I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

SALESIANI NEL MONDO

Giampietro Pettenon

Don Bosco vs COVID

È meraviglioso sapere che ovunque i missionari salesiani, come don Bosco, di fronte ad ogni problema sanno trovare una soluzione concreta, semplice, fatta di fatica, di vicinanza, di affetto, di sacrificio silenzioso ma tanto efficace.

Tante volte ho scritto dai diversi paesi del mondo - ne ho visitati una quarantina in questi ultimi sei anni - raccontandovi quello che vedevo, le persone che incontravo, le esperienze nuove che vivevo.
Questa volta invece vi scrivo dalla sede di Missoni Don Bosco perché non possiamo muoverci di casa, a causa della pandemia in atto. Non solo in Italia e in Europa esiste una sorta di coprifuoco generale. Tantissimi paesi del mondo, per tentare di arginare la diffusione del contagio, hanno chiuso le frontiere e interrotto le attività produttive, la scuola e i trasporti, invitando la popolazione a stare in casa.
Il nostro governo ha stanziato risorse finanziarie ingenti per far fronte ai bisogni della sanità pubblica e alla crisi economica. In Italia abbiamo una organizzazione statale, della quale spesso ci lamentiamo per il mal funzionamento, ma che i servizi essenziali li garantisce.
Non è così nei paesi in via di sviluppo dove la gran parte della popolazione vive di espedienti quotidiani. Lavorare “in regola” cioè con tutte le tutele assistenziali e previdenziali molto spesso è un'eccezione, soprattutto nelle periferie delle grandi metropoli mondiali e nelle campagne. Questo significa che il cibo per ogni giorno dipende da quello che una mamma è riuscita a vendere nella piccola bottega ai bordi della strada. Dipende dalle ore di lavoro manuale che un padre è riuscito a svolgere quel giorno... e domani? domani, Dio provvederà!
Capiamo subito che se a questi padri e madri è impedito di uscire di casa a causa del coronavirus, questi sono destinati a morire di fame, loro e i loro figli!
Nei paesi poveri del mondo l'emergenza, prima ancora di essere sanitaria, è di tipo alimentare. Il COVID è un virus che nei paesi ricchi provoca la morte per complicanze respiratorie e nei paesi poveri provoca la morte per... fame!

In Perù padre Rolando Ramos Guija, a 92 anni, sempre giovane e attento ai poveri, anche in tempo di Covid-19 in mezzo alla quarantena e all'isolamento sociale, non può evitare di aiutare le famiglie povere dei Peruviani e dei Venezuelani che gli chiedono aiuto. Fin dall'inizio della quarantena, il suo sguardo è caduto sui poveri della zona, e ha subito organizzato una brigata di emergenza per preparare “borse della salvezza” con beni di prima necessità. I quartieri più remoti sono stati i primi a ricevere aiuto. Don Ramos è parroco a Chosica a due ore di macchina da Lima. “Ad oggi - dice Silvia Cordova, assistente sociale della parrocchia Don Bosco - abbiamo distribuito cibo a 800 famiglie. I bambini sono quelli che soffrono di più. Ci siamo occupati di tutti, ma abbiamo constatato che più della metà sono immigrati venezuelani, che patiscono più fortemente l'impatto del deterioramento economico, perché hanno solo dei lavoretti informali e vivono alla giornata”.

Nel Tamil Nadu-India, la comunità salesiana dell'opera “Retrat”, a Yercaud, ha lanciato un programma per raggiungere i più poveri in questo tempo di pandemia e di difficoltà per tutto il mondo. Per l'intera settimana, in diverse giornate, vengono distribuiti alimenti a 100 anziani soli e a persone disabili. Inoltre, 200 famiglie bisognose, sparse nei villaggi tribali delle colline circostanti l'opera. Si tratta di famiglie che erano in grave difficoltà e famiglie di migranti, tutte persone che dipendono esclusivamente dalle loro piccole entrate giornaliere per il loro sostentamento e che per questo sono in crisi a causa del blocco negli spostamenti imposto dall'India (lockdown). La necessità di un sostegno specifico e urgente per queste famiglie è stata individuata dai giovani dell'opera quando questi volontariamente, nei giorni scorsi, si sono assunti il compito di spruzzare disinfettante nella maggior parte dei villaggi delle colline - alcuni raggiungibili solo dopo lunghe ore di camminata in salita.

