I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LE CASE DI DON BOSCO

SERGIO SLAVAZZA

Don Bosco all'opera!
Le opere sociali Don Bosco di Sesto San Giovanni

«Riempie il cuore di gioia rivedere i nostri exallievi, a distanza di anni, che tornano per iscrivere il loro figlio alle nostre scuole, oppure per cercare diplomati da assumere nell'azienda che hanno fondato o ereditato a loro volta dai genitori».

Dal 1948 ad oggi
«Il Cardinale Ildefonso Schuster, Arcivescovo di Milano, ben edotto dei disordini morali e del bisogno economico che affliggevano su vasta scala la periferia di Milano, animato dallo spirito apostolico che lo distingueva sempre in ogni settore, invitò i Salesiani a prestare l'opera loro a favore delle classi meno abbienti. Si venne così alla decisione di compiere un esperimento pilota alla Rondinella, rione posto ai confini di Sesto San Giovanni, verso il Comune di Cinisello Balsamo. L'8 dicembre 1948, festa dell'Immacolata, vennero alla Rondinella i Salesiani, con a capo don Francesco Beniamino Della Torre, i quali con tutto l'entusiasmo si misero all'opera!».
Così narrano le cronache passate in merito alla fondazione delle Opere Sociali Don Bosco (OSDB) di Sesto San Giovanni, resa possibile ai suoi inizi anche grazie all'entusiasta contributo del senatore Enrico Falck, titolare delle omonime acciaierie.
Da quel lontano 1948 la presenza dei Salesiani a Sesto è diventata notevolmente importante, anche numericamente: 2860 studenti, oltre 200 collaboratori, 2 parrocchie, 1 comunità religiosa, 1 oratorio, 800 ragazzi che frequentano la catechesi, 1 cinema teatro, 1 polisportiva, 500 aderenti ad associazioni sportive parrocchiali, 100 volontari Caritas, su una popolazione di circa 18.000 abitanti.
Dal febbraio 2020 le OSDB sono una Apple Distinguished School, cioè un istituto certificato da Apple per essersi contraddistinto promuovendo l'innovazione continua in ambito didattico e scolastico. Le Apple Distinguished School sono centri di innovazione, prestigio ed eccellenza nella didattica che usano i prodotti Apple per ispirare gli studenti a essere creativi, aiutandoli a sviluppare capacità di collaborazione e pensiero critico. Fanno un uso innovativo delle tecnologie nell'apprendimento, nell'insegnamento e nell'ambiente scolastico, con successi accademici documentati.

La Scuola Secondaria di Primo Grado “Ercole Marelli” e la Scuola Secondaria di Secondo Grado “Ernesto Breda”
Le due Scuole sono caratterizzate dalla presenza di numerosi Salesiani, quotidianamente impegnati nell'azione formativa, rendendo attuale il metodo educativo di don Bosco, il Sistema Preventivo, che pone al centro della propria azione la cura del singolo ragazzo, la vicinanza, la presenza e l'accompagnamento formativo nelle diverse fasi del suo cammino di crescita. Questo viene illustrato in modo approfondito nel Progetto Educativo di Istituto. Sono Scuole interessate alla crescita integrale della persona in tutte le sue dimensioni - culturale, espressiva, affettiva, sociale, fisico-corporea, spirituale e religiosa - orientando a questa finalità generale l'impegno di tutte le figure educative, chiamate a portare il proprio contributo attivo alla promozione del successo formativo. Gli interventi pedagogici vengono adattati alle caratteristiche della fase formativa che sta interessando il ragazzo, tenendo conto del percorso già compiuto e focalizzando gli interventi sulle esigenze delle successive fasi. Si tratta di Scuole attente al territorio e al futuro, ai nuovi bisogni emergenti dalle tendenze in atto nella società attuale; alla costruzione della persona affiancano l'impegno per una valida preparazione culturale, un solido quadro di valori, l'acquisizione delle competenze necessarie per affrontare con successo la vita nella società, la ricerca continua di soluzioni innovative capaci di rivitalizzare continuamente la tradizione. Quindi Scuole dove si impara a vivere, al passo con i tempi e attente al singolo, capaci di orientare verso scelte libere e responsabili; Scuole che vivono l'apprendimento come il frutto dell'esperienza maturata all'interno di una rete di occasioni formative e che considerano l'accoglienza, l'incontro e l'accompagnamento attuati nelle scelte curricolari, didattiche e organizzative, come strumenti privilegiati per raggiungere questa finalità.

Il Centro di Formazione Cnos-Fap “Enrico Falck”
Don Bosco, da buon educatore, si è reso conto fin da subito della necessità di dare una base culturale e una competenza nel mondo del lavoro ai suoi ragazzi. Era convinto che il Vangelo passasse attraverso tutto l'uomo, che il pane spirituale stesse insieme a quello materiale, che la fede senza una cultura sarebbe troppo poco per l'uomo. Educazione integrale appunto: Dio e l'uomo insieme, la ragione e la fede che collaborano, l'onesto cittadino e il buon cristiano mai separati. Don Bosco ha inventato le scuole professionali, ha scritto i primi contratti di lavoro che esistono in Italia, ha seguito i suoi ragazzi che incominciavano a lavorare.
Il Centro di Formazione Professionale di Sesto non offre solamente competenze tecniche: ogni tecnica presuppone sempre una visione del mondo e una visione della vita umana, un comportamento da tenere e un modello di uomo a cui far riferimento. La Formazione Professionale Salesiana è innanzitutto luogo di esperienza ecclesiale, vale a dire che in essa trovano uno spazio importante l'annuncio cristiano e la proposta della vita di fede.
È una scuola per tutti, che accoglie ogni ragazzo e ragazza nel punto in cui la sua libertà si trova.

