I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL LORO RICORDO È BENEDIZIONE

DON ANGELO SANTORSOLA

Don Bruno Gambardella

Morto a Salerno, il 2 marzo 2020 a 86 anni

Un modello autentico di salesiano, testimone dell'amore di Dio per gli ultimi, un santo della porta accanto, che si consuma generando vita, un dono di Dio alla Congregazione: con queste parole così nette, e per nulla di circostanza, don Angelo Santorsola, Ispettore dell'Italia Meridionale (IME), ha definito la figura di don Bruno Gambardella, SDB, morto lo scorso 2 marzo, a 86 anni d'età.
Nato a Napoli nel 1934, salesiano dal 1956 e sacerdote dal 1965, don Bruno Gambardella ha sempre lavorato con i ragazzi più poveri e abbandonati della Campania. A Napoli, Castellammare, Pacognano... e anche altrove, don Gambardella ha saputo essere, per tanti di essi, un vero “padre”, come lo fu anche per tanti laici e salesiani, con una bontà profusa a piene mani attraverso un'umanità visibile, concreta, fatta di azioni e scelte quotidiane - quelle azioni e quelle scelte che manifestano il cuore del Buon Pastore, la passione di chi annuncia e costruisce il Regno di Dio non con le parole, ma con la vita.
Parafrasando il Vangelo di Matteo sul “Giudizio finale” si può osservare come don Gambardella nella sua vita ha dato il pane dell'umanità a chi dalla vita aveva avuto solo schiaffi; ha dato l'acqua fresca a chi era bruciato dal fuoco della rabbia; con la sua bontà ha visitato i cuori di tanti giovani soli e ha rivestito la nudità di tanti giovani a cui era stata tolta la dignità, la fiducia.
Don Gambardella non è stato uomo di “rappresentanza”, salesiano dai bei discorsi o dalle parole mielose. Era salesiano secondo il cuore di don Bosco, il prete di tutti, amante dei fatti, dei gesti concreti, dell'operosità instancabile, del servizio umile, concreto. Viveva il quotidiano con amore preveniente e provvidente.
La vita di don Gambardella è anche una lezione per tutti quei salesiani alla ricerca dei linguaggi nuovi, dimenticando l'unico, vero linguaggio attuale, per tutte le generazioni: l'amore! Il suo amore per i giovani che ha incontrato, per i religiosi e per i tanti laici che ha aiutato, è stato non solo un amore affettivo, ma effettivo. Il suo amore è stato quello del Buon Pastore che ebbe compassione per chi era smarrito, solo, lontano.
Don Bruno era nato a Napoli il 25 febbraio 1934. Dopo aver conseguito il Diploma di Computista Commerciale è entrato nel Noviziato di Portici ed è stato ordinato sacerdote a Roma nel 1965.
L'Obbedienza l'ha voluto Direttore a Piedimonte Matese (1973-1978), a Napoli don Bosco (1978-1987) Consigliere ispettoriale (1982-1987) Direttore a Castellammare di Stabia (1987-1988) Direttore ed Economo a Vico Equense - Pacognano (1998-2009), e con incarichi diversi: Consigliere della Scuola Media a Napoli Don Bosco, Incaricato dell'Oratorio a Torre Annunziata, Economo a Caserta, a Castellammare ed Economo e Vicario al don Bosco di Napoli fino al 2009, anno in cui si dedicherà alle cure dei confratelli ammalati a Salerno come incaricato del settore infermeria fino alla morte.
Mi è estremamente facile parlare di don Bruno, di quanto ha fatto per gli ultimi incontrati in Campania (a Napoli, Castellammare, Pacognano...) e di come sia diventato padre di tanti ragazzi, ma anche di tanti laici e salesiani con la sua bontà profusa a piene mani attraverso un'umanità visibile, concreta, fatta di azioni e scelte quotidiane che hanno sempre manifestato il cuore del Buon Pastore, la passione di chi annuncia e costruisce il Regno di Dio non con le parole, ma con la vita. Sempre attento ai bisogni degli ultimi, dei più poveri. Ha dato il pane dell'umanità a chi dalla vita aveva avuto solo schiaffi; ha dato l'acqua fresca a chi era bruciato dal fuoco della rabbia; con la sua bontà ha visitato i cuori di tanti giovani soli e ha rivestito la nudità di tanti giovani a cui era stata tolta la dignità, la fiducia. Sono convinto che don Bruno non ha avuto il tempo di chiudere gli occhi perché Gesù abbracciandolo, con accanto don Bosco sorridente, gli ha detto: “lo hai fatto a me!”.
Don Bruno non era l'uomo di “rappresentanza”, il salesiano dai bei discorsi o dalle parole mielose. Era salesiano secondo il cuore di don Bosco, il prete di tutti, amante dei fatti, dei gesti concreti, dell'operosità instancabile, del servizio umile, concreto. Viveva il quotidiano con amore preveniente e provvidente perché squisitamente salesiano!
Il direttore di Salerno mi ha condiviso una cosa che mi ha tanto, tanto commosso e mi ha convinto ancora di più che quello che vi ho raccontato finora è una piccolissima parte di quell'amore che don Bruno ha vissuto. Mi diceva che a differenza di tutte le altre volte che quando moriva qualcuno in infermeria, gli altri confratelli ammalati continuavano a vivere nella normalità il loro stato di ammalati, questa volta è successo qualcosa di strano: tutti erano un po' agitati, smarriti. Don Lucio Mastrilli che piangeva come un bambino e non ha voluto mangiare, altri che non hanno voluto nulla... insomma tutti hanno avvertito che era venuta a mancare una presenza amica costante, quotidiana. Anche la sua morte ci ha parlato di quell'amore che è stato, di quell'amore vero che nel quotidiano si fa sentire anche da chi sembra non capire, non sentire o dormire. È la forza dell'Amore vero, è la forza di don Bruno!