I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LE COSE DI DON BOSCO

B.F.

Il re e le sue guardie

C'era una volta un re... che voleva bene a don Bosco. Lo so bene io, umile ma elegante penna della scrivania regale. Quella scrivania su cui arrivava tutto quello che accadeva nel Regno.
Un giorno ci fu una riunione di pezzi grossi: il sindaco di Torino, il Marchese Cavour, il padre del famoso Camillo, voleva chiudere l'oratorio di don Bosco.
Solo il conte Provana di Collegno, buon amico di don Bosco, ne parlò al re Carlo Alberto. Il re diceva spesso che sperava che si aprissero altri oratori in tutto il Regno e a Capodanno mandava un assegno di 300 lire con questa dedica: «Ai monelli di Don Bosco». Il re decise che l'oratorio doveva continuare.
Il sindaco, però brontolò a don Bosco: «Manderò a sorvegliare le vostre adunanze. Al primo atto compromettente farò disperdere i vostri monelli».
Così, finché rimase in carica, egli mandò ogni domenica alcune guardie civiche a passare la giornata all'Oratorio, con incarico di assistere e di spiare tutto quello che si faceva in chiesa e fuori di chiesa. Quei rudi poliziotti furono piacevolmente impressionati dall'atmosfera seria e allegra dei giovani di Valdocco e dalle parole di don Bosco. Il Santo stesso raccontò: «Mi rincresce di non avere un quadro o una foto di quei tempi, perché ora si vedesse come stavano in chiesa, come erano ordinati in classe, e quanti e quali fossero. Sarebbe stato un bel quadro, m'immagino, l'osservare più centinaia di giovani seduti e attenti ascoltare le mie parole, e sei guardie civiche in divisa, a due a due, ritte e impalate in tre diversi punti della chiesa, colle braccia conserte, udire anch'essi la medesima predica... Oh! Quelle guardie mi servivano tanto bene da assistenti ai giovani, anche se erano venute per assistere me! Sarebbe bello vedere queste guardie quando col rovescio della mano si asciugavano le lacrime, o col fazzoletto si coprivano la faccia perché gli altri non vedessero la loro commozione, oppure quando, inginocchiate fra i giovani, circondando anch'esse il mio confessionale, aspettavano il loro turno!
Le prediche talvolta io le faceva più per loro che per i giovani!»
Un bello scacco matto al sindaco. Ma don Bosco come sempre voleva la pace con tutti. Si presentò ossequiente al sindaco dichiarandogli una grande stima. Alle fine, rabbonito, il sindaco gli chiese: «Ma lei dove prende i danari per sostenere tante spese?»
Con un sorriso sulle labbra e con gli occhi levati al cielo: «Confido» rispose don Bosco «unicamente nella Divina Provvidenza! e se la Divina Provvidenza ispirasse in questo istante il signor sindaco a concedermi qualche soccorso, io lo ringrazierei di cuore!»
Il Marchese, commosso, sorrise a sua volta e gli porse duecento lire.

LA STORIA
Nel 1846, il Vicario (sindaco) di Torino decise di far chiudere l'Oratorio di don Bosco mediante una condanna formale della Ragioneria di Stato. Faceva parte di questo organismo il conte Giuseppe Provana di Collegno, insigne benefattore di don Bosco. (Memorie Biografiche II, 442-449)