I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

STORIE DI GIOVANI

CLAUDIA GUALTIERI

Stoffa di santità

Antonio Ruoti, 19 anni, ha composto un canto dedicato a Domenico Savio. «Guardare alla sua vita mi aiuta a vivere meglio alcune sfide del quotidiano».

«“Stoffa di santità” è un canto-preghiera, un dialogo di un giovane qualunque, come me, con Domenico Savio e la sua storia. Il testo, infatti, oltre a ripercorrere le tappe fondamentali del cammino di Domenico verso la santità - il primo incontro con don Bosco, la ricetta della santità, la visione della felicità piena del Paradiso -, contiene gli insegnamenti che un giovane di oggi può ricavare dall'esperienza di Domenico, per poterli incarnare in un itinerario personale verso la santità.
Domenico Savio non è un modellino preconfezionato di santità, è un giovane che vive l'adolescenza con tutte le sue problematiche, come qualsiasi giovane: la sua grandezza sta nella capacità di lasciarsi guidare dal Signore proprio attraverso le dinamiche dell'ordinarietà, nel lavorare su se stesso e sui propri limiti a partire dal desiderio di una vita piena, santa appunto».

Come ti è venuta in mente questa idea?

Sette anni fa, da membro del gruppo Amici di Domenico Savio, feci - con i miei coetanei - la promessa di imitare Domenico fuori e dentro l'Oratorio “per percorrere in breve tempo la via della santità”, con la vita di fede, la docilità, la testimonianza. Conoscevo poco la sua figura, mi bastavano i racconti dei miei animatori. Quest'anno Domenico è entrato in modo dirompente nella mia vita, come se avesse voluto lui stringere a tutti i costi un'amicizia con me.
Allora ho voluto conoscerlo un po' di più, ho iniziato a leggere qualche libro su di lui: guardare alla sua vita mi aiuta a vivere meglio alcune sfide del quotidiano; sto imparando, grazie a lui, a mettere la mia “stoffa” a disposizione dei “sarti” che la Vita mi fa incontrare. Domenico mi insegna a dare valore a ogni singolo istante.
In tanti mi hanno chiesto com'è nato il testo di questo inno e a tutti ho risposto: “Ha fatto tutto Domenico”. è andata davvero così. Eravamo sulla Sila, a Righio, quest'estate, per un campo biblico. Una sera l'ispettore della congregazione salesiana dell'Italia meridionale, don Angelo Santorsola, mi ha fatto la proposta di scrivere il testo dell'inno: ho risposto subito di sì, nonostante non mi fossi mai cimentato nella composizione di un testo musicale. Una strofa alla volta durante le ore di meditazione e preghiera, e in 2-3 giorni il testo era quasi completo. Ha fatto tutto Domenico.
La preghiera è stata la prima fonte di ispirazione, perciò dico che le parole non appartengono tutte a me. La natura della Sila poi ha collaborato in maniera significativa: chi c'è stato sa benissimo che lì il Signore si fa sentire più del solito. La vita di Domenico, in particolare quella descritta da don Bosco, è stata un riferimento costante durante la stesura del testo: è la sua esperienza, il suo sistema valoriale, la sua ambizione al Paradiso - quello che si vive e costruisce ogni giorno - che ho cercato di trasmettere con le mie parole.

A chi lo hai dedicato?

Per me è ancora difficile credere che una cosa grande come questa, un sogno, sia diventata realtà. Posso dire che mi sento fortunato e onorato: Domenico si è servito di me per farsi conoscere a tanti altri giovani come me. è una bella responsabilità, spero di esserne stato all'altezza.
Oltre a essere un nuovo canto salesiano, “Stoffa di Santità” è un inno, perché è stato scelto dall'ispettore come la colonna sonora per questo nostro anno pastorale incentrato sulla Santità giovanile. è un inno, dunque, perché nell'inno ci si identifica, l'inno unisce tutti con il suo ritmo e il suo significato: lo abbiamo pensato come uno strumento efficace per coinvolgere sotto un unico carisma quanti più giovani possibile, in quest'anno dedicato a loro.
Noi giovani siamo alla continua ricerca del nostro posto nel mondo, per noi potenzialmente è più facile essere santi, perché possiamo ancora decidere che direzione dare alla nostra vita: la Santità è semplicemente una chiamata ad essere pienamente noi stessi, a esprimere la nostra unicità. Santità giovanile significa intravedere in ogni attimo, in ogni amico, in ogni situazione, un'occasione per scoprire la presenza di Dio nella quotidianità.

STOFFA DI SANTITà

Un incontro di sguardi
ti ha cambiato la vita:
gli occhi di un sarto che
vedevano in te un capolavoro.
Una scritta sul muro
ti ha indicato la via:
guadagnare anime
per portarle a Dio.
Rit.Stoffa che profuma di santità,
gioia che assicura la libertà
basta poco:
ama, prega e studia finché puoi.
desiderio assoluto
è abitare il cuore di dio.
L'ho imparato da te:
rimpicciolirsi un po'
non può rendermi meno,
ma far diventar
ancora migliore.
Un amico così può ispirar la mia età:
esser santo è facile,
devo esser come te!
Rit. Stoffa ...
Domenico,
con te il Paradiso
non è solo una conquista,
è stile di vita,
pienezza del cuore
da qui all'eternità.
Oh che bella cosa vedo mai!
Che bella cosa vedo mai!
Oh che bella cosa vedo mai!

Rit. Stoffa...