I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

I NOSTRI EROI

F.B.

Carlo Crespi. Vero genio, vero santo

Eccezionale figura di missionario e scienziato dalla personalità poliedrica, per quasi 60 anni operò in Ecuador, tenacemente radicato e inculturato nell'ambiente e nella società ecuadoriana. È ufficialmente riconosciuto come “il miglior regalo fatto dall'Italia dei grandi esploratori all'Ecuador”. E la città di Cuenca lo ha dichiarato “il Cuencano più illustre del XX secolo”.

Del suo luogo di nascita, Carlo Crespi amava dire: «Sono nato a Legnano, famosa città Lombarda dove l'imperatore germanico Federico Barbarossa subì una storica sconfitta». Terzo di tredici figli, era nato il 29 maggio 1891. Gli anni della fanciullezza, che passò con i fratelli e le sorelle scorrazzando per i campi amministrati dal padre, inebriandosi di sole, di luce, di contatto con la natura, contribuirono ad influenzare le sue inclinazioni: l'amore e lo studio della natura. Sia lui che il fratello Delfino (entrambi diventeranno missionari salesiani), impararono da questo habitat familiare ad amare i fiori e le piante che tanta parte avranno negli anni passati nelle foreste amazzoniche l'uno, e in quelle tailandesi l'altro. Sempre in famiglia venne preparato il terreno perché attecchisse, poi, il seme della vocazione sacerdotale in Carlo e Delfino. Infatti, dopo cena, la madre Luisa riuniva attorno a sé lo sciame dei suoi figli per la recita del S. Rosario, abitudine che contribuirà a permeare a fondo le pratiche religiose di Carlo e non lo abbandonerà sino all'ultimo giorno di vita; con il rosario in mano chiuderà gli occhi per aprirli sull'eternità.
A dodici anni incontrò i salesiani presso il Collegio sant'Ambrogio di Milano, che fu per lui come una seconda casa. Scrive nel suo diario: “Gli anni passati nel collegio salesiano di Milano sono stati vissuti nella più spontanea innocenza, senza la benché minima ombra del male, senza un cattivo pensiero, senza sapere cosa fosse la malizia. L'ultimo anno fu di ascesi spirituale, di manifestazioni, di sofferenza, di generosi propositi”. Qui ebbe quello che lui stesso definì: un “sogno rivelatore” e che molti anni dopo così racconterà: “Studiavo ancora al Collegio Sant'Ambrogio. Mi ero appena addormentato e mi apparve in sogno la Vergine che mi mostrò una scena: da un lato, il demonio che voleva afferrarmi e trascinarmi; dall'altro, il Divin Redentore, con la croce, m'indicava un'altra via. Ero vestito da sacerdote e avevo la barba; stavo su un vecchio pulpito, attorno a me una moltitudine di persone desiderose di udire le mie parole. Il pulpito non si trovava in una chiesa, ma in una capanna. Subito dopo, mi risvegliai. Alcuni compagni di stanza, che ancora non dormivano, ebbero modo di udire la mia predica e il giorno seguente me la raccontarono”.
A suo padre che lo interrogava sul suo futuro rispose: “Vedi, papà, la vocazione non te la impone nessuno; è Dio che chiama; io mi sento chiamato a diventare salesiano!”.
Con l'aiuto economico del nonno, iniziò il noviziato a Foglizzo dove, lƎ settembre del 1907, emise la sua prima professione religiosa tra i figli di don Bosco.
Gli anni dal 1915 al 1921 misero in evidenza la determinazione e la forte tempra di Carlo Crespi! È straordinario come nel giro di quegli anni inquieti (il mondo stava conoscendo gli orrori della Prima Guerra Mondiale), il giovane salesiano sia riuscito contemporaneamente a completare gli studi teologici; abbia fatto il servizio militare; abbia insegnato al Collegio Manfredini; abbia frequentato l'università con la discussione della tesi in meno di 4 anni; si sia diplomato al Conservatorio e abbia trovato anche il tempo di partecipare a speciali corsi di ingegneria e idraulica. All'università di Padova scoprì l'esistenza di un microorganismo allora sconosciuto, destando per questo l'interesse degli scienziati.

