I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

FMA

EMILIA DI MASSIMO

Un angelo per i più piccoli

Nitra è una splendida città slovacca.
Nella periferia, le Figlie di Maria Ausiliatrice hanno deciso di prendersi cura della comunità Rom.
Si dedicano alle attività del doposcuola, del tempo libero e collaborano per la realizzazione di alcune imprese socio-culturali.

Il significato etimologico del termine ròm, spiega il dizionario, indica il nome generico con cui vengono indicati gli appartenenti alla popolazione nomade degli zingari, spostatasi nel corso dei secoli dall'India settentrionale in regioni dell'Asia e dell'Europa orientale e occidentale.
Non indica che anche per loro si può inventare una pastorale, nonostante i molteplici luoghi comuni dicano che sono persone particolari con le quali non si può entrare in contatto perché hanno una cultura discutibile; ma sono anche musicisti, danzatori, veri artisti, talenti che restano perlopiù nascosti!
Le Figlie di Maria Ausiliatrice desiderano far scoprire non solo i talenti artistici ma anche i doni più grandi già insiti nella loro cultura: vita, amore, famiglia, dignità, responsabilità, capacità di dialogo, assunti mediante l'educazione integrale dei bambini (0-15 anni) e delle loro mamme.
Questo avviene a Košice, nel quartiere Lunik IX (dal 2008) e a Nitra, nel quartiere Orechov Dvor (dal 2012). Per comprendere qualcosa in più di una pastorale così singolare, ci trasferiamo nella città di Nitra, alle pendici del monte Zobor, lungo la valle solcata dal fiume Nitra. A Orechov Dvor le suore sono giunte dopo un lungo discernimento e svariati incontri con i rappresentanti della città, dove vive una comunità di zingari. Suor Mária Snopková, suor Monika Foltýnová, suor Františka Martinková e suor Eva Pullmannová sono approdate in un ambiente totalmente nuovo: in un appartamento vicino alla Chiesa parrocchiale.
Orechov Dvor potrebbe essere definito un possedimento fuori della città di Nitra, là dove vivono circa 400 zingari. Le suore lavorano in team: con una religiosa Missionaria serva dello Spirito Santo, nel Centro materno; con i laici insegnanti della scuola materna e con altri specializzati nel lavoro sociale. Insieme discutono le situazioni, cercano soluzioni, prendono decisioni, organizzano le attività, ad esempio la giornata dei rom. Due suore lavorano al Centro materno, disponibili per le mamme che hanno bambini piccoli. Una Figlia di Maria Ausiliatrice lavora nella scuola elementare statale ed un'altra in una classe di bambini con bisogni speciali. Si dedicano alle attività del doposcuola, del tempo libero e collaborano per la realizzazione di alcune imprese socio-culturali. Dentro ogni attività un unico desiderio: far sentire a ciascuno che è amato in quanto essere umano.
Classe zero
Spesso alle mamme viene ricordato che i loro bambini sono un grande dono di Dio, sono belli ed hanno un futuro davanti, ma concretamente, come realizzarlo? Le suore, accorgendosi che molti bambini e ragazzi non frequentavano la scuola sia per la distanza sia perché erano tanto trascurati, e questo creava un disagio emotivo, hanno fondato a Orechov Dvor una classe zero per prepararli alla prima ed avviarli così ad un corso regolare di studi.
Le suore ci dicono: Non guardiamo ai risultati, questi sono misurati in Alto, ma guardiamo alle piccole cose della quotidianità: il bambino che non butta più la carta per terra, che riordina i giocatoli, che sa affrontare i compiti più difficili, che impara a suonare. Anche gli adulti migliorano personalmente e nella capacità di saper gestire una casa, così anche i figli respirano un clima di famiglia che consente loro di andare bene a scuola e di vivere serenamente.
In collaborazione con le sorelle della Congregazione Missionarie serve dello Spirito Santo, le Figlie di Maria Ausiliatrice svolgono anche alcuni corsi dal titolo: Scopri Cristo; molti giovani lo hanno trovato, altri lo stanno scoprendo. Le suore cercano di far ricevere i sacramenti ai bambini, pregano con loro, vivono la bellezza della vita cristiana e ne testimoniano la gioia mettendosi con semplicità a servizio, intercettando le necessità della gente con la quale condividono l'esistenza.
L'angelo suor Maria
Le Figlie di Maria Ausiliatrice dicono di realizzare l'intera missione educativa perché hanno un angelo che dal cielo le protegge e le guida: è suor Mária Futejová, la quale ha lavorato a Nitra più di un anno e mezzo. A 35 anni ha concluso la sua missione sulla terra lasciando un'orma sulla quale tanti continuano a camminare. Suor Maria è stata una brava insegnante della classe zero, benvoluta dai bambini a cui ha insegnato tanto. Ma una Salesiana ama anche il gioco, infatti a suor Maria piaceva giocare a calcio con i ragazzi, tanto da diventarne l'allenatore! Dopo la sua morte, ogni anno si organizza una partita di calcio che ha come premio la Coppa di suor Maria. Nella scuola dove ha insegnato è affissa una sua fotografia perché maggiormente si mantenga viva la sua memoria; molti dicono che suor Maria continua ad essere qui con noi... Certamente dal Paradiso prosegue l'insegnamento e l'allenamento, altrimenti come si spiega il prodigio che dalla classe zero molti arrivano a laurearsi? Chi ha un angelo per allenatore non può che fare tanti goal e vincere la partita più grande: la vita!