La Fondazione ITS Lombardia Meccatronica
La Fondazione ITS si compone di oltre 120 partner, tra scuole, enti locali e soprattutto aziende. Sede principale ed ente capofila sono le OSDB.
Gli Istituti Tecnici Superiori rappresentano l'apice della filiera della Formazione Professionale e realizzano corsi post diploma destinati a giovani diplomati che desiderano migliorare le proprie competenze attraverso una metodologia di apprendimento applicativa: i corsi IFTS, della durata di un anno, e i corsi ITS, della durata di due anni.
L'ITS di Sesto (che ha sedi locali anche a Bergamo, Lecco e Lonato del Garda) programma percorsi formativi nei seguenti ambiti: Meccatronico Industriale, Meccatronico Autoferrotranviario, Meccatronico Biomedicale, Meccatronico dei Veicoli Ecosostenibili, Manutenzione 4.0 per sistemi meccatronici avanzati.

TRE DOMANDE AL DIRETTORE
Don Elio Cesari, nato a Bologna nel 1978, laureato in Filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha studiato Teologia presso la Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale. Già delegato per la Pastorale Giovanile dell'Ispettoria Salesiana Lombardo-Emiliana, è sacerdote salesiano dal 2007. Dal 2017 è il Direttore delle OSDB.

Don Elio, si può ravvisare uno “stile” che caratterizza le OSDB?
Se dovessi riassumere in una sola parola la cifra della nostra Opera direi che è quella dell'accompagnamento. Già don Bosco diceva «Basta che siate giovani perché vi ami assai». Cerchiamo di curare molto il percorso dei nostri allievi, sin dal primo ingresso e ancora prima, dai colloqui con loro e i loro genitori in fase di preiscrizione. Pur essendo una scuola molto grande infatti, riceviamo tantissime richieste, che purtroppo non riusciamo a soddisfare in toto. Però ogni domanda ottiene da noi una risposta. Per questo offriamo un vero e proprio “servizio di orientamento”, che coinvolge anche alcuni nostri professionisti interni che lavorano nei progetti educativi, dell'inclusione e della continuità didattica. La nostra maggiore soddisfazione non è quando un ragazzo o una ragazza si iscrivono da noi, ma quando - grazie anche al nostro impegno - trovano la loro strada!

Sappiamo che le vostre scuole hanno standard di qualità molto alti.
È vero. Questo non siamo noi a dirlo ma ci viene riconosciuto innanzitutto dalle famiglie con le quali abbiamo assidui contatti e che sono coinvolte direttamente nella vita della scuola (momenti collegiali, ritiri, scuola formazione genitori, occasioni di festa e di incontro...) e in secondo luogo dalle aziende che numerose, nel nostro territorio a Nord-Est di Milano, si rivolgono ai nostri uffici alla ricerca di profili tecnici da assumere o anche semplicemente da accogliere in una delle numerose forme di alternanza scuola lavoro (stage, periodi di formazione...). La cosa bella è che questi imprenditori, che notoriamente non vogliono perdere tempo e neppure denaro, si rivolgono con fiducia alle nostre scuole dove la preparazione tecnica e professionale è molto curata ma soprattutto perché sanno di trovare una formazione umana (e, aggiungo io, cristiana) che altrove difficilmente reperiscono.
Inoltre anche enti esterni di ricerca e di certificazione (come Eduscopio o Invalsi per citarne solo due) ci restituiscono delle fotografie molto gratificanti sui nostri allievi che spesso, accompagnati dai loro insegnanti, partecipano a concorsi e contest tecnici e progettuali vincendo premi anche molto importanti (SI_Fabbrica, Social Innovation Campus, NAO Challenge, Premio RYoung...).

A questo proposito, quali sono gli strumenti che utilizzate per curare la crescita umana e la maturità spirituale dei vostri giovani?
Come sappiamo la Scuola Salesiana garantisce, oltre ai docenti e ai formatori, delle figure che sono il frutto dell'esperienza pedagogica di decenni e che affondano le loro radici sin nella vivida saggezza di don Bosco: il Direttore, il Coordinatore (coadiuvato da uno o più vice) delle attività didattiche ed educative, il Consigliere, il Catechista e il Coordinatore di classe. Tutti costoro formano la Comunità Educativo Pastorale perché l'educazione deve essere un'azione collettiva, che metta il giovane al centro. Inoltre contempliamo la presenza di diverse proposte sia nei percorsi educativi trasversali (Affettività, Media Education, Prevenzione delle Dipendenze) sia in quelli extracurriculari come le iniziative promosse dal MGS, i campi scuola, le Compagnie, il percorso Giovani e Politica, i gruppi missionari...