L'amato Ecuador
“Ricordo la mia partenza da Genova il 22 marzo dell'anno 1923. Dopo tante lotte e tanti dolori per trionfare della mia vocazione, mi sembrava ancora impossibile di poter realizzare l'ideale che segretamente nutrivo nel cuore da anni. Quando, tolti i ponti che ancora ci tenevano avvinti alla terra natia, il bastimento incominciò a muoversi, l'anima mia fu pervasa da una gioia così travolgente, così sovrumana, così ineffabile, che tale non l'avevo mai provata in nessun istante della mia vita, neppure nel giorno della mia prima Comunione, neppure nel giorno della mia prima Messa. In quell'istante cominciai a comprendere che cosa era il missionario e che cosa a lui riservava Iddio. Molti intorno a me piangevano dirottamente. I fazzoletti sventolavano, salutando. Su centinaia di volti si leggeva il profondo dolore della separazione. Nessuno, credo, aveva in quell'istante, come me, il cuore così traboccante di gioia. Eppure io aveva lasciata una madre e dei fratelli carissimi; lasciavo la culla della Congregazione, lasciavo dei superiori tanto cari, sapevo di non andare ad una festa, ma nell'ignoto, in una regione ove tanto avrei sofferto; eppure ricordo che, non potendo più resistere alla gioia, e trattenere un inno di riconoscenza al Signore, sgorgante da tutte le fibre del mio essere, scesi nella deserta sala dei concerti, mi sedetti al piano, ed intonai un grandioso pezzo lirico che tutta interpretasse la infinita gioia del mio cuore”.
La “scoperta” del mondo ecuadoriano, in un primo tempo incanta l'ospite e capta l'interesse dello studioso. “Rapito nella sublime contemplazione della natura - egli dice - mi sono sentito schiacciato dall'onnipotenza creatrice, umiliato alla vista di un mondo nuovo, quasi completamente inesplorato dalla scienza”.
Con lo stupore di un fanciullo. Crespi si abbandona a descrivere l'ambiente e il clima tropicale, la flora, la fauna nei loro aspetti d'insieme e più spettacolari; poi non si trattiene da un'analisi più particolareggiata e propria della sua natura di studioso.
Sbarcò a Guayaquil e si diresse a Quito; subito dopo si trasferì a Cuenca dove rimase per tutta la vita. Iniziò il suo enorme lavoro per i poveri: fece installare a Macas la luce elettrica, aprì una scuola agricola a Yanuncay, facendo arrivare dall'Italia macchinari e personale specializzato. Riuscì ad aprire numerosi altri laboratori, creando la prima scuola arti e mestieri, riconosciuta in seguito come Università Politecnica Salesiana. A Yanuncay diede alloggio ai novizi e nel 1940 aprì anche la facoltà di Scienze dell'Educazione, divenendone il primo rettore. Istituì anche la scuola elementare “Cornelio Merchàn” per bambini poverissimi. Aprì un collegio di Studi Orientali per dare la formazione necessaria ai Salesiani destinati all'Oriente ecuadoriano. Fondò il museo “Carlo Crespi”, ricchissimo di reperti scientifici e conosciuto anche al di fuori dell'America.
Don Crespi si moltiplica: è un uomo che non riposa mai! Mentre durante il giorno dirige e finanzia le sue opere, di notte continua l'opera lasciata incompiuta. Giorno e notte la gente senza risorse accorre a lui in code interminabili: ed egli mette la mano nella larga tasca della veste nera e il denaro esce come per incanto. Generazioni di persone si susseguono nel tempo beneficiando del cuore generoso e tenero di questo sacerdote, seminatore di scuole, campi sportivi, refettori per bambini poveri.
Divulgò con tutte le sue forze la devozione a Maria Ausiliatrice, trascorrendo parte del tempo nell'omonimo santuario. Il suo confessionale, specie negli ultimi anni di vita, era affollato e la gente cominciava a chiamarlo spontaneamente “San Carlo Crespi”. Era sempre in mezzo ai poveri: la domenica pomeriggio faceva catechismo ai ragazzi di strada dando loro, oltre al divertimento, il pane quotidiano. Organizzò laboratori di taglio e cucito per le ragazze povere della città. Ricevette numerose onorificenze, tra cui: la medaglia d'oro al merito dal presidente della Repubblica dell'Ecuador; il Canonicato onorario della cattedrale di Cuenca; la Medaglia d'oro al merito educativo dal Ministro dell'Educazione; la Commenda della Repubblica Italiana; la dichiarazione di “Abitante più illustre di Cuenca nel XX secolo” il dottorato Honoris Causa post mortem da parte dell'Università Politecnica Salesiana.

