I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

I NOSTRI SANTI

A CURA DI PIERLUIGI CAMERONI, postulatore generale

Coloro che ricevessero grazie o favori per intercessione dei nostri beati, venerabili e servi di Dio, sono pregati di segnalarlo a postulazione@sdb.org
Per la pubblicazione non si tiene conto delle lettere non firmate e senza recapito. Su richiesta si potrà omettere l'indicazione del nome.

IL SANTO DEL MESE

In questo mese di giugno preghiamo il Venerabile don Andrea Beltrami, salesiano sacerdote, di cui il 24 giugno ricorre il 150° della nascita.
Nato a Omegna (VB) il 24 giugno 1870, ricevette in famiglia un'educazione profondamente cristiana, che fu poi sviluppata nel collegio salesiano di Lanzo, dove entrò nell'ottobre del 1883. Qui maturò la sua vocazione. Nel 1886 ricevette l'abito religioso da don Bosco. Nei due anni che trascorse a Torino-Valsalice conobbe ed entrò in sintonia spirituale con il principe polacco Augusto Czartoryski, oggi beato, che da poco era entrato nella congregazione salesiana. Don Beltrami venne chiamato ad assistere don Augusto, essendo questi malato di tubercolosi. Anche don Beltrami si ammalerà della stessa malattia, allora molto diffusa, vivendo la sua sofferenza con letizia interiore. Ordinato sacerdote da monsignor Cagliero, si diede tutto alla contemplazione e all'apostolato della penna. D'una volontà a tutta prova, con un desiderio veementissimo della santità, consumò la sua esistenza nel dolore e nel lavoro incessante. “La missione che Dio mi affida è di pregare e di soffrire”, diceva. “Né guarire né morire, ma vivere per soffrire”, fu il suo motto. Esattissimo nell'osservanza della Regola, ebbe un'apertura filiale con i superiori e un amore ardentissimo a don Bosco e alla congregazione. Nei quattro anni che gli rimasero di vita dopo il sacerdozio, scrisse alcuni opuscoli ascetici, ma soprattutto si dedicò all'agiografia scrivendo varie biografie di santi, e alcuni volumi di letture amene ed educative. Morì il 30 dicembre 1897: aveva 27 anni. La sua salma riposa nella chiesa di Omegna, suo paese natale. È stato dichiarato venerabile il 15 dicembre 1966.

PREGHIERA

Dio, nostro Padre,
che hai fatto risplendere un raggio di infinito amore
nel tuo sacerdote Andrea Beltrami, salesiano,
noi ti ringraziamo.
Sostenuto da grande fervore eucaristico,
egli ti ha offerto generosamente
la sua giovane vita nel lavoro apostolico
e nella sofferenza dei suoi ultimi anni,
vissuta con Cristo sulla croce.
Tu gli hai donato di sperimentare gioia
nell'abbandono filiale alla tua volontà.
Concedi a noi di seguire il tuo Figlio Gesù,
nei giorni della gioia e in quelli della prova,
con lo stesso amore che ha caratterizzato
la breve e intensa vita di questo tuo fedele ministro.
Ti supplichiamo di voler glorificare questo tuo servo
e di concederci, per sua intercessione,
la grazia che ti chiediamo...
Per Cristo nostro Signore. Amen.

RINGRAZIANO
L'anno scorso una notte ho accusato un forte dolore al seno, al mattino pensai subito di recarmi dal dottore. Mi sono spaventata e così ho subito fatto una mammografia, che ha evidenziato un nodulo al seno. Il dottore davanti a quel riscontro mi ordinò un'ecografia per approfondire ulteriormente la natura del nodulo. Effettuata l'ecografia, il responso venne sottoposto ad un oncologo che lavora in Germania, marito di una mia cara amica. La risposta che giunse fu drammatica: dovevo partire subito e sottopormi all'operazione. A giugno moriva mio nipote e ho rimandato ancora, anche se continuavo a stare male, fin quando nel mese di ottobre la mia amica è venuta a Gioia Tauro e mi “ha costretta” a partire con lei in Germania. I medici tedeschi mi sottoposero ad una risonanza magnetica che purtroppo evidenziò un quadro clinico molto più complesso. Dovevo subito essere operata! Non potete immaginare la mia disperazione. Tornai a casa: Dopo un mese ripartii per la Germania per sottopormi all'operazione. Il giorno prima dell'operazione, la sera del 4 novembre, ero sola nel letto dell'ospedale, piangevo mentre recitavo il Rosario alla Madonna. Mentre pregavo mi sono addormentata. Nel sonno ho avuto un visione o un sogno, non so dire. Ho visto un prato verde, di un verde meraviglioso e intorno a questo prato c'erano tante case, non tanto alte. Al centro di queste case, c'era una chiesetta di colore beige. Udivo delle voci di bambini, voci gioiose, schiamazzi, stavano giocando. Piano piano mi incamminai verso la chiesa e mi apparve un bambino, poteva avere 12 o 15 anni, vestito come san Domenico Savio, proprio come la statua che c'è nella nostra chiesa. Questo bambino mi guardava, io gli chiesi se avesse fame, ma lui continuava a guardarmi, i suoi occhi emanavano una luce celestiale ed io lo guardavo incantata. Ad un certo punto mi porge la mano e stringendo la mia mi dice: “Siamo qui con don Bosco, siamo Salesiani”. Mentre lui parlava, io avvertivo una presenza dietro di me, ma non mi sono girata, perché ero rapita dai suoi occhi. Allora gli dissi: “Anche nella mia parrocchia ci sono i Salesiani. Come ti chiami tu?”. Lui subito mi rispose: “Domenico”. Mentre parlavamo, iniziammo a camminare verso la chiesetta, allora io capii che era san Domenico Savio e mi sono svegliata. Al risveglio provavo una grandissima pace interiore, la paura era come svanita. Al mattino affrontai l'operazione senza un minimo di paura. È andato tutto bene, non ho avuto bisogno né di chemioterapia, né di radioterapia né di farmaci. E ora sto benissimo. Un vero miracolo.
Mariella Ravese (testimonianza raccolta da Caterina Sorbara), Gioia Tauro