I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LA BUONANOTTE

B.F.

Un padre

Quel giorno era morto mio padre. Era una fredda giornata di gennaio, grigia e di bufera. Nella stanzetta d'ospedale, lo tenevo fra le braccia, quando all'improvviso i suoi occhi si spalancarono, assumendo uno sguardo di sgomento che non avevo mai visto in lui. Ero certo che l'angelo della morte fosse entrato nella camera.
Poi mio padre cadde indietro e io appoggiai con delicatezza la sua testa sul cuscino; gli chiusi gli occhi e dissi a mia madre che era seduta vicino al letto, intenta a pregare: «È finito tutto, mamma. Papa è morto».
Mia madre mi fece trasalire: non saprò mai perché le prime parole che mi rivolse dopo la morte di mio padre furono: «Era così fiero di te. Ti amava moltissimo».
In qualche modo, la reazione che provai a quelle parole mi fece capire che esse contenevano qualcosa di molto importante sul mio conto: erano come un improvviso raggio di luce, come un pensiero sorprendente sul quale prima di allora non mi ero mai soffermato; ma al tempo stesso, provavo un dolore preciso, come se fossi cosciente che avrei conosciuto meglio mio padre nella morte che in vita.
Più tardi, mentre un medico ne constatava il decesso, mi appoggiai contro la parete nell'angolo più lontano della stanza, piangendo silenziosamente.
Mi si avvicinò un'infermiera che mi mise un braccio sulle spalle per confortarmi; non riuscivo a parlare, bloccato dal pianto, ma desideravo dirle: «Non sto piangendo per la morte di mio padre. Sto piangendo perché mio padre non mi ha mai detto che era orgoglioso di me; non mi ha mai detto che mi amava. Naturalmente si dava per scontato che io sapessi queste cose, così come si dava per scontato che fossi cosciente dell'importante ruolo che avevo avuto nella sua vita e del grande posto che avevo occupato nel suo cuore, ma lui non me lo aveva mai detto».

Uno strano maleficio qualche volta ci blocca e ci impedisce di pronunciare le parole che farebbero la felicità nostra e di quelli che ci stanno accanto.
Sono parole semplici, come «Ti amo», «Sei veramente in gamba», «Sono così felice di starti accanto», «Grazie perché ci sei». Anche nel Vangelo per far parlare i muti ci vuole un miracolo.