I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

FAMIGLIA SALESIANA

P.B.

Abitare il mondo

L'ottava Assemblea Generale dell'Istituto Secolare delle Volontarie di Don Bosco ha eletto un medico slovacco come nuova responsabile maggiore. «La nostra vocazione secolare consacrata è un grande dono di Dio per il mondo di oggi».

Nello scorso mese di luglio si è svolta a Roma l'ottava Assemblea Generale dell'Istituto Secolare delle Volontarie di Don Bosco. Un centinaio di rappresentanti provenienti da tutto il mondo hanno riflettuto sul tema della missione delle VDB e hanno anche eletto la nuova responsabile maggiore che guiderà, con il suo Consiglio, l'Istituto nei prossimi sei anni. Noi abbiamo voluto conoscerla da vicino.
Potresti presentarti brevemente e raccontarci qualcosa di te?
Mi chiamo Dagmar K. e sono slovacca. Prima di tutto: sono felice per tutte le chiamate/vocazioni e per i doni che ho ricevuto: la vita, la fede, la famiglia, la consacrazione, l'impegno in campo medico, l'esperienza missionaria... Quando penso a tutti i doni ricevuti da Dio sento profondamente la mia indegnità: Lui mi ha dato se stesso e io, per quante volte durante il giorno possa dire 'grazie', sento sempre che non è sufficiente. Sono grata per tutte le belle amicizie profonde che ho ricevuto da Lui, per i santi che ho potuto incontrare, per le gioie e problemi che ho potuto sperimentare e che mi hanno formato; ho scoperto l'importanza di essere umili, come Maria, e di lasciarsi educare dalle vicende quotidiane: quello dell'umiltà è un dono per cui prego ogni giorno.
Come hai conosciuto la spiritualità salesiana?
A undici anni ho incontrato per la prima volta i salesiani e ho iniziato a conoscere la spiritualità di don Bosco. Mi è subito piaciuto lo stile di famiglia che si viveva in quegli ambienti, l'attenzione nel cogliere la realtà di ciascuno, la delicatezza nell'offrire il proprio aiuto nelle situazioni di povertà, una povertà che era spesso più umana e relazionale che materiale. In particolare il parroco, don Giuseppe, è stato una vera 'scuola di educazione' all'attenzione, alla vicinanza, all'umiltà. Tutto questo nasceva dal loro stile di preghiera: intensa, profonda, legata alla vita.
Perché hai scelto le VDB?
Un salesiano mi ha parlato dell'Istituto. Mi ha detto che avrei potuto consacrarmi e restare nel mondo, svolgendo la mia professione. Mi ha detto pure che le Volontarie di Don Bosco nel loro ambiente mantenevano un riserbo sulla loro appartenenza ad un Istituto di vita consacrata; nessuno sapeva della loro scelta vocazionale: tutti vedevano in loro delle persone comuni, ma nello stesso tempo straordinarie per i valori che testimoniavano nel loro quotidiano. Tutto questo mi ha affascinato e, dopo diversi anni di preghiera fedele e di accompagnamento spirituale, ho deciso di iniziare il cammino: quello che mi ha affascinato è la possibilità di stare nel mondo, di vedere da vicino i sogni e la bellezza dei giovani, aiutarli a crescere in accordo con il progetto di Dio.
Come vivi la vocazione dentro la tua professione?
Ho detto prima che sono un medico e ogni giorno incontro tanti pazienti. A loro cerco di offrire un servizio competente, impastato di amore e attenzione. Il nostro fondatore, don Filippo Rinaldi, ci suggeriva di testimoniare più che con le parole, con le nostre azioni, la nostra vita, il nostro modo di entrare in relazione. La nostra presenza tra la gente si realizza “senza far rumore”, nella normalità di una fedeltà gioiosa vissuta giorno per giorno lì dove ci troviamo, ma che pian piano può cambiare la nostra “piccola fetta di mondo”. Non vogliamo semplicemente “stare” nel mondo, ma “abitarlo”, farcene carico, sentire che siamo inviate per questa missione e provare a dare risposte alle numerose sfide che ogni giorno la società ci pone. Naturalmente, tutto questo, coscienti della nostra umanità e delle nostre fragilità. Per questo, quotidianamente, prima di iniziare la mia giornata e il mio lavoro, dedico uno spazio di tempo alla preghiera e incontro Gesù nell'Eucaristia; solo così dopo posso scoprirlo nel volto dei miei pazienti e offrire Lui a tutti coloro che incontro. Desidero che sia Lui ad operare, a curare, a consolare, e con gratitudine sperimento che tante persone molte volte mi dicono di sentire la Sua presenza nel mio ambiente lavorativo.
Qual è il significato oggi degli Istituti Secolari?
La nostra vocazione secolare consacrata è un grande dono di Dio per il mondo di oggi. Nella nostra società si è presi come in un vortice: tutti corrono, anche i cristiani “non hanno tempo per Dio”. Il nostro compito, come Istituti Secolari, è quello di avvicinare il mondo a Dio e Dio al mondo. Conosciamo i problemi della vita dal di dentro, perché noi li viviamo ogni giorno nella nostra condizione secolare.
Come vivete il vostro essere salesiane?
Siamo salesiane, per cui abbiamo un'attenzione particolare agli ambiti preferenziali della missione salesiana: i giovani, i poveri, le missioni, le vocazioni. Cerchiamo di essere presenti lì dove ci sono giovani da accompagnare, dove ci sono poveri da sostenere, lì dove c'è da difendere la giustizia e il bene comune; c'è però anche uno stile con cui entriamo in relazione, fatto di amorevolezza, tenerezza, capacità di ascolto, empatia e gioia.
Come si presenta l'Istituto a livello mondiale?
Le VDB nel mondo sono circa 1200, distribuite nei vari continenti. In alcune parti del mondo, come ad esempio in Africa, si sta assistendo ad una vera primavera: una fioritura di vocazioni che fa ben sperare per il futuro. Ci sono anche alcuni problemi e difficoltà - età avanzata in alcune zone, pericolo di superficialità in altre -, ma con l'aiuto di Dio cercheremo di andare avanti con fedeltà e rinnovato entusiasmo.
Per saperne di più:
www.volontariedonbosco.org