I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL CRUCIVERBA

ROBERTO DESIDERATI

SCOPRENDO DON BOSCO

ORIZZONTALI.
1. Un organo collegiale scolastico istituito con i cosiddetti decreti delegati del '76- 15. Lavorano in botteghe e officine- 16. Napoli (sigla)- 17. Un po' di avventura- 18. A voi- 19. La sigla del tritolo- 20. Celebri pittori bolognesi del Cinquecento- 23. Patemi d'animo- 25. Ripida salita- 27. Delfino dei fiumi del Sud America- 28. XXX- 32. Il nostro voilà- 33. Iniziali di Mandela- 34. I confini dell'Etiopia- 35. Nobile a metà!- 36. Un rifiuto- 37. Mettersi in mezzo- 42. Il nichel (simbolo)- 43. Quelle di marzo furono fatali a Cesare- 45. Il segnale stradale ottagonale- 46. Breve filmato pubblicitario- 48. Si fanno per strada imbattendo-si in qualcuno- 49. Un poema omerico.
VERTICALI.
1. Così era definito in modo sprezzante il dentista- 2. Per portata viene subito dopo il Rio delle Amazzoni- 3. Nuovo Testamento- 4. Sta morendo dal desiderio di bere- 5. Che ha il calore del fuoco- 6. Sono metà gitani!- 7. Viene dopo il sol- 8. Storditi, frastornati- 9. Le hanno porti e golfi- 10. Era un importante istituto assicurativo- 11. Prendere su di sé un grosso peso- 12. Il nome dell'attore Delon- 13. Sacerdote in breve- 14. Che si può eludere o farne a meno- 20. Il club che riunisce amanti della montagna (sigla)- 21. Le hanno pari i grandi- 22. Cittadina della Normandia- 24. Società in Nome Collettivo (sigla)- 25. L'indimenticato Calindri (iniz.)- 26. Quando c'è il sole è bello- 29. Al centro delle classifiche!- 30. Il brillante Gullotta- 31. Mio a Parigi- 38. Sono dispari nel rostro- 39. L'ex Partito Popolare Italiano- 40. Società per Azioni (sigla)- 41. Una lettera ebraica- 43. Novantanove romani- 44. Una preposizione- 47. Gli inglesi lo gustano alle 5 del pomeriggio.


SOLUZIONE DEL NUMERO PRECEDENTE

PELLICOLE E SANTITÀ


Quali furono i rapporti intercorsi tra XXX? A questa domanda è molto facile rispondere: nessuno, in quanto l'invenzione del Cinema è posteriore alla morte del Santo. Le produzioni di livello cinematografico, distribuite nel circuito nazionale sono quindi successive ed egli, da grande comunicatore qual era, non poté mai supervisionarle o semplicemente visionarle. Il primo lungometraggio sulla sua vita intitolato “Don Bosco” era il racconto sulle opere del santo fondatore dell'ordine dei Salesiani. Venne diretto da Goffredo Alessandrini, e girato nel 1935 negli Studi Fert di Torino (ora chiusi). Tra gli interpreti: Gian Paolo Rosmino, il protagonista, e attori non professionisti tra cui parecchi sacerdoti salesiani. Dopo molti anni, nel 1988, il regista Leandro Castellani dirige un secondo film su don Bosco, titolato anche questo con il suo nome, interpretato dal bravo Ben Gazzara, con una recitazione schietta e sincera, e, tra i nomi noti, anche dalla stella del pop Patsy Kensit nel ruolo di una povera contadina. Il film procede a ritroso partendo dalla fine della vita del Santo, il quale, già sulla sedia a rotelle, ripercorre con il ricordo, commosso, le tappe salienti della sua vita a cominciare da quando, ragazzino, si ci-mentava con le prove di abilità. Ultimo lavoro su don Bosco, in ordine di tempo, è la miniserie televisiva in due puntate da 100 minuti ciascuna, trasmessa su Rai 1 nel 2004. Interpretata da Flavio Insinna nelle vesti di don Bosco e narrata in flashback, è il racconto di una vocazione vissuta nel segno della gioia e dell'ottimismo, nonostante le difficoltà che disseminano il cammino del protagonista. Il film è stato girato in lingua inglese, e successivamente gli attori si sono doppiati in italiano. La rete della Rai ha proposto anche una versione ridotta della fiction, nel formato di film per la televisione dalla durata di 114 minuti.