I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

LA BUONANOTTE

B.F.

Un grande amore

Dopo vari anni di matrimonio scoprii una nuova maniera di mantener viva la scintilla dell'amore.
Mia moglie mi raccomandò di uscire con un'altra donna!
«Io però ho scelto te», protestai.
«Lo so. Ma ami anche lei. La vita è molto breve, dedicale tempo».
Accettai. L'altra donna a cui mia moglie voleva che facessi visita, era mia madre.
Gli impegni di lavoro e i figli mi permettevano di farle visita solo occasionalmente.
Una sera le telefonai per invitarla a cena e al cinema.
«Che ti succede? Stai bene?” mi chiese. Mia madre è il tipo di donna che pensa che una chiamata serale o un invito sorprendente sia indice di notizie cattive.
«Ho pensato che sarebbe bello passare un po' di tempo con te», le risposi.
«Mi piacerebbe moltissimo» disse.
Quel venerdì mentre, dopo il lavoro, la andavo a prendere ero nervoso. Era il nervosismo che precede un appuntamento. E quando giunsi alla sua casa, vidi che anch'ella era molto emozionata. Un bel sorriso sul volto, irradiava luce come un angelo. «Ho detto alle amiche che dovevo uscire con mio figlio e quasi mi invidiavano», mi spiegò mentre entrava in macchina. Mi attendeva sulla porta con il suo soprabito, era stata dalla parrucchiera e il vestito era quello dell'ultimo anniversario di nozze.
Andammo a un ristorante non particolarmente elegante, ma molto accogliente. Mia madre mi prese a braccetto come se fosse “La Prima Dama della Nazione”. Quando ci sedemmo presi a leggerle il menu. I suoi occhi riuscivano a leggere solo le scritte più grandi. Quando andai a sedermi di fronte a lei, alzai lo sguardo: la mia mamma, seduta dall'altro lato del tavolo, mi guardava con ammirazione. Un sorriso felice si delineava sulle sue labbra.
«Ero io che ti leggevo il menu, quand'eri piccolo. Ti ricordi?»
«Adesso è ora che ti riposi e che mi permetta di restituirti il favore», risposi.
Durante la cena facemmo una gradevole conversazione: niente di straordinario. Ci aggiornammo sulla nostra vita. Parlammo tanto che perdemmo il film che ci eravamo proposti di vedere.
«Verrò ancora fuori con te, solo però se permetti a me di invitarti», disse mia madre quando la portai a casa sua. Accettai, la baciai, la abbracciai.
«Come hai trovato la ragazza?», volle sapere mia moglie.
«Molto piacevole. Molto più di quanto immaginavo», le risposi.
Alcuni giorni dopo mia madre morì di infarto, e avvenne così velocemente che non si poté fare niente. Poco tempo dopo ricevetti un avviso dal ristorante dove avevamo cenato mia madre e io e un invito che diceva: «La cena è stata pagata in anticipo».
Mia madre era sicura di non poterci essere, ma pagò lo stesso per due: «Per te e per tua moglie, non potrai mai capire cosa ha significato per me quella serata. Ti amo!».

In quel momento compresi l'importanza di dire a tempo debito «ti amo» e di dare ai nostri cari lo spazio che meritano; niente nella vita sarà più importante di Dio e della tua famiglia: dalle il tempo perché possano sentirsi amati.