie sempre e non ti giudica mai.

Il SALICE, la nonna consolatrice
La famiglia dei salici è vasta, con circa 300 alberi che portano il nome Salix. La sua crescita è rapida, soprattutto quando vive vicino all'acqua. Le foglie, di colore grigio argento con una leggera peluria setosa nella pagina inferiore, donano alla chioma un aspetto bianco-argenteo. Le virtù terapeutiche della corteccia del salice sono note fin dall'antichità. È l'albero che ha inventato l'aspirina, cioè l'acido acetilsalicilico!
I suoi rami sono usati per fare dei cesti o altri oggetti di vimini. Un tempo erano necessari per “legare” i tralci della vite senza ferirli. Se il tiglio è la madre rassicurante, il salice simboleggia la nonna confortante. I suoi lunghi rami e le sue foglie a forma di lacrima ti invitano a liberarti da tutti i tuoi dispiaceri e ad affidarli a lui. Il suo tronco, dove spesso appare una cavità, rappresenta la parte ferita che si trova in ognuno di noi. Il salice ti aiuterà a chiudere e a fasciare le tue ferite.

L'OLIVO, la pace e la saggezza
Quest'albero, molto presente nel bacino del Mediterraneo, rimane sempreverde. Le sue lunghe foglie lanceolate sono ricoperte da un sottile strato di cera che le protegge dagli agenti patogeni. Le sue foglie, che hanno il lato inferiore argenteo, brillano al sole e danzano al vento. Il suo tronco è nodoso e contorto. I più antichi hanno una grande circonferenza e possono vivere per centinaia d'anni. I suoi frutti, le olive, si mangiano in molte cucine del mondo. Le sue foglie hanno proprietà medicinali che aiutano a combattere l'ipertensione.
Presente in molte leggende e tradizioni, l'olivo è il simbolo della Pace e della Saggezza. Avvicinandosi all'olivo, si avverte una sensazione di pace e di lentezza. Può guidarti e far emergere il meglio di te, così come l'uomo ha saputo sublimarlo rendendolo prezioso, attraverso il suo legno, il suo olio o i suoi frutti.

La QUERCIA, il potere regale
Questo albero, ben noto a tutti, è sicuramente il più robusto. I suoi frutti, le ghiande, facevano parte della dieta in tutta Europa. È stato a lungo un albero sacro e ha sempre avuto la reputazione di essere il re delle foreste. È per le sue qualità di resistenza e protezione che è stato spesso utilizzato per costruire navi, porte e anche scudi. La quercia simboleggia forza, potenza e longevità. Troverete in essa tutta l'energia necessaria per affrontare gli eventi della vita. Dopo una pausa al suo fianco, vi sentirete pieni di energia e di fiducia. Tranquilla e determinata, la presenza della quercia sviluppa il vostro temperamento combattivo. La quercia, essendo statica e ben piantata sulle sue radici, permette di apprezzare la stabilità e di vivere con costanza. La quercia può aiutarti nei momenti di dubbio o di grandi cambiamenti nella tua vita (nuova casa, nuovo lavoro...).

La BETULLA, sorella accogliente
Facilmente distinguibile per il suo tronco bianco, i suoi rami cadono come vele che galleggiano al vento. La sua corteccia è liscia e morbida. Un tempo veniva usata come supporto per la scrittura perché può essere facilmente staccata e conservata a lungo. La betulla forma spesso boschi e foreste. La sua linfa è preziosa in medicina per la sua azione diuretica e depurativa.
Questa Signora Bianca è riuscita a colonizzare con la sua luce le terre desolate del Nord, riempiendole di energia e trasformandole in magnifiche foreste. Accanto alla betulla, la tua ispirazione crescerà e ti sentirai respirare di felicità e gioia di vivere. Un'energia leggera ti inonderà, avrai voglia di cambiare il mondo, di prendere nuove decisioni. La betulla è come una tua sorella maggiore, accogliente e piena di dolcezza. Incontrarla durante la tua passeggiata, tranquillizza l'anima, ti fa sentire ascoltato e compreso.

Il CASTAGNO, il fedele amico
Il castagno è un albero a foglie caduche che ha una durata di vita molto lunga. I suoi frutti, le castagne, sono apprezzati da tutti.
Il castagno è un albero umile: vive accanto a noi da molto tempo eppure non è associato a nessuna leggenda o mito, ma è stato un'importante fonte di cibo e di legno. È sensibile, sembra amare tutte le creature che lo visitano. È segnato dalla generosità e dall'amicizia. Tutte le creature della foresta lo apprezzano perché sa essere amichevole e accogliere i suoi visitatori. Puoi sentire la sua presenza avvolgente se rimani un po' con lui, perché il castagno sa farci sentire tutta la sua gentilezza e semplicità. Dopo che sarai stato all'ombra di un castagno sentirai generosità, attenzione e rispetto verso ciò che ti circonda.

Il PINO, la madre amorevole
Ci sono più di cento specie di pini. È un albero che vive in terreni poveri, che sa adattarsi a qualsiasi difficoltà perché uno dei suoi grandi punti di forza è la resistenza. La sua grande radice a fittone gli permette di resistere a venti molto forti. Le sue foglie-ago sono sempre in coppia. La sua resina è benefica per la nostra salute.
La sua energia è molto materna, come l'energia di una madre per il suo bambino. Con lui si dovrebbe provare un sentimento di amore puro e incondizionato. Il pino distilla le sue essenze sulla terra per trasmettere tutta la sua bontà.