I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL CRUCIVERBA

ROBERTO DESIDERATI

SCOPRENDO DON BOSCO

ORIZZONTALI 1. È stato Fantozzi (iniz.) - 3. Quello greco vale 3,14 - 6. A noi - 8. Duecento romani - 10. Anno Domini - 12. Confina con il Lazio - 19. Uno dei Grandi Laghi nordamericani - 20. Il più intelligente è l'uomo - 21. Ne formano uno comico Aldo, Giovanni e Giacomo - 23. XXX - 24. La sacerdotessa amata da Leandro - 26. Il Millennium... che si temeva nell'anno 2000 - 27. Viene dopo il sol - 28. XXX - 31. Erano adorati dai pagani. - 33. Grande fiume russo - 34. Il regista li gira all'aperto - 35. L'ente che gestiva i Cral - 37. È sacro e profano per il Petrarca - 40. Città marchigiana dove nacque Federico II - 41. Maestro di oratoria - 44. Il Ford a fumetti - 46. Il Grand... che compivano intellettuali e aristocratici - 48. Locomotiva elettrica - 49. È a capo di una monarchia.


VERTICALI 1. Supporre in anticipo ciò che avverrà - 2. Anelli nuziali - 3. A volte gli eventi ne prendono una brutta - 4. Prima persona singolare - 5. Carburante - 6. Derise Noè ubriaco - 7. Posta in profondità - 8. Cuneo (sigla) - 9. Il ragazzo torinese - 11. Vende spezie e altri generi coloniali - 13. Che recano l'emblema del giglio in araldica - 14. Il Martellini indimenticato telecronista - 15. Lago e stato africano al confine con il Niger - 16. L'umile classe sociale dell'antica Roma contrapposta ai Patrizi - 17. Lievi, leggiadri - 18. Una varietà di riso - 22. Linus le ha pari! - 25. Senza di lui è meglio non fare i conti - 29. Piccola offerta - 30. Panieri di vimini - 32. Eroga energia elettrica - 36. Sua moglie si tramutò in statua di sale - 38. Mameli a metà - 39. Il topo a Parigi - 42. Doppie nel carretto - 43. Ramazzotti (iniz.) - 45. Numero in breve - 47. Antica città sumera.


SOLUZIONE DEL NUMERO PRECEDENTE

VISIONI E SOGNI PROFETICI

San Giovanni Bosco ricevette numerose visioni profetiche molte delle quali riguardarono le sorti dell'Italia, della città di Roma e del Papato in particolare. Negli scritti riguardanti la XXX sono narrati fatti che dimostrano come egli, fin da piccolo, fosse dotato di un sesto senso che gli faceva vedere e prevedere quello che gli altri ignoravano. Ma ben sapendo come sia facile prendere cantonate in questo campo, egli saggiamente diceva: “Non ritenetemi profeta finché tutto non sia avverato”. E nelle “Memorie biografiche di don Bosco” sono contenute alcune profezie sui tempi burrascosi che avrebbe dovuto attraversare o attraverserà, nei prossimi anni, il mondo, l'Italia ed il Papato. Profezie come quella, estremamente cupa, che dice: “I cavalli dei Cosacchi si abbevereranno alle fontane di S. Pietro”, probabile prefigurazione di una guerra mondiale. La prima profezia don Bosco la ebbe la vigilia dell'Epifania del 1870. Vide in sogno avvenimenti futuri che avrebbero riguardato la Chiesa e il mondo. Scrisse egli stesso ciò che vide e udì, e il 12 febbraio lo comunicò al papa Pio IX. Scrisse innanzitutto quanto fosse difficile riportare ciò di cui era stato testimone e che quel che aveva udito era la parola di Dio adattata per la comprensione umana. C'era la desolazione dei tempi in ciò che aveva visto, immagini di guerre e pestilenze, flagelli e terribili punizioni che si sarebbero abbattuti su Parigi, l'Italia, la Chiesa e l'Europa a più riprese. L'Italia e le sue madri piangeranno il sangue dei figli e dei martiri in terra nemica. Roma sarà “percossa” e ad essa il Supremo verrà quattro volte se quella non ritroverà la retta via. Quattro anni dopo, don Bosco ebbe una seconda, ma non ultima, visione profetica in cui una “oscura notte” avrebbe avvolto cose e persone e una processione con il Pontefice in testa avrebbe risollevato gli spiriti. Nel mentre, una battaglia tra luce e tenebre si sarebbe scatenata, al di sopra di una distesa di morti e feriti.