I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LA LINEA D'OMBRA

ALESSANDRA MASTRODONATO

La paura di volare

«Il mondo corre ed io fermo distante, sognatore di grandi promesse, io ancora scappo dall'essere grande. Come Peter Pan».

Diventare adulti spesso fa paura. A prescindere dall'età anagrafica e dai diversi itinerari esistenziali che ci siamo ritrovati a percorrere, ci spaventa l'idea di dover farci carico di nuovi impegni e responsabilità, di essere chiamati a compiere scelte importanti e decisive per il nostro futuro, di dover fare affidamento solo sulle nostre forze, imparando a danzare in equilibrio sul filo sottile della complessità senza alcuna rete di protezione ad attutire eventuali cadute. Soprattutto, ci terrorizza la prospettiva di ritrovarci a vivere un'esistenza in cui tutto ci sembra già scritto, in cui abbiamo la sensazione di essere condannati a rivestire rigidi ruoli predefiniti, prigionieri di sentieri obbligati in cui non c'è spazio per le deviazioni, per la creatività, per l'improvvisazione. Forse perché istintivamente avvertiamo che la vita che abbiamo ricevuto in dono è un bene troppo raro e prezioso per rinunciare così presto a inseguire i nostri sogni più grandi e ambiziosi, barattandoli con un po' di stabilità e qualche certezza malferma.
Gli psicologi la chiamano “sindrome di Peter Pan” poiché, a volte, questa fisiologica paura di crescere si traduce in un'eterna fanciullezza segnata dalla tendenza a vivere schiacciati nel qui ed ora del presente, dall'incapacità di fare progetti realistici per il futuro, da una profonda immaturità che si ripercuote negativamente anche sulla sfera affettiva e relazionale. Ma, al di là dei casi patologici in cui il rifiuto di ogni dovere o responsabilità connessi con la condizione adulta si trasforma in una vera e propria fuga dalla realtà, si tratta - a ben guardare - di un passaggio ineludibile nel cammino verso l'adultità, nella misura in cui ognuno di noi si trova prima o poi a confrontarsi con la paura di superare i propri limiti e di spiccare il volo.
Ma diventare adulti non significa necessariamente rinunciare a realizzare le proprie ambizioni per farsi carico del fardello opprimente della responsabilità. Non significa neppure lasciarsi alle spalle quella spensieratezza e quella leggerezza proprie dell'adolescenza per adattarsi a vivere un'esistenza fatta solo di obblighi e sacrifici.
Se è vero che il percorso verso l'adultità comporta impegno, fatica, capacità di resilienza, ciò non vuol dire che diventare adulti non possa rivelarsi anche la più travolgente ed appagante delle avventure. Crescere è, infatti, il dinamismo proprio di chi riesce a esprimere il meglio di sé, di chi ha imparato a dare pienezza alla propria vita anche in una quotidianità talvolta monotona e ripetitiva, di chi compie le proprie scelte con consapevolezza, di chi non ha paura di spiegare le ali e di volare, non già per fuggire da se stesso e dalla realtà che lo circonda in direzione di una fantomatica “isola che non c'è”, ma per puntare con coraggio e decisione verso il futuro che ha progettato per sé.

Ho di nuovo invertito le rotte,
il mondo corre ed io fermo distante,
sognatore di grandi promesse,
io ancora scappo dall'essere grande.
Ho provato a nuotare tra gli altri e
vivere il giorno tra impegni e ritardi,
avere un ruolo fra i tanti di tutti,
sentirmi parte di un gruppo.
Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?
Come Peter Pan,
Peter Pan,
Peter Pan,
come Peter Pan...
Mi sento appeso ad un filo lontano che,
che se lo seguo non so dove arrivo e
ho chiesto al vento di essere bravo,
portarmi altrove per sentirmi vivo.
Io provo a vivere quello che trovo, ma poi,
ma poi mi pento e ritorno di nuovo
in questo posto in cui volano stelle,
e se alzi il braccio puoi prenderle tutte,
qui dove non potrò perdere il sogno perché
è troppo vero per esser distrutto.
Io no, io non ci torno - ho giurato a fatica - ,
io resto qui fino alla prossima vita!
Intanto volo e c'è un fiume qui sotto,
mi porta verso il tuo atteso ritorno,
ti seguo e tu sei già pronta a volare,
ti prendo e siamo parte del mare.
Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?
Come Peter Pan,
Peter Pan,
Peter Pan,
come Peter Pan...

(Ultimo, Peter Pan - Vuoi volare con me?, 2018)