A Lubumbashi, nella Repubblica Democratica del Congo, padre Albert ci riferisce che in città sono già stati uccisi diversi ragazzi. La tensione è alle stelle, soprattutto a causa della speculazione che, iniziata in concomitanza con la diffusione delle notizie sulle prime vittime del Covid-19 nel Paese, sta creando non pochi problemi di ordine sociale: a causa della corsa all'approvvigionamento alimentare, molta gente non ha da mangiare e i prezzi stanno raddoppiando, con reazioni di protesta da parte della popolazione che vengono puntualmente represse con violenza.

A Quito, in Equador, l'obiettivo dei missionari salesiani è semplice, ma avrà ricadute positive sull'intera comunità nel contenimento del contagio, non solo sui beneficiari: vogliono mettere le famiglie più svantaggiate nelle condizioni di poter realmente rispettare la quarantena e ci hanno chiesto di aiutarli ad assicurare il cibo alle famiglie dei barrios più poveri. Attraverso l'iniziativa Por el pan de cada dia, Per il pane quotidiano, i salesiani di Quito assegneranno alle famiglie selezionate dei buoni mensili da utilizzare nei negozi e supermarket di quartiere: ciascun buono prepagato vale 60 $.

A Freetown, Sierra Leone, padre Crisafulli missionario, purtroppo conosce bene gli effetti che può avere una pandemia in un contesto di grande povertà poiché si è ritrovato, nel 2014, a fronteggiare l'emergenza ebola, che ha riempito le strade della capitale africana di orfani in condizioni disperate. Per questo ha già avviato un'attività di sensibilizzazione sulle norme anti-contagio, rivolgendosi ai bambini e ai ragazzi di strada attraverso il Bus Don Bosco, l'unità mobile del centro di tutela all'infanzia che gestisce. Ma ha anche pianificato meticolosamente altre iniziative: “Nel caso scoppiasse un'epidemia, ci metteremmo tutti in quarantena nel Bosco Fambul e accoglieremmo, oltre ai minori che già ci vivono, anche 400 bambini di strada in più, che sarebbero sistemati nelle aule scolastiche che in questo periodo non verrebbero usate. Stiamo organizzando tutto seguendo due esigenze molto chiare: avremo bisogno di cibo durante l'emergenza, e avremo bisogno di cibo dopo l'emergenza, perché ci sarà una grave crisi sociale”, ci scrive padre Jorge.

Con i ragazzi di strada di Addis Abeba, in Etiopia. Un lavoro simile lo svolge anche padre Angelo Regazzo. I salesiani del Don Bosco Children rispettando le indicazioni delle autorità, hanno chiuso la scuola, frequentata da una moltitudine di bambini vulnerabili, ma hanno lasciato a casa non gli studenti, bensì maestri ed istruttori. Perché i ragazzi di strada che frequentano il Don Bosco Children non hanno una casa; o meglio, la casa salesiana è la loro unica casa. “Non usciamo più per le strade di notte in cerca di ragazzi: troppo rischioso” ha dichiarato padre Angelo. Ma è stato proprio lui a compiere diversi viaggi in pullman per portare dentro il Bosco Children quanti più ragazzi possibile e per supportarli in questi momenti di emergenza. “Don Bosco avrebbe fatto lo stesso” afferma il missionario. “Abbiamo cibo, acqua, diesel sufficienti per far funzionare i generatori, le pompe d'acqua e i frigoriferi per diversi mesi. Abbiamo sapone in abbondanza per lavarci, alcool per disinfettarci, paracetamolo e medicinali di pronto soccorso... Nessuno esce dal recinto e quei pochi che entrano, come guardiani, cuoche e operatori sociali, devono lavarsi le mani con sapone all'entrata e disinfettare le scarpe con varechina e alcool”. “Qui facciamo consistere la santità nello stare allegri e nel tenerci occupati durante la quarantena del coronavirus”, conclude padre Regazzo.
Sono in casa, a Torino, fisicamente isolato dal mondo ma in contatto con tanti, tantissimi salesiani che lavorano in prima linea per aiutare i più poveri.
È meraviglioso sapere che ovunque i missionari salesiani, come don Bosco, di fronte ad ogni problema sanno trovare una soluzione concreta, semplice, fatta di fatica, di vicinanza, di affetto, di sacrificio silenzioso ma tanto efficace.
Come don Bosco, uomini maturi, profondamente uomini di Dio, capaci di lasciare il segno nella vita di tanti giovani, ancora oggi.