I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

COME DON BOSCO

PINO PELLEGRINO

La sofferenza

Potrà non piacere, ma questa è la corsia preferenziale che ci fa davvero umani. La sofferenza umanizza come nessun'altra esperienza. Certo, soffrire è scomodo. Ma perché ostinarci a credere che sia inutile? «Dalla ferita esce sangue, però entra saggezza!» recita un proverbio delle Isole Capo Verde. Quanta verità in così poche parole!
Il dolore ci impedisce d'essere distratti: la sofferenza concentra, fa entrare in se stessi, crea silenzio. Chi soffre è sempre solo!
Il dolore fa uscire dal nostro 'io': chi soffre si appoggia agli altri: parenti, amici, medici, infermieri per un aiuto.
Il dolore ci fa guardare in alto o per benedire o per maledire: è impossibile restare neutrali davanti alla sofferenza!
Ricapitolando: la sofferenza ci fa guardare dentro il nostro io; ci fa guardare fuori del nostro io; ci fa guardare sopra il nostro io.
Tre mosse che danno spessore all'uomo.
Ha tutte le ragioni lo psichiatra Giacomo Dacquino: «La sofferenza è una grande educatrice: l'uomo certe cose deve guadagnarsele con la sofferenza perché non gli sono elargite in altro modo. Una certa dose di dolore quindi è necessaria: è per questa ragione che il dolore abita il mondo». Più sintetico era lo scrittore-patriota Niccolò Tommaseo: «L'uomo che non conosce il dolore, rimane sempre bambino». È una verità che verifichiamo quotidianamente.
Non è forse vero che tutti avvertiamo se la persona con la quale parliamo o con la quale abbiamo a che fare ha già incontrato la sofferenza o no?
Chi ha sofferto è più mite, più comprensivo, più capace di empatia, più attento, più compassionevole. In una parola sola, più umano. Al contrario, chi non ha sofferto è più duro, più freddo, più insensibile, più indifferente, meno umano.

Il ritorno del sacrificio
Sia chiaro che non vogliamo esaltare la sofferenza. Saremmo sadici, disumani (esattamente il contrario di ciò che invitiamo ad essere nella nostra rivista). Gesù stesso non ha cercato la sofferenza, non l'ha esaltata. Non ha mai detto: «Soffrite come ho sofferto io», ma ha detto: «Amatevi come io vi ho amati! (Gv 13,34).
Dunque no all'esaltazione della sofferenza (nessuno 'dolorismo'!) ma una netta presa di posizione a favore della educazione alla sofferenza, fin dall'infanzia, perché il dolore favorisca la crescita umana. Sì, educazione alla sofferenza.
Oggi la capacità di sopportazione del dolore diminuisce sempre più. Un tempo tagliarsi con un coltello o sbucciarsi le ginocchia cadendo per strada faceva meno male: oggi lo fa molto di più!
È mancata quell'educazione che è la via maestra che fa sì che il bambino che nasce uomo diventi umano.
Le strategie dell'educazione alla sofferenza non mancano: le abbiamo abbondantemente presentate in altri lavori. Qui ci limitiamo ad una sola: il ritorno al sacrificio. Anche se oggi è parola proibita, il 'sacrificio' resta una legge psicologica che non ammette eccezioni. Il sacrificio, in quanto esperienza di sofferenza, porta la volontà in palestra e abilita a superare le immancabili battaglie dell'esistenza.
Come non si può fare un referendum per l'abolizione delle regole di grammatica, così non può essere oggetto di referendum l'abolizione dall'educazione della rinuncia, della privazione.
Ecco, allora, una manciata di sacrifici aggiornati:
Bere l'acqua del sindaco e non quella delle bollicine.
Fare i compiti senza la televisione accesa.
Lasciare l'ascensore ed usare le scale.
Non fare telefonate chilometriche.
No alla televisione personale in camera.
No alla pretesa d'essere 'firmato' dal cappellino alle scarpe.
Restano, comunque, validi i sacrifici di sempre:
Balzare dal letto al primo squillo della sveglia.
Aspettare che tutti siano serviti.
Mangiare le carote che non piacciono.
Rifarsi il letto.
Salutare tutti, anche quelli che nessuno saluta.
Aiutare il compagno di classe preso in giro da tutti.
Accontentarsi degli abiti del fratello maggiore.

Qualcuno potrà, forse, anche sorridere. In realtà sono proprio questi piccoli gesti che fanno crescere un Uomo, non un soprammobile. Solo sul vocabolario 'successo' arriva prima di 'sudore'! Solo sul vocabolario, in nessun altro caso, tanto meno quando si tratta di vittorie alte e preziose. Prendiamo, ad esempio, il caso della perla. Ecco come avviene il miracolo di una pietra così preziosa. Un granellino di sabbia penetra nella conchiglia attraverso le valve socchiuse. I tessuti del mollusco reagiscono dolorosamente al corpo estraneo e lasciano cadere sul granello di sabbia, che non possono eliminare, tante piccole gocce come lacrime che sono i sali preziosi che formano la perla. Dalla sofferenza di una conchiglia nasce una perla. Dalla sofferenza di un uomo nasce l'UOMO!