I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

STORIE DI GIOVANI

CLAUDIA GUALTIERI

Perduto è l'uomo che resta fermo

Si chiama Nicolò Govoni, ha 27 anni e una candidatura a Premio Nobel per la Pace 2020, da parte del Consiglio Grande e Generale della Repubblica di San Marino.
Ma cosa avrà mai potuto fare, nella sua così breve vita, questo ragazzo per meritarsi addirittura un premio Nobel?

Nicolò Govoni è uno scrittore, giornalista, e attivista per i diritti umani. Nasce a Cremona nel 1993, trascorre la sua infanzia travolto dall'affetto dei suoi nonni, e vive la sua adolescenza sentendosi ripetere dagli adulti, presenti nella sua vita, che è sulla buona strada per diventare un fallimento. Ma a soli 20 anni, quando si sente fermo e all'angolo come molti ragazzi della sua età, decide di partire in missione come volontario in un piccolo villaggio dell'India, precisamente nell'orfanotrofio di Dayavu Boys' Home. Da quel momento Nicolò non si ferma più: studia, scrive, raccoglie fondi per l'orfanotrofio, e diventa il fratello maggiore di molti bambini senza una famiglia. Grazie agli sforzi dei gestori di Dayavu Boys' Home, ma grazie anche a Nicolò, che si mobilita per raccogliere fondi da devolvere a questo orfanotrofio, i bambini hanno la possibilità di studiare e, con il passare degli anni, persino di iscriversi all'università.
Quattro anni dopo, nel 2017, dopo una laurea in giornalismo, due libri pubblicati - “Uno” e “Bianco come Dio” - e tante collaborazioni con alcune delle più grandi testate giornalistiche a livello mondiale, Nicolò fa un'altra scelta: lasciare l'India. Decide infatti di andare a offrire il suo lavoro prima in Palestina e poi a Samos, un'isola della Grecia, dove coordina un programma educativo per i bambini profughi. A Samos, ogni giorno, arrivano uomini, donne e bambini dall'Afghanistan, dalla Siria, dall'Iraq e anche dall'Africa, in cerca di asilo politico. Ma la vita negli hotspot non è certo piacevole, in attesa che queste persone possano ricevere risposta di collocazione in territorio europeo. Tra loro più di 300 minori non accompagnati sono abbandonati a loro stessi. E Nicolò non si ferma ancora.
Nel 2018 fonda, insieme ad altre due volontarie Sarah Ruzek e Giulia Cicoli, “Still I Rise”, nome che prende ispirazione dalla poesia di Maya Angelou. Still I Rise è un'organizzazione non governativa totalmente rivolta ai bambini rifugiati di guerra, e interamente basata su libere donazioni, indipendente dai governi, dall'Unione Europea, dall'ONU o da grandi aziende private.
Tramite la sua organizzazione, Nicolò apre così la prima scuola per i minori profughi dell'isola, offrendo loro un'educazione e un luogo in cui distrarsi dall'orrore che li accompagna anche in quei campi, un luogo insomma dove “i bambini possono tornare bambini”. “Mazì” infatti in greco significa “insieme”, e il centro si fonda su tre pilastri: garanzia di istruzione, formazione dell'individuo, e sicurezza.
Qui i bambini hanno la possibilità di imparare inglese, greco, matematica, arte, storia, geografia, computer, teatro e musica, e ricevono lezioni anche di cultura europea, diritti delle donne e intelligenza emotiva. Oltre a istruirsi, in Mazì i bambini ricevono colazione e pranzo, ma soprattutto possono fare ciò che per qualsiasi bambino è imperativo fare, giocare. Mazì è, insomma, in tutto e per tutto, una scuola basata su un preciso modello di educazione e istruzione, che è possibile replicare ovunque. Nel frattempo, Nicolò trova anche il tempo di pubblicare altri due libri, “Objects in the mirror” e “Se fosse tuo figlio”. Oggi, Nicolò non vuole più fermarsi.
Ha raggiunto il suo obiettivo di replicare il progetto di una scuola per bambini rifugiati, come Mazì, anche in Turchia, e lavora con il suo team per realizzare progetti simili anche in Kenya e Messico.

IL NOSTRO GIORNO È OGGI
“Questo è il nostro momento, il nostro tempo. Il nostro giorno è oggi. Domani e ieri, ecco i giorni in cui si può non far nulla. Oggi è l'unico giorno in cui si può fare qualcosa. L'unico. Quindi no, non esitare, perché la felicità va guadagnata. Non aspettarti di più dalla felicità che la felicità stessa, perché il percorso ti ha ormai dato tutto. Attraverso i giorni scuri hai guadagnato ciò che sei ora, e sei luminoso. E se dovessi poi scoprirti inaridito, non temere di rimetterti in cammino verso un'isola nuova. Perduto, il più delle volte, è l'uomo che resta fermo.”
(Nicolò Govoni, “Uno”)