I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL LORO RICORDO È BENEDIZIONE

FRANCESCO CEREDA

Don Francesco Maraccani

Morto a Roma, il 24 gennaio 2020 a 83 anni

Dio ha chiamato a sé il nostro caro confratello don Francesco Maraccani all'età di 83 anni, dopo una vita vissuta in dedizione intelligente e generosa a servizio dei giovani, dei confratelli e della congregazione. Egli è sempre stato cagionevole di salute con numerosi mali che egli conosceva perfettamente e dei quali spesso parlava con compiacimento. In due mesi una breve malattia lo ha condotto rapidamente alla morte.
Egli nasce il 30 ottobre 1936 a Pavone del Mella (Brescia). Durante il tempo della scuola elementare cresce all'Oratorio salesiano, dove è direttore della comunità e incaricato dell'Oratorio don Michele Benedetti, il padre come lo chiamavano, che tanto influsso spirituale e apostolico ha avuto su di lui e su altri giovani che divennero poi salesiani.
Emette la prima professione il 16 agosto 1954, la professione perpetua il 14 agosto 1960. Nel 1963 consegue la Laurea in Ingegneria elettronica al Politecnico di Milano. Viene ordinato sacerdote il 18 marzo 1967. Nel mese di giugno dello stesso anno, consegue la Licenza in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana.
Dopo l'ordinazione presbiterale, per 12 anni, dal 1967 al 1979 è Preside dell'Istituto Tecnico Industriale “Don Bosco” di Brescia. Nel 1974 diviene anche Direttore della comunità salesiana, ufficio che ricopre per cinque anni, fino al 1979, senza tralasciare le 25 ore di scuola settimanali e l'insegnamento nel centro di formazione professionale serale. All'Ispettore che gli chiedeva di ridurre le ore di scuola, rispondeva che non gli pesava l'insegnamento e che era il modo di stare vicino ai giovani. Sono gli anni più belli della sua vita vissuta con i giovani; gli piaceva insegnare; lo faceva con passione e con una chiarezza che i ragazzi gli riconoscevano e per le quali lo apprezzavano e gli arrecavano simpatia. Si ricorda quell'anno in cui all'esame di maturità scopre tra lo stupore di tutti che il compito di elettronica è errato e non è risolvibile; sarà informato il ministero che correggerà la prova.
Dal 1970 al 1979 è Consigliere ispettoriale nell'Ispettoria lombardo emiliana. Con dispiacere, ma disponibile all'obbedienza, lasciò l'insegnamento, quando fu nominato ispettore. Dal 29 giugno 1979 al 23 ottobre 1984 ricopre l'ufficio di Ispettore della Ispettoria “San Zeno”, con sede a Verona. Don Francesco ha vissuto l'obbedienza come un sentirsi guidato e accompagnato. Nell'obbedienza ha trovato pace, serenità, felicità, gioia. La sua vita è stata un susseguirsi di incarichi sempre più impegnativi, vissuti con obbedienza
Nel mese di ottobre 1984, viene chiamato a Roma dal Rettor Maggiore, don Egidio Viganò, che gli affida l'ufficio di Segretario del Consiglio generale, incarico che ricopre ininterrottamente per 18 anni fino al 2002. Dal luglio 2002 al novembre 2015, per 13 anni, ricopre l'ufficio di Procuratore generale della Congregazione presso la Santa Sede e portavoce del Rettor Maggiore. Ha partecipato a 8 Capitoli generali, dal 1971 al 2014. Nel 1990 è stato il Regolatore del Capitolo generale 23°. Dal 2015 fino nel novembre 2019, nonostante l'età avanzata ed i problemi di salute, ha continuato a lavorare senza sosta nell'Ufficio giuridico della Congregazione salesiana. Ha condotto, fino alla fine del suo pellegrinaggio terreno, una vita religiosa e sacerdotale esemplare.
Don Francesco è una figura bella, trasparente, gioiosa, intelligente. È difficile illustrarne il profilo, viste le numerose sfacettature della sua persona. È una figura poliedrica dai molti interessi, dalla liturgia alla storia della Chiesa e della Congregazione, agli avvenimenti ecclesiali, alla scienza e all'attualità. Amava il Sacro Cuore, Maria Ausiliatrice e don Bosco, i santi e i beati della Famiglia salesiana. Era stato formato al lavoro instancabile; in questo si sentiva lombardo e bresciano. Il lavoro è il segno visibile e concreto della passione apostolica. Nella Ispettoria lombardo emiliana lo ritenevamo una figura significativa; di lui si diceva: “lavorare da cani è impegnativo, ma lavorare da Maraccani è ineguagliabile”.
Tra le numerose attestazioni di Vescovi salesiani, di Ispettori e di Confratelli della congregazione, riporto questo pensiero di un confratello della comunità: «In questi anni mi sono sentito molto unito a don Francesco. Ho visto in lui una persona saggia, inteligente, enciclopedico, lavoratore, servizievole, sereno, gioioso, comunitario, uomo di fede profonda e di pietà, con un grande senso ecclesiale e di fedeltà a don Bosco».