I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL LORO RICORDO È BENEDIZIONE

Padre Juan Bottasso

missionario e docente universitario, morto a Quito (Ecuador), il 24 dicembre 2019 a 83 anni.

Come volesse che fossimo gioiosi al momento della sua partenza, padre Juan Bottasso, fondatore di Abya Yala, ha pensato di morire la vigilia di Natale. Era così, ed è così che dovremmo ricordarlo: con quella gioia, quel sorriso, quel particolare senso dell'umorismo, quell'intelligenza che erano il suo distintivo.
Padre Bottasso è stato un grande missionario salesiano, uno dei pionieri nella difesa delle popolazioni indigene dell'Ecuador. L'Ispettoria salesiana “Sacro Cuore di Gesù” ha annunciato la sua morte intorno alla mezzanotte del 24 dicembre, attraverso i suoi social network, affermando “che la sua Pasqua di Risurrezione possa essere annuncio di fecondità di nuovi grandi missionari per la Chiesa e la Famiglia Salesiana”.
Nato a Peveragno (Piemonte), il 27 settembre 1936, ha studiato dal 1947 nell'Istituto Salesiano di Valdocco, Casa madre dei Salesiani a Torino. Nel 1952 entrò nel Noviziato di Monte Oliveto, a Pinerolo. Chiese di partire missionario e si imbarcò per l'Ecuador, quando aveva meno di 25 anni. Studiò teologia a Bogotá, ma il suo cuore era sempre con le missioni salesiane a Sucúa, dove venne inviato dopo l'ordinazione sacerdotale, nel 1963.
Trascorse sei decenni vivendo, conoscendo e difendendo gli indigeni Shuar, costruendo ponti tra la Chiesa e gli indigeni, e aprendo strade verso una nuova comprensione del significato della missione evangelizzatrice tra i popoli indigeni, anticipando una “Chiesa in uscita” con un “volto e un cuore indigeni”.
«Juan Bottasso è stato il mio grande ispiratore nel processo di rinnovamento missionario e nello studio delle culture», sostiene padre Caldeira, nuovo responsabile della comunicazione del Pan-Amazonian Church Network (REPAM), che ha approfondito l'eredità culturale e apostolica di Padre Bottasso nello sviluppo del suo master in comunicazione, «Il suo lavoro con gli Shuar, ma soprattutto nella fondazione dell'Università Politecnica Salesiana (UPS) di Quito e nell'editrice Abya Yala, mi ha aiutato molto a capire il nuovo modello missionario».
Come teologo e antropologo, padre Bottasso è stato un pioniere nella formazione del movimento indigeno in Amazzonia nel 1964, sostenendo “una presenza missionaria rispettosa delle culture e solidale con le rivendicazioni territoriali degli indigeni, la lingua e l'educazione interculturale”, come affermano coloro che conoscevano la sua abilità e preparazione intellettuale, nella direzione della casa editrice Mundo Shuar, da lui creata nel 1975, che in seguito avrebbe dato vita a quello che oggi sono l'Abya Yala Cultural Center, la casa editrice Abya Yala e il Museo Abya Yala.
Indubbiamente, il suo dinamismo illuminato nel mondo editoriale e accademico, ha aperto strade in difesa delle culture originarie del Paese.
“Il suo insegnamento, la sua dedizione e il suo lavoro per i poveri, insieme all'immenso dono della persona che è stato rimangono con noi per sempre”, ha dichiarato con enorme cordoglio l'UPS, di cui Padre Bottasso è stato vicerettore a Quito dal 1995 al 1999.
“Quando si perde una cultura si perde un'eredità”, diceva sempre. Ed è per questo che ha voluto raccogliere ad Abya Yala ciò che poteva sulle culture. È stata una svolta: prima che qualsiasi casa editrice ecuadoriana fosse su Internet, Abya Yala lo era già, negli anni Novanta, quando questo era ancora un mistero. Ha insistito che Abya Yala non fosse solo una casa editrice, ma anche un luogo di incontro: un museo, un centro di ricerca, un luogo di consultazione, una scuola di antropologia applicata. ll suo progetto era grande quanto i suoi sogni. Diceva che per perseguire alcuni sogni, soprattutto quelli che hanno a che fare con la gestione culturale, era meglio chiedere il perdono che chiedere il permesso. Era determinato a digitalizzare i documenti e a salvarli ordinatamente da quello che poteva essere l'oblio. Si è sforzato di recuperare gli archivi missionari, tra cui i 100 quaderni che fanno parte del diario di Yankuam, Luis Bolla, che tanto ammirava. L'opera era enorme: 14 volumi che, se non fosse stato per padre Juan, sarebbero andati perduti. Ha raccolto in un catalogo tutto ciò che i salesiani avevano scritto sui popoli indigeni. E, come un'instancabile formica, ha lavorato giorno dopo giorno, recuperando documenti, video, registrazioni, per l'archivio salesiano e per Abya Yala.
Per padre Juan c'è solo gratitudine e ora la speranza che sia una fiamma accesa per la ricerca, per l'approfondimento dei temi sull'interculturalità, sulla Chiesa, sulle popolazioni indigene, sulla cultura e sul patrimonio. Padre Juan è stato un grande dono alla nostra vita.