I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL LORO RICORDO È BENEDIZIONE

GIOVANNI CONTI

Don Agostino Sosio

Morto a Sesto San Giovanni (Mi), il 25 marzo 2020 a 66 anni

Tutta l'Ispettoria Lombardo Emiliana piange don Agostino Sosio, nato a Semogo di Valdidentro (So) il 27 gennaio 1954 (46 anni di professione religiosa e 38 di ordinazione sacerdotale) da giorni ricoverato nell'ospedale di Sesto San Giovanni in terapia intensiva.
Don Agostino è stato per diversi anni incaricato dell'oratorio “San Rocco” di Sondrio e, dal 1995 al 2001, direttore dell'Opera salesiana di Sondrio.
Successivamente è stato Direttore e Parroco delle tre parrocchie affidate ai salesiani di Arese (2001-2005) contribuendo a formare la Comunità pastorale della città, quando è stato nominato Ispettore dell'Ispettoria di Lombardia, Emilia Romagna, Svizzera e san Marino (2005-2011).
Al termine del mandato, nell'ottobre 2011, è tornato nella Diocesi di Milano come Direttore e Parroco della comunità pastorale “Santa Maria Ausiliatrice e San Giovanni Bosco” a Sesto San Giovanni.
In tanti lo ricordano con affetto.
L'Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini, nel messaggio inviato alla comunità lo ha così voluto ricordare: “Don Agostino ha vissuto il suo ministero come salesiano zelante e intelligente. Nel suo ministero di parroco è stato autorevole, generoso, presenza significativa per la parrocchia e per il decanato”.
Don Mario Robustellini, missionario in Etiopia lo ricorda così: «Don Agostino, valtellinese come me, grande amico sin dai tempi degli studi fatti insieme a Torino, era stato Ispettore di Milano per il sessennio dal 2005 al 2011 ed è stato in questo periodo di fecondo lavoro per i salesiani della Lombardo-Emiliana-Svizzera, che è venuto ogni anno a trovarci in Etiopia. Stava volentieri nelle missioni che visitava con un sorriso aperto e un cuore grande. Ci ha sempre aiutato. È grazie a lui se la missione di Dilla ha una residenza molto bella per missionari, volontari e ospiti, anche qui in un posto difficile, di frontiera. Abbiamo seguito con tristezza e trepidazione il suo calvario di 10 giorni all'ospedale e sappiamo che molti, soprattutto alla Rondinella (Sesto S. Giovanni) dov'era parroco, e a Sondrio, lo ricordano con affetto e rimpianto. “Don Ago” proteggi dal cielo tutta la famiglia salesiana che amavi tanto, e porta pace ai tuoi famigliari, col tuo ricordo».
Don Giorgio Pontiggia: «Don Agostino. Sono stato suo 'assistente' a Chiari e poi, a distanza di 30 anni, ci siamo incontrati quando è venuto a trovarmi a Pugnido, in Africa: lui era Superiore dell'Ispettoria Lombarda. Poi, graditissima sorpresa, don Agostino è diventato Parroco alla Rondinella di Sesto San Giovanni, dove anch'io avevo lavorato per 11 anni prima di andare in Etiopia. È stato da allora che mi sono riavvicinato all'Italia anche per motivi di salute e trovavo in don Agostino e nei confratelli di Sesto accoglienza e aiuto fraterno. Ero contento di vedere come la 'mia' Parrocchia e il 'mio' Oratorio erano in buone mani».
Il quotidiano Avvenire: «Tutte le comunità che l'hanno conosciuto, società sportive, volontari, animatori culturali, studenti, politici, anche la comunità islamica di Sesto, hanno inviato messaggi di profonda commozione, ringraziandolo per l'esempio e la testimonianza che ha dato nella sua vita. «Un salesiano - ha detto di lui una persona seguita in un momento difficile - con una grande capacità di ascoltare e di farti capire che avevi vicino un padre, la paternità di don Bosco».
Ogni confratello lascia in eredità tanti ricordi... momenti lieti e tristi condivisi insieme secondo lo spirito salesiano.
Tante volte rimangono vive alcune espressioni tipiche del confratello che, proprio perché ripetute spesso, sono rimaste scolpite nella memoria di chi l'ha conosciuto e restano una sorta di testamento tascabile! Anche don Agostino aveva alcune forme tipiche di comunicazione, veri e propri slogan che sintetizzavano bene il suo pensiero.
Ne vogliamo ricordare tre in particolare: “Comunità d'amore” “Venire alla luce” e “un trionfo!”.
“Comunità d'amore” era il suo sogno per la Comunità: lo ripeteva sempre come manifesto programmatico, ma soprattutto ci credeva in prima persona e cercava, con il suo esempio di incarnarlo nei rapporti di tutti i giorni con uno stile di ascolto, dialogo e misericordia.
Quella misericordia in cui ha creduto quotidianamente. È significativo il titolo della sua prima lettera da Ispettore: “La misericordia di Dio ci plasmi” (12/9/2005). Forte e chiaro il suo appello a conclusione di quella lettera: “Le nostre divisioni scandalizzano, l'unità nella carità edifica”.
Altra espressione tipica era “venire alla luce”: un modo concreto per ricordare sempre la prospettiva di ogni nostro sforzo umano e cristiano! Venire alla luce ben rappresentava anche la sintesi del suo credo di “educatore salesiano”: in lui davvero tanti hanno sperimentato la paternità di don Bosco!
Ma la frase più ricorrente, udita soprattutto da chi ha condiviso con lui la responsabilità dell'animazione, era senz'altro: “un trionfo!”.
In quell'espressione c'era tutta la sua gioia e la sua partecipazione che, a volte, per via del suo carattere schivo e riservato, non sempre si riusciva a cogliere.
Dicendo “un trionfo!” con gli occhi che gli brillavano don Agostino trasmetteva la sua soddisfazione, a tratti il suo entusiasmo, per la riuscita di una celebrazione o per il successo di un'iniziativa pastorale.