I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LA BUONANOTTE

B.F.

Un cucciolo

Alla periferia della città c'era un grande podere con una villa e un giardino di alberi da frutta, piante ornamentali e macchie di fiori dai bei colori. Al ragazzino piaceva molto passeggiare lungo il suo recinto.
Un giorno, sul cancello del giardino della casa, venne appeso un cartello che diceva: «Si vendono cuccioli di cane di razza».
Il ragazzino rilesse più volte il cartello, poi, in modo risoluto, suonò il campanello.
Venne ad aprire il padrone che era un signore gentile che sorrise al ragazzo.
Il ragazzino ricambiò timidamente il sorriso, poi si mise una mano in tasca e disse: «Qui ho due euro e 37 centesimi, posso guardare i cagnolini, per favore?»
L'uomo fece un fischio e da una cuccia che portava la scritta “Lady”, uscì un cane femmina magnifico ed elegante seguito da cinque bellissimi cuccioli.
Solo uno zoppicava leggermente.
«Che cos'ha?» chiese il ragazzo indicandolo.
«Il veterinario sostiene che ha una deformazione della zampa. Probabilmente zoppicherà per sempre».
«Vorrei comprarlo io, se non le dispiace» disse il ragazzo.
«Te lo regalo!» esclamò l'uomo. «Non riuscirei a venderlo in ogni caso».
Il ragazzo ribatté vivacemente: «No! Anche lui vale come gli altri. Porterò i soldi ogni settimana, finché arriverò alla somma giusta».
«Ma perché vuoi comprare un cane malato? Non potrà mai correre con te o seguirti al parco e in montagna!»
Il ragazzo si chinò, si rimboccò la gamba dei pantaloni e mostrò la sua gamba.
Era malformata e ingabbiata in un tutore di metallo.
Poi disse: «Anch'io non corro bene. Il cucciolo avrà bisogno di qualcuno che lo capisca».