I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

CREATIVITÀ SALESIANA

LUANA MURA

Hogwarts esiste davvero!
Il museo della Magia del Mago Sales

Dopo pochi metri, i visitatori si trovano in una fiabesca foresta innevata, con alberi dalle foglie dorate. Una neve che, abbassate le luci, brilla come se fosse costituita da milioni di piccole lucciole. Le statue parlano, la gente vola.

A Cherasco, 50 chilometri da Torino, c'è un luogo dove la realtà lascia il posto alla fantasia. È il museo della Magia, inaugurato poco più di un anno fa, la più importante esposizione italiana dedicata all'illusionismo, che solo nel primo anno ha ospitato 13.000 visitatori. Sono circa 1000 metri quadri su due livelli, e 14 stanze, in un edificio ottocentesco.
A volere questo museo, è stato don Silvio Mantelli, 70 anni, “prete salesiano per vocazione e mago per passione”, come ama definirsi. Con tanto di cappello a cilindro, e con una giacca colorata, il parroco prestigiatore ci apre le porte del museo: «Da piccolo ero molto timido, l'unica cosa che faceva scomparire la mia insicurezza era la magia». E confessa: «All'età di 12 anni, un amico di famiglia mi insegnò a barare, giocando a carte». Lui però ha usato i trucchi solo per stupire: «Il mio primo pubblico l'ho avuto quando sono entrato in seminario. Da lì, non mi sono più fermato». Mago Sales è un ciclone di gioia, che ha speso la vita in missioni (Madagascar, 1991, India, 1995) per regalare un sorriso ai bambini delle zone povere del mondo.
«A Calcutta conobbi Madre Teresa. Mi faceva da impresario, invitando la gente a vedermi esibire nelle strade» racconta divertito. Nel 1997, ha creato la Fondazione Mago Sales, una onlus che, con le donazioni di 8000 benefattori, ha contribuito a costruire case, scuole, ospedali, pozzi d'acqua e ostelli per giovani. L'ultima sua creatura è proprio il museo della Magia. Tra i molti ambienti, è da segnalare la stanza dei grandi maghi, con le riproduzioni, a grandezza naturale, degli illusionisti più famosi al mondo, come il mago Silvan e il trasformista Arturo Brachetti. Che ha cominciato con don Silvio.
Per Mago Sales la voglia di sognare è rimasta tale e quale a quando era bambino, e coinvolge proprio tutti, persino papa Francesco. Con Sua Santità, don Silvio, nel giorno di don Bosco (31 gennaio), ha concelebrato la messa nella cappella di Santa Marta, in Vaticano. «E gli ho regalato un libro di magia. Un volume le cui pagine, da bianche, diventano via via sempre più colorate. Un po' come la nostra vita, che abbiamo il dovere di riempire di speranza».

Per informazioni:
Tel 0172 1908030 - 335 473784
Email: info@museodellamagia.it
Sito internet: www.museodellamagia.it