I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

L'INVITATO

O. PORI MECOI

Don Maurizio Rossi

«Porto don Bosco nell'oceano Indiano»

Puoi autopresentarti?
Sono nato nel nord est dell'Italia a Bassano del Grappa, in una famiglia contadina, in cui c'era lavoro, pane, e una vita semplice, senza tante pretese. In quegli anni ho imparato che cosa voleva dire «San Martino» per contadini e mezzadri in affitto: il padrone, l'11 Novembre, poteva dire alle famiglie: «Partite non siete più graditi nella mia terra». E le famiglie dovevano far fagotto in pochi giorni e partire alla ricerca di un'altra casa e di un altro terreno da lavorare.
Com'è nata la tua vocazione?
Alla mia prima comunione, a sette anni, mia zia Eda, cognata della mamma, mi aveva regalato un piccolo libro di san Domenico Savio e la sua storia di ragazzo santo all'oratorio di don Bosco; ricordo fin da allora la promessa di Domenico «la morte ma non peccati».
Ogni domenica com'era abitudine per tutti noi ragazzi, si andava a messa e al catechismo a piedi - anche con il freddo e con la neve - e ricordo che nel mese missionario, ottobre, rientravano spesso dei sacerdoti missionari che portavano la loro testimonianza. In quelle occasioni - durante le prediche e le testimonianze di quegli uomini con il saio consumato e la lunga barba - gli occhi e la fantasia di noi ragazzi vedevano già le missioni sconfinate di questi “eroi delle terre lontane” che avevano lasciato il loro - il nostro paesello - per portare la Parola di Cristo fino ai confini del mondo.
Tornando a casa una domenica dissi alla mamma: “Mamma, voglio partire anch'io missionario”. La mamma mi ascoltò e non disse niente, mi esortò solo a continuare bene la scuola e a studiare ancora il catechismo, e aggiungeva come suo consueto «impara l'arte e mettila da parte» e «ricorda di essere umile, perché solo l'agnello umile allatta da due madri».
Negli anni Sessanta e Settanta, in Italia ci fu il boom economico: allora l'Italia aveva un tasso di crescita che sfiorava quasi il 7%. Terminati gli studi della 3a media tutti noi ragazzi eravamo avviati al lavoro, che era molto e vario, per imparare un mestiere e ricevere uno stipendio che avrebbe aiutato la nostra famiglia a vivere un po' meglio. Di continuare gli studi, per le famiglie contadine non se ne parlava nemmeno, non c'erano possibilità.
Lavorando, imparai diversi mestieri: l'agricoltore, il falegname, l'elettricista, l'operatore telefonico, il metalmeccanico. Intanto avevo incominciato a fare il catechista in parrocchia ed ero impegnato in varie attività dell'associazionismo giovanile con particolare attenzione alla dimensione missionaria.
Il tempo passò. L'idea del missionario ritornava sempre e più insistente. A Roma, da ormai due anni c'era un papa polacco venuto “da un paese lontano” e la sua storia di operaio divenuto poi prete, aiutò molto la mia vocazione.
Alla fine del 1980 diedi le dimissioni dal mio lavoro, per tentare di rimettermi a studiare. In quell'occasione per la prima volta, vidi una lacrima sulla guancia di papà. Cercavo di tranquillizare la famiglia dicendo «voglio ritornare a studiare e poi vedremo». Mio fratello più giovane, Tarsillo anche lui un po' commosso, una sera mi disse: «Tu non tornerai più indietro, tu arriverai fino in fondo». Il fino in fondo era il sogno di diventare prete missionario.
