I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LA BUONANOTTE

B.F.

Il sostegno

Al fragile tronco di un alberello, il giardiniere legò un robusto palo di frassino che gli facesse da tutore e lo aiutasse a crescere diritto.
Quando il vento invitava alla danza, l'albero adolescente agitava la chioma sempre più folta e incominciava a dondolare, e gridava: «Lasciami, per favore, perché mi tieni così? Guarda tutti gli altri si lasciano cullare dal vento. Perché solo io devo stare così rigido?».
«Ti spezzeresti» ripeteva inflessibile il palo. «Oppure prenderesti delle brutte posizioni, diventeresti brutto e stortignaccolo».
«Sei solo vecchio e invidioso, lasciami, ti dico!».
Il giovane albero si divincolava con tutta la sua forza, ma il vecchio palo resisteva tenacemente, più saldo e ostinato che mai.
Una sera d'estate, annunciato da tuoni e lampi, accompagnato da violente sferzate di grandine, un uragano si abbatté sulla zona. Ghermito dai furiosi tentacoli del vento, l'alberello scricchiolava in tutte le giunture, con la chioma che a tratti sfiorava la terra. Le folate più forti quasi strappavano le radici dal terreno.
«È finita» pensava l'alberello.
«Resisti, figliolo!» gridò invece il vecchio palo, che raccolse le forze ancora presenti nelle annose fibre e sfidò la bufera. Una lotta dura, lunga, estenuante. Ma alla fine l'alberello era salvo. Il vecchio palo invece era morto, spezzato in due miserabili monconi.
L'albero giovane capì e cominciò a piangere. «Non mi lasciare! Ho ancora bisogno di te!». Non ebbe risposta.
Un pezzo di palo era ancora stretto al giovane tronco dal laccio. Come in un ultimo abbraccio.
Oggi, i passanti guardano meravigliati quel robusto alberello che, nei giorni di vento, sembra quasi che stia cullando teneramente un vecchio pezzo di legno secco.

Un tempo, in una selvaggia regione, gli anziani malati venivano abbandonati a morire su una impervia montagna. Un giorno, un giovane contadino portò il vecchio padre sulla montagna. Stava per lasciarlo appoggiato ad una roccia, quando il padre gli disse: «Portami più in su».
«Perché?» chiese il figlio.
«Perché proprio qui ho lasciato mio padre. Vorrei morire in un altro posto».
Il giovane capì che cosa sarebbe capitato a lui a distanza di una trentina d'anni.
Si caricò il padre sulle spalle e lo riportò a casa.