Un abito talare vecchio e stinto
Don Carlo fu certamente musicista, scienziato, ingegnere..., ma egli fu prima di tutto e innanzitutto un missionario che con le sue ricerche, i suoi studi, i suoi interventi ambientali e sociali, era interessato alla salvezza dell'uomo integrale e, solo come corollario a questo obiettivo primario, si serviva dei suoi talenti scientifici e musicali.
Dietro il suo estenuante lavoro, si cela la volontà di don Carlo di imitare Cristo, nella scelta preferenziale per i poveri, nell'avvicinamento ai bambini, nella preoccupazione per i peccatori, nel totale disinteresse per sé e nella virtù dell'umiltà riflessa nella semplicità dei suoi gesti. I suoi aneliti accademici e culturali andavano affievolendosi, mentre vedeva ogni giorno che coloro che più gli si stringevano attorno erano le persone più bisognose del suo aiuto. Egli si dedicò inizialmente ad acquistare consapevolmente copie senza valore di reperti archeologici, pagandoli di tasca propria, vivendo in umiltà, conservando per sé solo una vecchia tonaca e un paio di scarpe consunte, e alimentandosi in maniera frugale. I poveri del quartiere di Maria Ausiliatrice e di tutta la città erano il suo pensiero costante giorno e notte; per tutti loro visse e morì. Con il passare degli anni, ciò che gli stava maggiormente a cuore era l'amministrazione dei sacramenti. A ciò si aggiungeva la totale dedizione nei confronti dei bambini, che non abbandonò mai, nonostante la rigida disciplina comunitaria e i pareri difformi di alcuni confratelli.
Dice uno dei suoi ammiratori: “In età avanzata, non si preoccupava di se stesso, da tempo i suoi abiti avevano smesso di essere neri per trasformarsi in un colore verdastro per il degrado e l'usura”. Le sue scarpe erano consumate, grossolane e rozze. L'abito talare vecchio e stinto. La camera, disadorna, era arredata solamente da un piccolo letto di legno. Per la stanchezza si coricava spesso vestito. In tarda età aveva una barba lunga e incolta. Era talmente pressato dalla mancanza di tempo per far fronte alle numerose richieste pastorali nel Santuario di Maria Ausiliatrice, che quasi non andava più nel refettorio della comunità. Vi sono dei testimoni che affermano che don Carlo, in diverse occasioni preferì vendere i tagli di tessuto e le tonache ricevuti in regalo, e con i pochi soldi racimolati acquistava abiti o generi alimentari per i bambini poveri.
Le autorità, gli educatori, i giornalisti di Cuenca mettevano sempre in luce questi aspetti della personalità di Carlo Crespi. Le onorificenze e i riconoscimenti, dapprima gli furono concessi per la sua opera artistica e intellettuale, successivamente per la sua totale dedizione ai poveri. E ciò, sebbene inizialmente fosse convinto che fosse più importante per la città lo sviluppo culturale in tutte le sue sfaccettature e soprattutto il progresso economico, attraverso l'integrazione della regione orientale nel contesto nazionale.
Oggi, nell'antica piazza Guayaquil, di fronte alla chiesa e al convento, sorge un grande gruppo scultoreo raffigurante Carlo Crespi al centro e un bambino al suo fianco che lo guarda affettuosamente.