I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

COME DON BOSCO

PINO PELLEGRINO

La tenerezza

È impossibile che esista 'umanità', se non esiste la tenerezza. Togli la tenerezza ed hai il freddo, l'asociale, l'indifferente, il crudele, il disumano.
Due fatti.
In treno una donna fissa con tristezza la borsa che tiene sulle ginocchia, quando, parlando con l'amica, dice, quasi angosciata: «So che mio marito può essere buono, affettuoso! Con il cane si comporta così... Con il cane, non con me!».
Una madre sta facendo ragionamenti, raccomandazioni, 'prediche' alla figlia (terza liceo). La ragazza ascolta con espressione dura e tesa. Poi guarda la madre dritta negli occhi e scandisce: «Mamma, sono stufa e stanca delle tue prediche! Perché, invece, non mi prendi tra le tue braccia e mi tieni stretta? Nessun consiglio potrà mai farmi tanto bene. Per favore, abbracciami!».
Ecco che cosa manca oggi: manca la tenerezza! Manca il gheriglio dell'umano!
Sì, perché la tenerezza non è tenerume, non è melassa. 'Tenerezza' è parola di nove lettere, ma di spessore enorme.
Tenerezza è:
rimanere in silenzio per ascoltare l'altro,
rispondere con un sorriso,
preferire accarezzare la mano del malato che subissarlo di parole,
salutare per primo,
dare una coperta a chi ha freddo,
telefonare per rompere la solitudine di qualcuno,
essere presenti senza essere pesanti.
La tenerezza addolcisce la vita e la tiene in piedi, più del pane e del companatico, sostengono gli psicologi. La tenerezza è un nostro bisogno assoluto.
Tanto che in America hanno addirittura inventato la Festa delle coccole ('Cuddle Party').
Secondo gli ideatori i 'Cuddle Party' sono un modo per guarire dall'alienazione metropolitana. Sono validissimi per ritrovare l''umano' dopo tanti incontri con sole macchine, con soli oggetti.
Non è il caso di partecipare ad un incontro del 'Cuddle Party' per incontrare la tenerezza. La possiamo gustare a casa nostra se le apriamo al porta e la facciamo entrare. Le vie per introdurla non mancano. Ci limitiamo a due.
L'importanza della sera
La prima è quella di non sprecare la sera. La sera è il momento che, più d'ogni altro, è adatto a seminare tenerezza. La sera è benigna, è tenera, è discreta.
Prima di andare a letto c'è nell'aria voglia di calore, di affetto, di stringersi insieme. La notte incombe e fa paura: si desidera che qualcuno ci tenga per mano. Il calore della sera fa dimenticare le impazienze e le tensioni della giornata.
Don Bosco, che di educazione si intendeva, ha capito che le ore della sera sono importanti. Per questo ha voluto la 'Buona notte'. Cioè quel discorsetto affettuoso che nelle Case salesiane il Direttore rivolge alla sua 'famiglia' per chiudere la giornata. Don Bosco aveva capito che di sera si aggiustano i cuori!
I genitori che rincalzano le coperte ai loro piccoli, non solo mantengono la giusta temperatura della famiglia, ma fanno sì che la terra continui ad essere abitata da uomini che ancora conoscono la tenerezza e i sentimenti, abitata da uomini che non sanno solo accumulare, ma anche ardere. Traguardo saggio come nessun altro. Mettere al mondo figli e non umanizzarli tanto vale (scusate!) fabbricare robot o coltivare funghi!
Il tono della voce
La seconda via alla quale qui vogliamo accennare per introdurre in casa la tenerezza è il tono della voce. Il tono non è il volume e neppure il timbro.
Il volume dipende dalla capacità polmonare, il timbro dal patrimonio cromosomico genetico.
Il tono è il calore e il colore che l'anima mette nelle parole.
Il tono della voce umana ha sfumature amplissime per comunicare mille sentimenti: amore, passione, gioia, dolcezza, delusione, speranza, coraggio...
Per questo lo proponiamo come ottima strategia per innaffiare le radici della tenerezza.
D'altronde lo sanno bene le mamme che, fin dalla nascita, parlano al bambino con tono dolce, affettuoso, tenero, lieve, accogliente, rassicurante, accattivante...
Tutti gli psicologi concordano nel dire che i piccoli sono sensibili al tono delle parole ben più che al loro contenuto.
La loro sensibilità è così elevata da renderli tutti ostili all'urlo.
L'urlo crea tensione e irritazione.
L'urlo è la sponda opposta della tenerezza.
Dunque da bandire da chi vuole un mondo di umani e lasciarlo alle belve della foresta.