I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL CRUCIVERBA

ROBERTO DESIDERATI

SCOPRENDO DON BOSCO

ORIZZONTALI 2. Grossa biglia di legno - 7. Uno Stato scandinavo - 14. La pianta i cui fiori si vendono con il nome improprio di mimosa - 16. In nessun caso - 18. Forza, vitalità - 19. Un'imbarcazione di lusso - 20. In... è a piè di pagina - 22. Signore a Madrid - 23. La diffonde il sole di giorno - 24. Ostentano gravità - 26. La Bolena moglie di Enrico VIII - 27. Hanno per capitale Washington - 28. XXX - 30. Zia allo specchio! - 31. Salerno (sigla) - 32. Il creatore dei Puffi (y=i) - 33. Filo per cucire molto robusto - 35. Agli... abbreviato! - 36. Un ortaggio da minestrone - 37. Abbelliti con ornamenti - 38. Città etiopica nel Tigrè - 41. Il lago detto anche Sebino - 42. Fa coppia con off sull'interruttore - 43. Si fa avanzare con la pagaia - 44. Protegge la Terra dai raggi ultravioletti - 45. In matematica, sigla di minimo comune multiplo.


VERTICALI 1. In fisica, una sua legge mette in relazione temperatura e volume dei gas - 2. Frutto come il ribes - 3. Starnazzano - 4. Ragazzo torinese - 5. Abbr. di circa - 6. Per niente dolci - 7. È conosciuto per aver dato il suo nome alla sostanza contenuta nel tabacco - 8. Vianello indimenticato attore (iniz.) - 9. Forza... latina - 10. La civiltà dell'età del bronzo fiorita in Grecia - 11. Indumento femminile - 12. Sarcasmo, canzonatura - 13. Si ottiene aprendo le finestre - 15. Precede l'effetto - 17. Lieve respiro - 20. Si applica sulla ferita - 21. Il debutto dell'attore - 24. Regione con al centro Addis Abeba - 25. Fior di giaggiolo - 28. Un giardino... con pareti di vetro - 29. Il Siro teologo e santo - 32. Soddisfatto - 34. Figlio di Matusalemme - 36. Si ripete brindando - 39. Indica provenienza - 40. Il sottoscritto.


SOLUZIONE DEL NUMERO PRECEDENTE

IL SANTO, LA PENNA E LA STAMPA

Don Bosco visse e operò in un'epoca di profonde trasformazioni sociali e sappiamo che con l'impegno e la costanza riuscì a fare grandi cose a favore dei giovani sbandati, orfani, indigenti, reietti, sfruttati. A loro don Bosco diede cure, vitto, alloggio, ma anche un avvenire migliore e da buoni cristiani. Sappiamo tante cose di questo grand'uomo, ma un aspetto poco conosciuto è che fu un prolifico XXX, scrisse tantissimo e fu addirittura editore di molti suoi lavori. L'alfabetizzazione in Italia stava crescendo e anche le tecniche tipografiche e l'editoria si stavano sviluppando, abbassando il costo dei libri e dei giornali e rendendo accessibili istruzione e notizie anche ai ceti popolari. Don Bosco si rese conto di avere un altro mezzo a disposizione per raggiungere le persone semplici, per diffondere il suo sistema educativo e per ribadire i valori cristiani dopo l'ondata illuministica di quegli anni. Cominciò con Cenni storici sulla vita del chierico Luigi Comollo e continuò ininterrottamente per tutta la vita a mettere su carta non solo opere di religione, ma anche teatrali e storiche, tra cui 18 edizioni della Storia d'Italia, altre biografie, un almanacco (Il Galantuomo) pubblicato ogni anno e contenente ricettari, previsioni e massime. Alla fine i volumetti editi furono 219 e molti altri scritti vennero raccolti e pubblicati postumi. Grazie agli incoraggiamenti che ricevette (anche dal Papa) capì che sarebbe tornata utile una tipografia per stampare quel che produceva e per insegnare ai ragazzi un mestiere nuovo per quei tempi. Così ne aprì una a Valdocco, la Scuola Grafica Salesiana, chiusa nel 2013 dopo 150 anni di attività. Che cosa avrebbe pensato il Santo di questo moderno fallimento? Che in un periodo di crisi dei valori come quello attuale andrebbero sfruttate le nuove forme di comunicazione per rilanciare il messaggio cristiano. Cioè proprio quello che aveva fatto don Bosco nell'800.