Da gennaio a luglio, andai in una comunità salesiana di Venezia, e un bravo salesiano ingegnere, don Nivardo Castenetto, mi aiutò a preparare e a superare l'esame della 3° Istituto Tecnico. Fu molto dura ma ci riuscii. Il settembre successivo entrai in noviziato salesiano a Pinerolo, terminandolo con la professione religiosa lƎ settembre 1982. Degli allora 21 professi, 4 giovani salesiani erano della mia Ispettoria «Veneta Est». Un giovane ispettore di 36 anni, appena nominato, don Luigi Zuppini, venne ad accogliere i nostri primi voti a Pinerolo. Dopo quasi quarant'anni quei giovani salesiani sono tutt'ora in Congregazione, due sono a Venezia, don Beraldo Gianni, direttore e signor Gatti Giuseppe e due sono dal 1990 missionari, uno in Cina, don Roberto Tonetto, e io nell'oceano Indiano.
Perché sei partito per le Missioni?
Nel 1978 i salesiani celebrarono il loro Capitolo Generale a Roma: in quell'anno il Rettor Maggiore dei salesiani don Egido Vigano, lanciò il «Progetto Africa». Ogni ispettoria delle circa 90 in quel tempo si impegnava a fondare una comunità salesiana per i giovani del Progetto Africa. La nostra ispettoria, allora Veneta Est, aveva avuto il Madagascar, nell'oceano Indiano. Nel dicembre del 1981 i primi missionari partenti don Bepi Miele e don Salon Giuseppe, venivano a salutarci in noviziato e già a invitarci ad andare con loro in missione. Loro partitivano, ma avevano acceso in alcuni di noi il sogno missionario.
Il 30 giugno 1990 fui ordinato sacerdote. Il 7 novembre dello stesso anno partivo Missionario per il Madagascar. Ho lavorato prima nella casa salesiana del nord ovest, Mahajanga, poi al centro a Miarinarivo Ijely, poi più a sud a Fianarantsoa, poi a Tulear e nell'ottobre 2018, l'obbedienza mi porta quasi al centro dell'oceano Indiano, nell'isola che si chiama come me, Mauritius.
Qual è il tuo impegno attuale?
Nella mia comunità salesiana “S. Francesco di Sales” qui a Port Louis, la capitale, siamo quest'anno 4 confratelli, Marcellin parroco della parrocchia salesiana “Rochebois”, Heriberto che è l'incaricato della Pastorale giovanile della Diocesi, Patrick un novello sacerdote, vicario della parrocchia, e io. Ho l'incarico di direttore ed economo della comunità salesiana, e direttore del Centro Professionale, il «College Technique Saint Gabriel».
La situazione pastorale e giovanile della Diocesi di Port Louis (Mauritius) è molto diversa da quella del Madagascar dove ho lavorato per quasi 28 anni. Il mio primo anno qui, ho dovuto guardarmi intorno, ascoltare e imparare dai miei confratelli che già conoscevano la vita e la situazione della chiesa e dei giovani. I cristiani qui sono «minoranza», ma grazie a Dio, la coesistenza con le altre culture e religioni è pacifica, rispettosa e tollerante.
Un altro aspetto che fa onore a questa terra è quello che ha ricordato il Papa, lཇ settembre scorso qui da noi: «Attenti a non disperdere il meraviglioso patrimonio umano e sociale che Mauritius rappresenta nel mondo» e ha aggiunto «per restare un modello di convivenza e sviluppo, la vostra nazione ha bisogno di comprendere e vincere ora nuove sfide».
Ci descrivi le isole Mauritius e l'opera salesiana?
Mauritius fa parte delle isole dette mascaregne e cioè le isole dell'oceano Indiano sul lato orientale del continente africano. Sono le Comore, le Seychelles, l'Isola di Réunion (francese) e la nazione di Mauritius che comprende più isole, la più grande è Mauritius 2050 km2, come la Provincia di Padova. Mauritius è una repubblica indipendente dal 1968, si parla inglese, francese, creolo, bhojpuri e altre lingue minori.
I cristiani cattolici sono circa il 24%, cristiani non cattolici (9%), induisti (48%), musulmani (17%), altri (2%). La popolazione è composta da gruppi etnici diversi: indo-mauriziani (48%), creoli (41%), sino-mauriziani (8%), franco-mauriziani (3%).
