I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

COME DON BOSCO

PINO PELLEGRINO

Natale: l'arrivo dell'uomo umano!

San Paolo esprime il mistero del Natale con questa bellissima frase: «Si sono manifestati la bontà di Dio, salvatore nostro, e il suo amore per gli uomini».
In Gesù è diventata visibile la vera umanità, l'immagine originaria dell'uomo. Il volto dell'uomo che Dio ha sognato.

Dire Natale è dire una parola traboccante. Natale ci svela che Dio è attratto dall'uomo. Natale è la Festa che taglia tutta la storia umana in due epoche: prima e dopo Cristo. Natale è la Festa che inaugura l'Uomo totalmente umano.
È questo l'aspetto che ci interessa al termine delle nostre riflessioni che quest'anno abbiamo condotto sull''emergenza uomo'.
Proprio il Bambino che ancora nasce a Natale, sarà pienamente umano! Su questo non abbiamo dubbi. È vero che non tutti promuovono Cristo all'esame di divinità, ma tutti lo promuovono all'esame di umanità!
Anche i più ostili al Cristianesimo devono ammettere che “da Cristo in giù è solo pianura!” (Friedrich Nietzsche, filosofo ateo tedesco).
Ecco perché lo proponiamo. Lo proponiamo perché Cristo è la miglior cura al nanismo umano dell'uomo d'oggi. Lo proponiamo perché svegli questa generazione a bassa tensione. Lo proponiamo perché ci faccia assaporare il profumo dell'Uomo umano e ci dia l'abbrivio per partire e salire.
Per sintetizzare al massimo, sosteniamo che Cristo è l'Uomo umano per eccellenza per tre ragioni:
• perché è tutto emotivamente liberato,
• perché è allocentrico (centrato sugli altri non su di sé, come lo è l'egocentrico),
• perché è armonioso.

Tutto emotivamente liberato
Gesù era un emotivo. Niente di sdolcinato e di sciropposo: Gesù è un forte, ma un forte dal cuore ben fatto.
È un vibratile: sente compassione (Mt 14, 14) scoppia in pianto (Gv 11, 32) ammette pubblicamente e lealmente che la gratitudine dei lebbrosi gli avrebbe fatto un gran piacere (Lc 17, 17-18) sente gioia (Lc 10, 21) è triste (Lc 19, 41) è tenero (Mc 10, 21) è angosciato (Lc 12, 50)... Insomma, Gesù viveva sempre con il cuore acceso.
Sapeva che senza sentimenti l'uomo non vive che a metà, senza sentimenti smette d'essere umano.
Il cervello non basta: ci vuole calore; la tecnica non è sufficiente: ci vuole pietà! Questa è umanità allo stato puro!

Allocentrico: centrato sull'altro
Aveva un 'io' così ospitale che faceva il fratello a tempo pieno. Era un capolavoro superiore di bontà. Per questo ha puntato tutto sull'amore. A quei tempi i precetti della legge ebraica erano una foresta: ben 613! Gesù li riduce ad uno solo: “Amerai il signore tuo Dio... amerai il prossimo tuo!” (Mt 22, 36-40). Sì, perché l'amore vale più dell'intelligenza! È l'amore che ci umanizza: umano è chi dà, disumano è chi prende!

Armonioso
Un giorno i farisei non poterono fare a meno di ammettere: “Tutto il mondo gli è andato dietro!” (Gv 12, 19). Gesù era una calamita, un incantatore (Mt 4, 18-22). Perché?
Forse la risposta giusta è questa: perché Gesù aveva un 'io' musicale, un 'io' sinfonia.
Era un'armonia fatta persona. Mite, ma non debole. Costante, ma non ostinato.
Attivo, ma non agitato. Occupato, ma non preoccupato. Deciso, ma tenero come la gallina con i pulcini sotto le ali (Mt 23, 37). Calmo e slanciato. Fiero e umile. Denso e semplice. Disinvolto e saggio. Uomo di fuoco e di lacrime. Uomo di adorazione e di azione. Uomo di pani e di pesci e di alti pensieri. Era attratto verso il cielo e guardava verso la terra. Amava la parola, e praticava il silenzio. Accoglieva i bambini e frustrava i mercanti del Tempio. Aveva una fisiognomia regale e lavava i piedi ai discepoli. Una simile personalità era un panorama incantevole.
Come non essere attratti da tanta umanità?
Come non sognare di prenderlo come modello degno di identificazione per non scarabocchiare la vita, ma per ringraziare d'esser nati?

MOHAMMED ASHRAF NON VA A SCUOLA
Dal momento in cui il sole sorge fino all'apparizione della luna, egli taglia, taglia, cuce, cuce, taglia il cuoio e cuce palloni, che rotolano fuori dal villaggio pakistano di Umar Kot verso il mondo.
Mohammed ha 11 anni. Lo fa da quando aveva cinque anni.
Se sapesse leggere, e leggere l'inglese, potrebbe capire l'iscrizione stampata su ciascuna delle sue opere: «Questo pallone non è stato fatto da lavoro minorile».