I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

IL CRUCIVERBA

ROBERTO DESIDERATI

SCOPRENDO DON BOSCO

ORIZZONTALI 1. I frati dell'Ordine dei mendicanti - 9. Organismo unicellulare dalla forma mutevole - 14. Una salsa degli antichi romani a base di pesce - 15. Il centro del cono - 17. Regolamenta l'aviazione civile (sigla) - 18. Ripetuto è l'applauso nei fumetti - 19. Lo tendeva Guglielmo Tell - 21. Radicati, persistenti - 23. Sono pari nella camorra - 24. Lo è l'inchiostro simpatico - 26. La bidella meno bella! - 27. XXX - 30. Italiana Petroli - 31. Tirocinio, seminario di aggiornamento - 32. Città e samurai del Giappone - 34. Nella filosofia orientale è considerato il Principio - 36. Lo era Pericle - 40. Recipiente di pelle per liquidi - 42. Tipo di scultura con testa e parte del busto su un pilastrino - 44. Un uccello rapace - 46. I servizi segreti che precedettero la CIA (sigla) - 47. La sposa del re, per gli spagnoli - 48. Austero, solenne - 49. Italia in breve!


VERTICALI 1. Alì che attentò alla vita di un Papa - 2. Trottare più velocemente - 3. Li devono rispettare i mezzi pubblici - 4. Superiore (abbr.) - 5. Trade Mark - 6. Confinano con gli svedesi - 7. Infortunio, contrattempo - 8. Una risposta negativa - 10. L'Agrippa pacificatore tra plebei e patrizi - 11. Lo fondò Enrico Mattei - 12. Se li scambiano gli innamorati - 13. C'è quello solforico - 16. Piene di luce ed aria - 19. Raccoglie tutti i fascicoli dell'anno - 20. Audace, come un abito succinto - 21. Un network televisivo americano - 22. Nome di donna - 24. La "i" greca - 25. Articolo nel... film! - 28. Lo scrittore Sciascia (iniz.) - 29. È volante al Luna Park - 30. Il percorso della pratica - 33. Lo sono i grizzly - 35. I missionari Oblati di Maria Immacolata (sigla) - 37. Banca vaticana - 38. Periodo geologico - 39. Il terzo figlio di Adamo ed Eva - 41. Opposto all'Ovest - 43. Ancona - 45. Iniz. di Carducci.


SOLUZIONE DEL NUMERO PRECEDENTE

GIOVANNINO E IL SOGNO CHE LO SEGNò

Il Giovannino di cui si intende parlare è, naturalmente, don Bosco bambino che, all'età di nove anni, già sapeva che cosa avrebbe fatto nella vita. Qui cominciano le domande, e la prima è: come poteva un bambino essere così sicuro di sé? Fu un episodio a segnarlo profondamente, un sogno, chiarissimo e preciso, in cui un uomo in età avanzata e una donna dall'aspetto maestoso gli indicarono la sua strada futura. Da allora ebbe inizio la sua missione con i giovani e la grande opera di assistenza e di educazione. Altra domanda: ma questo sogno, seppur vivido e perfettamente ricordato e raccontato fu davvero una visione miracolosa? A questo non si può dare una risposta certa, ma quel che è certo è che le immagini lo colpirono al punto da ricordarle per tutta la vita e seguirne le indicazioni. Racconta il Santo nelle sue Memorie che "Nel sonno mi parve di essere vicino a casa, in un cortile assai spazioso, dove stava raccolta una moltitudine di fanciulli che si trastullavano". E, anni più tardi, vicino la sua casa natia dov'è un grande prato, è stato eretto il cosiddetto XXX per commemorare quell'episodio. Ma don Bosco fu colpito, oltre che dalle due presenze celesti, l'anziano e la signora, anche dal cambiamento dei ragazzi che passavano dal gioco alla zuffa e dai loro modi sguaiati di esprimersi. Dopo il sogno più volte si ritrovò in lacrime, da piccolo e da adulto, ricordando quelle immagini mai svanite; al ritorno dalla messa o riposando su un ceppo nei pressi del prato, pensieroso, a rimuginare sullo scopo che si era prefisso, correggere i ragazzi sbandati, accoglierli, formarli nello spirito. Come avrebbe potuto mettere in pratica tutto ciò? Seguendo quello che la stessa Signora del sogno gli aveva detto: "Renditi umile, forte e robusto", da intendersi come buono, coraggioso e resistente alle prove della vita.