I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LA STORIA SCONOSCIUTA DI DON BOSCO

FRANCESCO MOTTO

L'imperatore cooperatore salesiano?

Che fra i grandi benefattori di don Bosco ci fossero l'imperatore Francesco Giuseppe e la sua famiglia è una sorprendente novità.

La storia sconosciuta di don Bosco non finisce mai di stupire. Si sa ad esempio che don Bosco fra i suoi generosi benefattori contava conti, marchesi, principi, re di Savoia e d'Italia con le rispettive consorti spesso più caritatevoli dei singoli mariti. Ma che fra questi grandi benefattori ci fossero l'imperatore Francesco Giuseppe, sua madre Marianna, e suo figlio, il duca Rodolfo di Asburgo, è una novità assoluta, che possiamo documentare grazie al recente ritrovamento di interessanti documenti.

L'immagine di don Bosco, vivo o defunto
Nel corso di un Convegno internazionale organizzato nel 2014 dall'ACSSA (Associazione Cultori di Storia Salesiana) è emerso il fatto che la figura di don Bosco nell'immaginario pubblico internazionale del suo tempo e anche successivamente (nelle pubblicazioni, sui giornali, nelle corrispondenze private), aveva mille sfaccettature: praticamente la sua figura era poliedrica, o forse meglio, un mosaico dalle mille tessere.
Forse proprio facendo leva su questa immagine pubblica positiva, don Bosco ad un certo punto della sua vita ha puntato ai massimi livelli nella ricerca dei suoi benefattori.
Ed eccolo allora il 3 febbraio 1886 prendere in mano la penna e scrivere una lettera alla casa imperiale di Vienna. Non aveva nessuna casa né in Austria, né in Ungheria, né in Trentino - all'epoca appartenente all'impero austro-ungarico - ma colà si leggeva il Bollettino Salesiano.
Tant'è che da tempo aveva chiesto al ministro competente di poterne inviare copie con spedizioni agevolate in quel territorio dove si parlava italiano.

All'Imperatore d'Austria, Ungheria e Boemia Francesco Giuseppe
Don Bosco esordisce dicendo al suo corrispondente che come imperatore cattolico non può non conoscere “come in Roma nel nuovo quartiere del Castro Pretorio si stia fabbricando una Chiesa in onore del Sacro Cuore di Gesù ed un Ospizio annesso, capace di dare ricetto a 500 giovanetti abbandonati e di qualunque sia nazione (corsivo del redattore) che capitassero a Roma”.
Precisa subito che il progetto, con un preventivo di 3 milioni di lire (vari milioni di Euro attuali), era di iniziativa papale e che era stato affidato per la sua realizzazione a lui e ai Cooperatori salesiani. Ma purtroppo per mancanza di fondi correva il rischio di sospendere i lavori. Motivo per cui aveva lanciato una lotteria di piccoli doni.
Pertanto, confidando quanto Sua Maestà Imperiale fosse “animata nel promuovere le opere buone, specialmente quando tornano a vantaggio della gioventù” si prendeva la libertà di mandargli 600 biglietti di tale lotteria.

Un segno di riconoscimento
Come aveva già fatto con “l'Augusta Imperatrice defunta Marianna d'Austria”, don Bosco si permetteva di iscrivere sua Maestà “al novero dei Cooperatori Salesiani e mandargliene il Diploma colla raccolta del Bollettino Salesiano nella fiducia che Sua Maestà avrebbe perdonato il suo ardire e gradito l'iscrizione alla Pia Associazione”. Concludeva invocando “le più elette benedizioni del Cielo sopra la Maestà Vostra, sull'Imperiale sua famiglia e sopra il vasto suo Impero”.
Avrà gradito l'imperatore cattolico tale iscrizione? Che ne avrà fatto del diploma di Cooperatore salesiano? Avrà trovato tempo per dare uno sguardo a qualche pagina del Bollettino salesiano? Non lo sappiamo, ma di certo a don Bosco non è mancato il coraggio, lui, già povero contadinello e prete di oratorio di periferia, di rivolgersi nientemeno che ad un imperatore straniero, di supplicarlo onde lo aiutasse nella sua opera in favore dei giovani poveri ed abbandonati di una città straniera, come Roma, dove fra l'altro il papa si dichiarava “prigioniero” del governo italiano.

Ed il figlio?
Don Bosco non si accontentò di scrivere all'imperatore, si rivolse anche al figlio, sua altezza reale Rodolfo d'Asburgo-Lorena, arciduca d'Austria e Principe della Corona d'Austria, Ungheria e Boemia. Con lui don Bosco però dimezzava il numero dei biglietti della lotteria inviati, solo 300, ma anche a lui inviava il “diploma di Cooperatore Salesiano colla raccolta legata del mensile Bollettino”. Ovviamente non gli nascondeva di aver fatto lo stesso con l'“Augusto suo Genitore”. Poteva rifiutarsi, presumendo che papà avesse trattenuto e pagato i biglietti della lotteria?
Anche in questo caso non sappiamo se la supplica sia andata a buon fine. Amiamo crederlo, visto anche che don Bosco, come suo solito, allargava il panorama delle sue preghiere ed invocava “sopra la degnissima Augusta sua Consorte la Principessa Stefania e sopra tutta la Principesca sua famiglia, le celesti benedizioni”.

Globalizzazione della carità
Non sarebbe stata l'ultima volta che don Bosco si sarebbe rivolto alle teste coronate. Pochi mesi dopo avrebbe inviato una circolare in varie lingue in città Europee, all'imperatore del Brasile, alla Regina del Madagascar ecc. per chiedere soccorsi spirituali e materiali per una grande spedizione missionaria in America Latina.
Evidentemente a don Bosco, ormai settantenne e quasi ombra di se stesso, non bastavano "180 case, e 200 mila ragazzi di tutte le nazionalità cui dare una buona educazione” e “orientarli o verso gli studi scientifici o verso un mestiere, secondo le loro particolari attitudini”. La sua carità non conosceva confini né geografici né esistenziali.