I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LE COSE DI DON BOSCO

JOSÉ J. GÓMEZ PALACIOS

La Sacra di San Michele

Sono la porta. Dall'alto domino la pianura che si distende a Torino. Sono fatta di rocce e sono solida come la roccia. Mi chiamano “La Sacra”.
Sono un'antica abbazia benedettina, costruita per volere dell'Arcangelo Michele, dice la leggenda.
Ho un aspetto severo e intimorente, ma so apprezzare la gioia e la schiettezza. Per questo mi ricordo quel giorno di cento e settant'anni fa.
Era autunno. Faggi e betulle erano vestiti di ocra. All'inizio ho sentito solo un vociare indistinto che veniva dalla valle: chiacchiere, canti e musica. Erano voci giovani. Risate mischiate a una musica felice, spensierata, profana e terrena. E temevo il peggio.
Mi vedevo invasa da turbe di disturbatori.
Mi sbagliavo. Era un magnifico corteo di giovani. Mai più ho visto giovani allegri e felici come quelli.
Il loro capitano era un prete dal volto paziente e sorridente, che cavalcava un piccolo asinello testardo, e i giovani gli facevano corona, ora scherzando con il somarello, ora ripetendo a squarciagola una canzone, che diceva così:
Viva don Bosco, / Che ci conduce /Sempre alla luce / Della virtù, / Che in lui men lucida / Giammai non fu.
A quell'insolito rumore gli uccelli atterriti svolazzavano da un albero all'altro; i contadini uscivano dalle case per ascoltare; e l'asinello rizzava le orecchie, e col suo scomposto raglio si provava d'accordarsi colla banda; erano scene di un piacere indicibile.
Arrivati qui, accaldati ed estenuati, furono accolti amorevolmente dai cortesi religiosi Rosminiani, che si prendono cura di me. Il capitano di quell'orda di ragazzi era da loro ben conosciuto. Si chiamava don Bosco e a lui erano grati perché quando erano in viaggio, non avendo essi casa in Torino, venivano ospitati in Valdocco. I giovani visitarono la chiesa, le memorie del mio magnifico passato, mentre don Bosco raccontava la mia storia. Era un narratore formidabile.
Riuscì a conquistare la loro attenzione, anche se erano sempre più distratti dai profumi che venivano dal refettorio. Quando venne l'ora si fecero davvero onore.
Come ringraziamento, cantarono e suonarono per i miei buoni frati.
Quando venne l'ora della partenza erano dispiaciuti tutti. E anch'io provai un po' di nostalgia. Quel prete e quei ragazzi aveva riscaldato per un po' il mio vecchio cuore di pietra.
Ricordo ancora le parole di don Bosco nel momento dell'addio: «Che dolce piacere non sarà mai, che gioia non sarà mai quando potremo fare tutti insieme le nostre belle passeggiate sugli eterni ed amenissimi colli del Paradiso!».

LA STORIA
Ottobre 1850. Dopo alcuni intensi Esercizi Spirituali vissuti da un centinaio di giovani dell'Oratorio, don Bosco organizzò per loro un'escursione alla Sacra di San Michele. Si arrampicano sul sentiero della montagna con la banda musicale in testa. La Sacra è un monastero benedettino, costruito intorno al X secolo in memoria di san Michele, ed è diventato un emblema del Piemonte. Umberto Eco, ex studente salesiano, si è ispirato ad essa per scrivere il suo romanzo “Il nome della rosa”. (MB IV, 95-102)