Nel 1998, monsignor Piat, tutt'ora vescovo di Mauritius, aveva visitato a Roma il nostro Rettor Maggiore, don Juan Edmundo Vecchi, e aveva chiesto dei salesiani per continuare l'opera iniziata nel 1974 dai Fratelli di S. Gabriel, francesi, che dovevano partire per mancanza di vocazioni. I primi due salesiani sono arrivati a Mauritius l'8 dicembre del 2000. Si occuparono delle 3 scuole tecniche che esistevano allora, conosciute con il nome di «College technique Saint Gabriel».
Ora il «College Technique Saint Gabriel» è una scuola sola e l'unica scuola professionale della diocesi. Nel mese di settembre scorso abbiamo festeggiato i 45 anni di fondazione del «College Tecnique Saint Gabriel». In quell'occasione monsignor Piat ha voluto rilanciare questa unica scuola professionale per farne un Istituto tecnico professionale che in un prossimo futuro potrà accogliere fino a 750 allievi. Sarà «Le Lycée Professionnel Saint Gabriel - Don Bosco».
Questa scuola professionale accoglie ora circa 200 tra ragazzi e ragazze tutti sopra i 15 anni. In 3 anni prepara questi giovani al diploma nelle sezioni di Meccanica auto, Manutenzione industriale, Impianti elettrici, Saldatura, e Scuola alberghiera con pasticceria e cucina. Ogni anno ci sono almeno 2-3 volte più domande di quelle che possiamo accogliere. Molti sono «i ragazzi di don Bosco» con vari problemi: famiglie monoparentali o affidati ai nonni, in cui la violenza in casa è all'ordine del giorno.
La droga purtroppo è il flagello di molti giovani. La droga sintetica viene loro offerta gratis e quasi davanti alle scuole. Lo Stato reprime e castiga, e mette in prigione, ma non aiuta a prevenire per uscire da questo flagello. Ogni sabato, celebro la Messa in una prigione diversa, a Mauritius ce ne sono almeno dieci, due delle quali per minori. Quasi ogni sabato, visitando le prigioni per celebrare la messa e confessare, incontro molti giovani intorno ai 20 anni. Sono in maggioranza loro, creoli e cattolici, che affollano le prigioni di Mauritius.
Com'è il rapporto con la popolazione?
La gente ci stima e ci vuole bene, sanno che siamo salesiani e che lavoriamo per i giovani. Lo vedo quasi ogni giorno qui alla scuola Professionale e spesso ogni sabato e domenica, quando vado a celebrare nelle diverse chiese (la diocesi ha 48 parrocchie). Vista l'età media dei preti (più di 65 anni e più della metà sono missionari) spesso, su domanda del nostro vescovo, siamo anche disponibili ad andare a celebrare là dove mancano i preti, anziani e ammalati.
La gente di Mauritius è molto sensibile e soffre tanto per le disparità etniche, soprattutto i creoli che sono discendenti dalle antiche famiglie di schiavi e che sono i più emarginati e discriminati. Nelle scuole statali infatti i giovani creoli sono emarginati e addirittura rifiutati. Nelle scuole tecniche statali, arrivano a chiudere le sezioni se vedono che la maggioranza degli alunni è creola. Nella scuola attuale, in cui le lingue usate sono l'inglese e il francese, in tutte le scuole, dalle elementari, si insegna in inglese: i creoli hanno notevoli difficoltà con questa lingua e spesso si ritrovano a 15 anni che, o non hanno ancora il diploma di 5° elementare, o sono andati un po' più avanti e si sono fermati alla seconda media ma non arrivano ad avere il diploma per continuare. Ogni anno a Mauritius ci sono circa 4500 ragazzi e ragazze che escono dal circuito scolastico e finiscono spesso sulla strada.
Voglio soprattutto ringraziare il nostro vescovo, monsignor Piat, cardinale di Santa Romana Chiesa, che da sempre è attento ai giovani e in particolare ai giovani emarginati, agli ultimi e ai più poveri. Per rispondere a questa urgenza della sua diocesi, ogni anno vuole moltiplicare il centro di formazione professionale per accogliere sempre più giovani.