I numeri del Bollettino Salesiano dal 1877

ARTE SACRA: CROCIFISSI

di Filippo Manoni filippo652@interfree.it

 

Classe 1919 e una lunga attività ricca di riconoscimenti e di successi ottenuti da critici prestigiosi, Università e Accademie.

È Cooperatore salesiano, con tessera firmata dal Rettor Maggiore don Renato Ziggiotti. 

PAOLO FABBRI: POETA DELLA BELLEZZA

 

Ha meritato due dottorati “Honoris Causa” in Arte e numerosi altri premi che ne fanno un punto fermo dell’arte contemporanea. Possiede un’impressionante pedigree artistico che tocca quasi tutti i continenti. È tra l’altro ritenuto uno dei più grandi paesaggisti viventi che ha meritato una recensione anche nel volume “Vite dei più illustri pittori e scultori da Cimabue ai giorni nostri”. Fabbri sa penetrare nelle cose, attraverso la luce e il colore, cogliendone i significati ultimi.

 

L’artista nelle sue molteplici attività ha insegnato disegno e pittura, ha fondato e diretto per 21 anni la “Libera Scuola d’Arte Pomposia” di Ferrara che ha avuto la sua prima sede presso il Centro Giovanile Salesiano di quella città (Corso Porta Po, 81). Nel contempo ha iniziato la partecipazione a mostra collettive e “personali”, guadagnandosi fama di artista di grande talento, fino ad accumulare 60 premi internazionali e 130 nazionali. È lui autore del “Micropaesaggio Padano”, olio di mm 12x8, considerato il più piccolo dipinto a olio del mondo, che ha suscitato ammirazione e stupore.

 

Splendido nella sua austera maestà è il Cristo che presentiamo in questo numero del BS. Un volto nobile e maestoso, cui la corona di spine e il sangue che ne macchia la fronte più giù fino agli zigomi aumentano la composta drammaticità. Uno sguardo interrogante e una espressività dolorosa ma pacificata. Ci sembra cogliere una domanda da quello sguardo: “Ma che cosa state facendo?”. Allora come oggi, l’uomo sembra non rendersi conto di quello che combina.