I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

TEMPO DELLO SPIRITO

CARMEN LAVAL

Cinque motivi per ricominciare

Natale è anche un messaggio. La nascita di Gesù è l'anno zero della storia dell'umanità. Possiamo dichiarare questo Natale 2020 nostro personale “anno zero”.

Le cose nuove stanno già germogliando
Nel profeta Isaia c'è uno splendido passo: «Non ricordate più le cose passate, non pensate più alle cose antiche! Ecco, io faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete?» (Is 43, 18s.). Non rigirare intorno a ciò che è successo, a ciò che è andato storto nella tua vita, alle offese o alle ferite che ti sono state inflitte, alle occasioni della tua esistenza in cui sei stato penalizzato. Smetti di rimuginare sul passato. È finito. Adesso in noi accade qualcosa di nuovo. È Dio stesso ad operare su di noi. Dio fa fiorire il nostro deserto. Ciò che nella nostra vita era arido e secco, di colpo diventa fertile.
Il profeta non si accontenta di annunciare il nuovo che Dio opera in noi. Dice che il nuovo sta già germogliando dentro di noi.

Ricominciare vuol dire riprendere il controllo
Ogni nuovo giorno è come un campo di neve immacolato, dove non è ancora passato nessuno. Non procedere alla cieca: rifletti. È questo il dono dell'inizio. Non siamo più schiavi del tempo. Chi incomincia diventa condottiero della propria vita.
Quando lo tsunami del virus si ritirerà, lasciando indietro le ferite umane e le tragedie sociali, spetterà a tutti prendere parte alla necessaria ricostruzione. Questo non avrà una forma grandiosa e spettacolare. Ricostruire è rinnovare tutto ciò che può essere rinnovato. A livello umano, come nel Natale, la ricostruzione inizia nel modo più povero e più umile possibile: guarire le ferite, essere attenti ai più fragili, che abbiamo lasciato così spesso sul lato della strada del vecchio mondo. Perdono, guarigione e riparazione sono i primi atti che testimoniano una speranza concreta.

Ogni giorno un pezzetto
Può darsi che il compito ti appaia enorme e ti assalga la tentazione di rimandare o peggio di lasciar perdere. A questo proposito gli antichi monaci raccontavano la storia di un giovane monaco, che si era sforzato invano di migliorare. Pensava che non servisse a niente lottare contro gli errori. Ricadeva sempre negli stessi sbagli. L'abate gli raccontò la storia di un giovane che aveva ricevuto dal padre il compito di ripulire dai cardi e dai rovi una proprietà abbandonata. Il giovane andò al campo e si perse d'animo. Il campo, pieno di erbacce, era enorme. Il giovane non sapeva proprio da dove iniziare. Aveva l'impressione che non sarebbe mai riuscito a ripulire il campo dai cardi e dai rovi. Allora il padre gli disse: «Figlio mio, lavora ogni giorno il pezzo di terreno che occupi dormendo. Progredirai nel lavoro a poco a poco senza perderti di coraggio». Il giovane fece come gli era stato detto e in breve tempo la proprietà fu dissodata.
Non è necessario che sbrighiamo tutto in una volta sola. Ma è necessario che cominciamo: dobbiamo segnare un inizio. Fatto il primo passo, la montagna che ci sta davanti si rimpicciolisce di giorno in giorno.

Con ali d'aquila
Il profeta Isaia parla di giovani che faticano e si stancano, che inciampano e cadono. Ma quanti sperano nel Signore, riacquistano forza, mettono ali come aquile, corrono senza affannarsi, camminano senza stancarsi (Is 40,31).
Dio ci dona una forza sempre nuova. Essa traspare dal fare giovanile anche dell'anziano. Il nuovo dentro di noi è come ali d'aquila che ci trasportano in alto e, con leggerezza, ci fanno sperimentare strade nuove. Se lasciamo cadere queste parole dentro il nostro cuore, esse ci portano a contatto con l'elemento nuovo e giovanile, con le ali d'aquila che tutti ci portiamo dentro.
È quello che insegna una piccola storia.
Un grande re ricevette in omaggio due pulcini di falco e si affrettò a consegnarli al Maestro di Falconeria perché li addestrasse. Dopo qualche mese, il maestro comunicò al re che uno dei due falchi era perfettamente addestrato. «E l'altro?» chiese il re.
«Mi dispiace, sire, ma l'altro falco si comporta stranamente; forse è stato colpito da una malattia rara, che non siamo in grado di curare. Nessuno riesce a smuoverlo dal ramo dell'albero su cui è stato posato il primo giorno. Un inserviente deve arrampicarsi ogni giorno per portargli il cibo».
Il re convocò veterinari e guaritori ed esperti di ogni tipo, ma nessuno riuscì a far volare il falco.
Incaricò del compito i membri della corte, i generali, i consiglieri più saggi, ma nessuno poté schiodare il falco dal suo ramo. Dalla finestra del suo appartamento, il monarca poteva vedere il falco immobile sull'albero, giorno e notte.
Un giorno fece proclamare un editto in cui chiedeva ai suoi sudditi un aiuto per il problema.
Il mattino seguente, il re spalancò la finestra e, con grande stupore, vide il falco che volava superbamente tra gli alberi del giardino. «Portatemi l'autore di questo miracolo» ordinò.
Poco dopo gli presentarono un giovane contadino.
«Tu hai fatto volare il falco? Come hai fatto? Sei un mago, per caso?» gli chiese il re.
Intimidito e felice, il giovane spiegò: «Non è stato difficile, maestà. Io ho semplicemente tagliato il ramo. Il falco si è reso conto di avere le ali ed ha incominciato a volare».

Talvolta, Dio permette a qualcuno di tagliare il ramo a cui siamo tenacemente attaccati, affinché ci rendiamo conto di avere le ali.

La benedizione dentro
Ci vuole energia per cambiare. Si sentono a volte frasi antiche: «Non valgo niente. Sono un buono a nulla. Sono un disastro. Non potrò mai condurre una buona vita».
Se qualcuno scopre in sé questi pensieri, dovrebbe affrontarli con le parole di San Paolo: «Se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove». Ripetile spesso e credici. C'è del buono in te. Ciò che è stato non conta più. Ascolta la benedizione divina. È nella realtà di Gesù Cristo, che è in noi. In noi è il suo Spirito che può trasformare e rinnovare le cose vecchie. Accettiamo il nostro passato, ma gli togliamo il potere. Confidiamo che ci sia in noi una realtà nuova, la realtà di Gesù Cristo, che è più forte del nostro passato.
Perciò, confidando nel nuovo che è in noi, possiamo osare nuove strade, percorrere il cammino che Dio ha pensato per noi. Un cammino di riconciliazione e trasformazione.