I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

I NOSTRI SANTI

A CURA DI PIERLUIGI CAMERONI, postulatore generale - postulazione@sdb.org

Coloro che ricevessero grazie o favori per intercessione dei nostri beati, venerabili e servi di Dio, sono pregati di segnalarlo a postulazione@sdb.org

IL SANTO DEL MESE

In questo mese di marzo preghiamo per la Causa di Beatificazione della Serva di Dio Matilde Salem.

Matilde Chelhot in Salem nacque ad Aleppo il 15 novembre 1904. La condizione agiata della famiglia non impedì a Matilde una spiccata vita interiore. Il 15 agosto 1922 sposò Georges Elias Salem. La gioia di questa unione fu però ben presto appannata dall'impossibilità di diventare madre e dalla fragile salute dello sposo. Infatti il 26 ottobre 1944 rimase vedova. Fu allora che lei scoprì la vocazione di dedicarsi totalmente al prossimo con un amore più vasto. La sua famiglia furono i giovani poveri della sua città. La “Fondazione Georges Salem”, affidata ai figli di don Bosco chiamati nel 1947, sarà d'ora innanzi la sua casa e la sua famiglia. Lì deporrà le spoglie dello sposo e lì pure sarà sepolta lei stessa. Si arricchì di varie esperienze spirituali: benefattrice salesiana, figlia di S. Francesco d'Assisi, cofondatrice dell'Opera dell'Amore Infinito. Quanto poi a carità, non ci fu istituzione benefica che non la vedesse impegnata come sostenitrice: Società catechistica, conferenze di S. Vincenzo, colonie estive per ragazzi poveri e abbandonati, Vicepresidenza della Croce Rossa, beneficenza islamica, opera in favore dei giovani poveri... Il lunedì di Pentecoste del 1959 si scoprì colpita da un cancro. In risposta alla diagnosi dei medici, un solo commento: “Grazie, mio Dio”. Fu una via crucis di 20 mesi. Per testamento distribuì tutti i suoi beni a favore delle varie opere di beneficenza, tanto da poter dire: “Muoio in una casa che non mi appartiene più”. Morì in fama di santità il 27 febbraio del 1961 a 56 anni di età. L'Inchiesta diocesana di beatificazione fu aperta ad Aleppo il 13 novembre 1995.

PREGHIERA

Dio, Padre di misericordia,
che hai voluto donarci in Matilde Salem,
un mirabile esempio di carità verso il prossimo,
specialmente verso i giovani e verso i poveri,
e di amore verso la Chiesa.
Con fervida preghiera e solerti iniziative di bene
la tua Serva lavorò per l'avvento dell'unità tra i cristiani,
la santificazione del clero
e la prosperità della fondazione Georges Salem.
Ti supplichiamo di voler glorificare la tua Serva,
affinché il suo esempio sia per i tuoi fedeli
stimolo a ben operare,
a testimonianza del tuo divino progetto di salvezza
e del tuo amore.
Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

RINGRAZIANO
Vorrei presentare la vicenda che ha visto coinvolto mio figlio, un ragazzo di 19 anni, patentato da pochi mesi. La sera del 29 ottobre 2018 mio figlio stava tornando a casa con la sua macchina contento della sua tanto sospirata autonomia quando, all'improvviso, oramai arrivato nei pressi di casa, senza nemmeno rendersi conto, viene colpito fortemente da un'altra macchina di piccola cilindrata. Lui con la piccola macchina finisce contro una macchina sul lato opposto di una strada principale della città. Mi arriva la sua chiamata avvisandomi, in maniera tranquilla e quasi scocciata, che aveva fatto un incidente e di raggiungerlo. Io, avendolo sentito tranquillo, ho pensato che fosse stato lui a provocare qualche piccolo incidente poiché patentato da poco. Appena arrivati sul luogo dell'incidente, sono stata raggiunta da mio figlio che mi dice di stare bene e lo abbraccio ma, nel vedere la sua macchina ridotta ad un rottame, mi sono sentita male. Mi viene incontro un ragazzo che si scusa e mi dice di non aver visto lo Stop e di aver preso la macchina di mio figlio; con lui erano in macchina altri quattro ragazzi. Osservo da vicino entrambe le macchine e noto che avevano gli airbag completamente aperti, erano entrambe rotte dalla parte anteriore e quella di mio figlio aveva anche la ruota posteriore destra completamente entrata nell'abitacolo della macchina, in poche parole le macchine erano da buttare... e i ragazzi illesi miracolosamente tutti, mio figlio che ha subito l'incidente e i quattro ragazzi che erano nell'altra macchina. Riflettevo intanto che la mano di Dio si era posata su tutti questi ragazzi che si erano miracolosamente salvati da un impatto che avrebbe potuto fare delle vittime in particolare mio figlio che ha subito l'impatto violento. Prima di andare a letto chiedo a mio figlio di vedere il Santo del giorno e mi dice: “Oggi si ricorda Michele Rua”. Inizialmente il nome non mi dice molto. Guardiamo su internet e scopriamo con grande stupore che è il Beato, primo successore di san Giovanni Bosco. Siamo rimasti increduli: mio figlio ha frequentato gli istituti salesiani e io l'università salesiana “Auxilium” di Roma. Abbiamo sentito forte l'intercessione di questo uomo che ha amato tanto i giovani come san Giovanni Bosco e ha contribuito tanto al bene e al futuro dei giovani ieri come oggi. Ringraziamo il Signore e il Beato Michele Rua che ha interceduto per la vita di mio figlio e degli altri ragazzi!
Manuela Malerba, Ladispoli (Roma)