I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

CREATIVITÀ SALESIANA

NICOLE STROTH

Birikino Un tendone rosso e giallo

La famiglia di don Bosco si è presentata alla 101a Giornata Cattolica tedesca a Münster in modo “salesiano”, con una grande tenda da circo rossa e gialla e molte attrazioni. È stata un polo di attrazione per bambini e adolescenti.

Le palline da giocoliere si librano in aria con movimento regolare, tanto che a volte si vede lo spicchio giallo, a volte quello rosso o quello blu. La postura della giovane artista mostra quanta coordinazione e quanta concentrazione si celino dietro questi movimenti compiuti senza sforzo apparente. Johanna non perde di vista le palline. Molti bambini si sono radunati intorno all'artista quindicenne e la guardano affascinati con grande interesse. Dopo un momento di disattenzione, una delle palline perde la traiettoria e cade a terra. Johanna la raccoglie e comincia a spiegare ai bambini radunati intorno a lei come debbano destreggiarsi i giocolieri. È entrata in scena all'età di sei anni e da allora fa parte del Circo dei bambini e dei giovani Birikino della Casa Don Bosco di Chemnitz, in Sassonia. Johanna è intervenuta in qualità di collaboratrice nella tenda da circo della famiglia di don Bosco alla 101a Giornata Cattolica tedesca che si è tenuta a Münster. «Mi piace proporre i miei numeri da giocoliere e mi diverte insegnarli agli altri. L'unico problema è che, se ci sono troppi spettatori, non è possibile seguire bene tutti», ha detto.
Per poter presentare un programma vario e interessante per le famiglie durante la Giornata Cattolica, la tenda del circo Giovanni, che si trova normalmente sul terreno del Centro Don Bosco Jugend-werk di Bamberga, è stata spostata a Münster dal 9 al 13 maggio. «Una squadra di dieci giovani ha impiegato tre giorni per collocarla qui, lavorando dodici ore al giorno», ha spiegato don Johannes Kaufmann. In qualità di responsabile della pastorale giovanile e vocazionale dell'Ispettoria tedesca dei Salesiani di Don Bosco, è il principale referente di tutte le attività all'interno della tenda, che si trova in una posizione molto comoda, sulla strada che porta dalla stazione principale al centro storico di Münster. Come si può vedere fin da lontano, è meta di molti visitatori.

Lavoro di squadra e tanto divertimento
Un'altra attrazione è il cosiddetto “biliardino umano” delle Figlie di Maria Ausiliatrice di Magdeburgo. «È bello che possano giocare insieme persone di ogni età, a partire dai sei anni. Il castello gonfiabile è adatto solo ai più piccoli. Al biliardino genitori e figli possono giocare insieme», ha spiegato suor Lydia Kaps, responsabile del Centro Don Bosco di Magdeburgo. Il principio di base di questa attività è semplice: come nel calcio balilla, i giocatori disposti su file consecutive prendono posto dietro una stanga e possono spostarsi a sinistra o a destra solo con i loro compagni di squadra. Occorre collaborare e il divertimento è assicurato. Di fronte a questo gioco si forma dunque una coda di visitatori che vogliono parteciparvi. Nemmeno quando comincia a piovere la gioia di giocarvi si attenua. E anche suor Lydia Kaps vi partecipa sportivamente. Corre dietro la pallina gialla quando per un tiro troppo poderoso atterra sull'erba. Ma la Figlia di Maria Ausiliatrice è ben equipaggiata, con scarpe da ginnastica nere. Per suor Lydia Kaps la Giornata Cattolica è un ottimo modo per mostrare «che pure noi suore, anche con l'abito, siamo vicine alla gente e ci dedichiamo ad attività ricreative”.
Il biliardino umano, il circo interattivo e vari giochi educativi e avventurosi intorno alla tenda del circo mettono appetito. Il bistrot Mamma Margherita è aperto al pubblico dalla mattina alla sera in due tende bianche a forma di pagoda. È gestito da tirocinanti dell'Istituto Don Bosco di Aschau am Inn, dell'Opera Giovanile Don Bosco Sassonia e del centro educativo gestito dalla Caritas Don Bosco di Würzburg. Stamattina Nina e Anna si occupano del bar. Accanto a loro ci sono diverse tazze, di fronte a loro due thermos. «Un caffè, per favore», domanda loro la responsabile. Mentre Anna aziona la leva della macchina per il caffè, Nina toglie le briciole. «Abbiamo molti clienti», dice. «Ieri abbiamo servito bretzel e vari clienti li hanno apprezzati». Nina sta frequentando insieme ad Anna un corso di formazione a Würzburg.

Un'atmosfera diversa
A un certo punto cala il silenzio nella tenda, dove fino a pochi secondi fa bambini e adolescenti si impegnavano a sperimentare i numeri del circo e si sentiva musica allegra in sottofondo. Gli occhi dei bambini guardano con attenzione il narratore, che dà vita a episodi tratti dalla Bibbia con l'aiuto di diapositive. È il “fenomeno Kasperle”, dal nome di una maschera della commedia: anche con pochi mezzi tecnici, i bambini si entusiasmano. La tenda da circo è la stessa, ma l'atmosfera è completamente cambiata. Lo stesso accade in occasione delle iniziative mattutine e serali per le famiglie e il relax, un momento di meditazione con accompagnamento musicale proposto dalle 21 alle 22 per adolescenti e adulti.

DON BOSCO ARTISTA
Già don Bosco collegava elementi circensi ed educazione. Da ragazzo, la domenica eseguiva piccoli spettacoli per gli abitanti del suo piccolo paese natale, camminando sulla corda, compiendo numeri di abilità o facendo sparire e poi ricomparire monete. Prima dell'ultimo numero, chiedeva regolarmente al pubblico di recitare il rosario con lui e ripeteva l'omelia che aveva ascoltato in chiesa quella mattina. Anche quando in seguito si prendeva cura dei giovani a Torino, i giochi e le lezioni erano parte integrante del suo oratorio, annesso a un centro giovanile con cappella, cucina, camere, laboratori e aule.