I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

CONOSCERE LA FAMIGLIA SALESIANA

LUIS ROSON

Movimento “Testimoni del Risorto”

Entrato a far parte della Famiglia Salesiana il 25 marzo 1999, come ventesimo Gruppo, il Movimento spirituale laicale “Testimoni del Risorto” (TR) è un Movimento aperto a tutti coloro che intendono vivere una forte esperienza di fede e di amicizia, costituendo una “famiglia di famiglie” in cui, insieme, ci si educa alla cultura della vita per operare meglio là dove il Signore chiama.

La storia
Verso la fine degli anni '70, un gruppo di persone si raccoglie attorno al fondatore, il salesiano don Sabino Palumbieri, per approfondire con lui la Parola da tradurre in stile di vita. Nel 1984 le idee sparse cominciano a convergere verso un progetto comune e sorge la prima proposta di un Movimento centrato sulla gioia della Risurrezione e sulla testimonianza del Risorto.
L'8 dicembre 1984 prende vita il Progetto Pasquale: il TR ('Testes Resurrectionis' - Atti 1,21) con la sua carta d'identità. Il Movimento TR nasce come spazio d'incontro tra amici accomunati da un unico ideale e da un unico desiderio: vivere più da vicino, nella quotidianità e nella realtà di ogni giorno, la notizia bella della Risurrezione, fonte di gioia e di vita.
Nel 2008 il Movimento TR è stato riconosciuto anche dalla Conferenza Episcopale Italiana.
Lo scopo fondamentale del Movimento è: aiutare a vivere la spiritualità pasquale sintetizzata in 2Timoteo 2,8 “Ricordati che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti” annunciare a tutti che tutto ha un senso solo se vissuto alla luce della Pasqua; camminare insieme come i due discepoli sulla strada di Emmaus, ascoltando la Parola, spezzando il pane, accogliendo il diverso e ospitandolo di cuore.
L'itinerario formativo dei tierrini si svolge secondo un cammino di fede che contempla varie fasi di formazione:
• conoscenza biblica di base;
• approfondimento dello specifico evento pasquale;
• acquisizione dei principi teologici e spirituali della Risurrezione;
• riflessione sull'applicazione della Pasqua ai vari ambiti esistenziali dell'oggi;
• metodo di preghiera della Lectio Divina;
• riferimento a don Bosco “maestro della Pasqua”.
Al termine dell'itinerario formativo e dell'esperienza continuativa maturata con la partecipazione agli incontri locali e generali, coloro che vogliono possono richiedere di esprimere pubblicamente il proprio “Impegno col Risorto nel TR”.

La spiritualità
La fedeltà al Cristo Risorto è il fondamento della spiritualità del TR e lo stile dei suoi membri si esprime nella gioia pasquale coltivata nel cuore, nell'ottimismo e nella speranza circa la storia, nel servizio a Cristo presente nei poveri e negli ultimi. Questo atteggiamento interiore opera nel profondo e sostiene le persone nelle loro difficoltà esistenziali.
Il Movimento cura particolarmente la formazione alla spiritualità pasquale per tutti i suoi membri mediante un corso di esercizi spirituali annuali e due week-end annuali, corsi di formazione per responsabili, campo scuola estivo per giovani, partecipazione alla vita ed alle iniziative della Famiglia Salesiana, presenza attiva nelle chiese locali, missioni sulla spiritualità pasquale animate dai laici del Movimento a questo specificamente formati.
Come recita lo Statuto, “il Movimento TR ha nella Congregazione Salesiana un vincolo di unione sicuro e stabile e le relazioni con essa si svolgono in fraterna e reciproca fiducia”.
Gli aderenti al Movimento, accogliendo la dimensione del carisma di don Bosco, promuovono: la spiritualità della gioia pasquale, aspetto della spiritualità salesiana; l'attenzione privilegiata ai giovani ed alla famiglia; l'impegno a vivere ciascuno nella propria situazione la carità pastorale e lo zelo del Regno di Dio.
La “Via Lucis” e l'icona dei “discepoli di Emmaus” costituiscono per il TR contenuto di spiritualità e metodologia di lavoro e sono per tutti i Gruppi della Famiglia Salesiana una proposta concreta di spiritualità dell'azione nello stile di don Bosco, illuminata dalla luce della Pasqua.
La celebrazione della Via Lucis, in particolare, riproposta nel 1988 proprio all'interno del TR dal suo Fondatore, è stata accettata man mano nelle varie diocesi, fino al riconoscimento ufficiale della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, nel 2002. Giovanni Paolo II l'ha fatta includere per l'Anno Santo 2000 come devozione accanto alla Via Crucis e al Rosario. Tradotta in 11 lingue, va diffondendosi nel mondo. La formula è quella della devozione itinerante in maniera simmetrica alla Via Crucis, con quattordici stazioni e passi biblici che vanno dal Sepolcro vuoto alla Pentecoste.

L'organizzazione e gli impegni
L'organizzazione generale si articola in SETTORI (Giovani, Adulti e Volontariato) ed in AMBITI operativi (formazione, comunicazione, liturgia, famiglia, artistico-ricreativo, economato), coordinati da un Coordinatore generale e, per l'aspetto spirituale, da una Guida spirituale generale.
A livello locale il TR è organizzato in gruppi di base (chiamati Cenacoli) presenti in diverse regioni italiane, in grandi città come in piccoli paesi, operando spesso nelle parrocchie e nelle diocesi di appartenenza; ad oggi se ne contano 23, con un totale di circa 800 tra aderenti e simpatizzanti.
Da pochi anni è stato costituito un cenacolo anche a Santa Fe (Argentina), ed altri si stanno formando in Camerun e Spagna: speranza di un futuro internazionale per il Movimento.
I membri del Movimento si impegnano, pertanto, a vivere e testimoniare la Pasqua del Signore nella realtà di ogni giorno, nell'esperienza familiare, professionale, sociale ed ecclesiale, ad essere testimoni della speranza, nonostante tutto, in ogni ambito. La riflessione sistematica e la preghiera costante costituiscono momenti indispensabili di questo cammino.
Il braccio operativo del Movimento è rappresentato dalla sua Associazione di volontariato: la onlus “Volontari per il Mondo”, con sostegno a distanza di ragazzi e giovani studenti e realizzazione di progetti operativi in Camerun, Ruanda e Moldavia, d'intesa con la Chiesa locale e con l'aiuto di collaboratori presenti sul posto. Le iniziative proposte sono principalmente nel campo sanitario, assistenziale ed educativo-formativo.

Altre informazioni sul sito www.testimonidelrisorto.org, dove si può scaricare il Giornale TR-News.


VUOI DIVENTARE SALESIANO?
Un ideale per cui vale la pena vivere.
Un'avventura nel nome di Dio.
Prendi contatto con

Roma: sdbicc@donbosco.it
Torino: ispettore@salesianipiemonte.it
Milano: ispettoreile.milano@salesiani.it
Napoli: salesiani@donboscoalsud.it
Veneto: info@salesianinordest.it
Sicilia: isi@sdbitalia.org