I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

I NOSTRI SANTI

A CURA DI PIERLUIGI CAMERONI, postulatore generale - postulazione@sdb.org

Coloro che ricevessero grazie o favori per intercessione dei nostri beati, venerabili e servi di Dio, sono pregati di segnalarlo a postulazione@sdb.org

IL SANTO DEL MESE
In questo mese di aprile preghiamo la beata Laura Vicuña di cui ricorre il 125° della nascita.
Nasce a Santiago (Cile) il 5 aprile 1891. Nel 1900 Laura fu accolta nel collegio delle Figlie di Maria Ausiliatrice a Junín de los Andes situato nella zona del Neuquén, Argentina. L'anno seguente fece la Prima Comunione e, come Domenico Savio, formulò i propositi di amare Dio con tutta se stessa; di mortificarsi e morire pur di non peccare; di far conoscere Gesù e ripararne le offese. Dopo aver intuito che la madre viveva in una situazione di peccato, si offrì al Signore per la sua conversione. Laura intensificò l'ascesi e, con il consenso del confessore, abbracciò con voto privato i consigli evangelici. Consunta dai sacrifici e dalla malattia, morì a Junín de los Andes (Argentina) il 22 gennaio 1904. Nell'ultima notte aveva confidato: “Mamma, io muoio! L'ho chiesto a Gesù da tempo, offrendogli la mia vita per te, per ottenere il tuo ritorno a Dio... Mamma, prima della morte non avrò la gioia di vederti pentita?”. Nel giorno del funerale di Laura la mamma ritorna ai sacramenti ed inizia una nuova vita. La sua salma è nella cappella delle Figlie di Maria Ausiliatrice a Bahía Blanca (Argentina). Il 3 settembre 1988 al Colle Don Bosco papa Giovanni Paolo II l'ha beatificata e l'ha proposta ai giovani quale modello di coerenza evangelica portata fino al dono della vita, per una missione di salvezza. Il 22 gennaio si celebra la Memoria liturgica.

PREGHIERA

O Beata Laura Vicuña,
tu che hai vissuto fino all'eroismo
la configurazione a Cristo
accogli la nostra fiduciosa preghiera.
Ottienici le grazie di cui abbiamo bisogno
e aiutaci ad aderire con cuore puro e docile
alla volontà del Padre.
Dona alle nostre famiglie pace e fedeltà.
Fa' che anche nella nostra vita, come fu nella tua,
risplendano fede coerente, purezza coraggiosa,
carità attenta e sollecita per il bene dei fratelli.
Amen.

Ringraziano

Nel sito “Preghiere per la famiglia”, come Santo protettore dell'anno mi è stato assegnato il beato Michele Rua. L'ho già invocato in una circostanza delicata, fonte per me di ansia e preoccupazione. Tutto è andato bene. Continuerò a invocare l'intercessione del Beato in tutte le difficoltà della mia vita.
Lorena Colla - Parma

Intendo ringraziare Maria Ss.ma Ausiliatrice per l'aiuto elargitomi.
Angelina Santisi - Pisa

Dopo molto tempo, a causa di problemi di salute, ho dovuto lasciare il lavoro. In seguito, trovandomi in difficoltà proprio in vista di un possibile reinserimento, mi sono rivolta al servo di Dio monsignor Oreste Marengo. Grazie al suo intervento questa mia difficile situazione si è risolta per il meglio. In riconoscenza intendo appoggiare la sua causa di beatificazione.
R. D. - Macerata

Da diversi anni ero angustiato da seri problemi dentari che sembrava non si potessero mai risolvere. Inoltre ero scoraggiato per le notevoli spese mediche sostenute, che si aggiungevano alle preoccupazioni giornaliere. Come exallievo salesiano, ho sempre creduto nei grandi valori educativi di don Bosco; perciò in questa difficile situazione mi sono affidato specialmente alla sua intercessione, ma anche ai santi della Famiglia Salesiana. Recandomi spesso presso una cappella, ho ricordato con riconoscenza e stima i cari Salesiani defunti che sono stati miei educatori. Oggi posso dire che la mia situazione sta migliorando. Fiducioso nella bontà del Signore, ringrazio di cuore tutti i “santi” della Famiglia Salesiana.
Pettinato Marcello - Milano

CRONACA DELLA POSTULAZIONE
Il 18 febbraio 2016, nel corso del Congresso peculiare dei Consultori teologi, è stato dato parere positivo in merito alla fama di santità e all'esercizio delle virtù eroiche del Servo di Dio José Wech Vandor (1909-1979), salesiano sacerdote, missionario nell'isola di Cuba, in tempi difficili per la Chiesa e per la Congregazione.
Il 23 febbraio 2016, nella sessione ordinaria dei Cardinali e Vescovi membri della Congregazione delle Cause dei Santi è stato espresso parere positivo in merito alla fama di santità e all'esercizio delle virtù eroiche del Servo di Dio monsignor Stefano Ferrando, nato a Rossiglione il 28 settembre 1895 e morto a Genova il 20 giugno 1978, vescovo salesiano di Shillong (India) e fondatore delle Suore Missionarie di Maria Ausiliatrice.